Ucraina, un paese conteso tra Europa e Russia per la ricchezza

La Ucraina aspira da tempo a legare il proprio destino all’UE, e i suoi cittadini stanno ora combattendo una guerra contro un’autocrazia che intende impedire loro di scegliere che tipo di Stato vogliono essere.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.t

Viviamo in tempi turbolenti in cui soccombiamo facilmente all’iperbole e alla magniloquenza per scongiurare le nostre incertezze e ansie. Qualche settimana fa, in un seminario internazionale di esperti e politici socialdemocratici, il moderatore ha chiesto a un gruppo di relatori, se la Russia stesse attaccando l’Ucraina o l’Europa quando ha fatto scoppiare questa guerra.

La Ucraina aspira da tempo a legare il proprio destino all’UE

Tre oratori hanno affermato senza esitazione che in Ucraina si stava conducendo una specie di guerra civilizzatrice: la Russia attaccava l’Europa e gli ucraini facevano una guerra per difenderci. Ma forse non è così. Vladimir Putin non rinuncia ad attaccare l’Europa per mancanza di volontà o ambizione di espandere il suo progetto cesareo, ma perché parte dell’Europa (i paesi dell’UE e della NATO) si è dotata di un’architettura politica, economica e difensiva che ci rende un avversario troppo colossale anche per uno con ambizioni così disordinate come lui.

Ciò non significa che rinunci a turbare la vita delle nostre società con manovre di destabilizzazione economica o politica, ma sempre abbastanza ambigua (ibrida) da tenerci sull’orlo di uno scontro militare che non osa combattere direttamente. Putin cerca di indebolirci per aprire la strada alle campagne che lo interessano davvero. Non è un caso che nel nostro vicinato ci siano molti paesi che vogliono partecipare al progetto collettivo di stabilità, prosperità e sicurezza che l’UE rappresenta.

L’Ucraina aspira da tempo a legare il proprio destino all’Europa. Nel 2004 (rivoluzione arancione) e nel 2014 (rivolte di Euromaidan), migliaia di cittadini ucraini si sono confrontati per settimane con le proprie autorità, mettendo a rischio la propria vita, con il nobile obiettivo di mettere il proprio Paese sulla strada dell’Europa. Nel 2022, gli ucraini stanno conducendo una guerra contro un’autocrazia che vuole fermarli, che vuole limitare il più elementare dei diritti collettivi: scegliere che tipo di paese vogliono essere.

Scegliere di entrare nell’Ue significa sottostare a regole, regole che la stragrande maggioranza degli ucraini è convinta miglioreranno il Paese. I sondaggi indicano che quasi il 90% degli ucraini sostiene l’integrazione. Gli ucraini condividono con molti altri speranzosi, in un altro tempo o luogo, che gli standard e i regolamenti europei che dovranno adottare, a volte con notevoli sacrifici, miglioreranno il funzionamento dei loro mercati, promuovendo la prosperità. Ritengono che contribuiranno a rafforzare le loro istituzioni giudiziarie e le agenzie di controllo, rafforzando la certezza del diritto e alleviando il flagello della corruzione.

Si stanno preparando a costruire, sotto la tutela dell’UE, un nuovo modello economico e sociale i cui risultati li avvicineranno ai livelli di consumo e di benessere di cui godono un gran numero di paesi dell’UE. Con le loro azioni, miglioreranno la qualità della loro democrazia, che ha un grande bisogno di riforme ambiziose per armonizzare questo capitolo con standard comuni nell’UE.Confidano che alla fine del tunnel li attende un orizzonte democratico di stabilità e prosperità.

Sono convinti che tutto questo li aiuterà a rafforzare le loro capacità di resistere all’aggressione russa oggi e alle molestie che potrebbero subire in futuro. Il successo di questa resistenza dipende dal fatto che il resto degli europei, e in particolare i paesi confinanti con la Russia, possano sentirsi più al sicuro. La candidatura dell’Ucraina porta con sé molte cose positive per l’UE.

Il Paese di Zelensky ha dimostrato condizioni sufficienti affinché l’UE la consideri un candidato

L’Ue, nonostante i numerosi problemi interni che la scuotono e la turbano, ancora una volta si sente voluta, e ha risposto generosamente alle richieste. L’Ucraina ha dimostrato condizioni sufficienti affinché l’UE la consideri un candidato, così come la Moldova. Alla Georgia è stata offerta una prospettiva europea. Albania e Macedonia del Nord, paesi candidati da anni, hanno ricevuto la benedizione di avviare i negoziati di adesione. Con questo, l’UE chiarisce i dubbi che si stavano insediando in vari luoghi sulla sua determinazione a continuare ad ammettere nuovi membri.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Garantire all’Ucraina lo status di paese candidato rende necessario anche rilanciare il processo di adesione dei paesi balcanici, fregati in alcuni casi in una scomoda sala d’attesa, dove ogni anno che passa senza progressi significativi è un anno che logora le speranze, diffonde l’euroscetticismo, e dà trucchi ai rivali geostrategici dell’Europa per attirare i settori in rivolta con il disprezzo dell’UE. Con l’avvicinarsi dell’Ucraina all’orbita economica e politica comunitaria che questa candidatura presuppone, l’UE scommette su un paese con un enorme potenziale economico.

L’Ucraina, uno dei grandi cestini del pane del mondo, rafforza la nostra autonomia alimentare e la capacità dell’Europa di proteggersi dalla carestia nel mondo. L’Ucraina è anche uno dei paesi con le maggiori riserve di gas (non sfruttato) e diversi metalli rari, di importanza capitale per i settori produttivi europei. Oltre alle sue risorse naturali, dispone di enormi contingenti di forza lavoro qualificata, che troveranno opportunità nel quadro europeo per esprimere i talenti e le capacità di innovazione che possiede.

Ha quasi tutto per essere un paese che trova facile sistemazione in Europa, diventando prevedibilmente un paese con un grande potenziale di crescita. Prima di allora, dovrà intraprendere un progetto di ricostruzione, in cui l’Europa sarà direttamente coinvolta. I prevedibili massicci investimenti pubblici che arriveranno da Ue e Stati Uniti —che sono stati equiparati ad un Piano Marshall—devono essere accompagnati da investimenti privati ​​di entità significativa, per i quali è fondamentale che il Paese possa offrire le necessarie garanzie che questo investimento ha bisogno.

È facile comprendere, come ci hanno ricordato le autorità ucraine durante la visita parlamentare a Kiev, che il processo di integrazione che inizia con la candidatura è lo scenario più propizio per costruire quel quadro necessario a livello nazionale e, in tal modo, mettere a il progetto di ricostruzione. Di fronte a un momento storico, l’UE (sia Commissione che Consiglio) ha saputo essere all’altezza dell’occasione.

Inizia un lungo cammino, non senza sfide ed enormi difficoltà per un Paese che sta combattendo una guerra per la propria indipendenza e integrità territoriale. Questo primo passo non porterà gli ucraini dove vogliono andare, ma li aiuterà a farli uscire da dove sono. Non è poco.