Ucraina: Russia bombarda vicino Odessa e arriva a Lisichansk

La Russia bombarda la regione di Odessa in Ucraina. Mosca afferma che le sue truppe hanno raggiunto le porte di Lisichansk, l’ultimo baluardo per il controllo di Lugansk, nell’est del Paese.

Volodymyr Zelenskyy
Volodymyr Zelenskyy – NanoPress.it

Almeno 19 persone sono state uccise questo venerdì in un attacco missilistico russo contro la città di Serhiivka, nel distretto di Bilhorod-Dnistrovsky, nella provincia ucraina di Odessa. Alle 08.30 ora locale, 19 persone sono morte, inclusi due bambini. 30 sono stati feriti”, ha scritto il vice capo dell’Ufficio presidenziale, Kyrylo Tymoshenko, in un messaggio su Telegram.

Ucraina: mentre Zelensky aspetta le armi Putin avanza

Fonti ufficiali citate da Reuters portano il bilancio delle vittime a 19. Il servizio di emergenza ucraino ha confermato l’attacco missilistico, che ha attribuito all’esercito russo, e che è avvenuto alle sei del mattino. Il brutale bombardamento di Odessa è avvenuto poche ore dopo la chiusura del vertice della Nato a Madrid, in cui gli alleati hanno promesso di assistere l’Ucraina con più armi”.

A seguito di un attacco missilistico dell’aviazione strategica [russa] Tu-22 dal Mar Nero nel distretto di Bilhorod-Dnistrovskyi nella regione di Odessa, tre missili X-22 hanno colpito durante la notte un condominio di diversi piani e due ricreativi centri”, ha sottolineato Tymoshenko nel suo ultimo rapporto. Il servizio di emergenza ha riferito che uno dei missili ha colpito un edificio residenziale di nove piani che è stato stato parzialmente distrutto.

La regione di Odessa, la cui capitale con lo stesso nome ha l’unico porto marittimo in Ucraina che i russi non controllano ancora, confina con la Moldova e la Romania. L’onda d’urto ha danneggiato anche un condominio di 14 piani. I vicini hanno aiutato i servizi di emergenza a setacciare tra le macerie. “Siamo venuti qui sul sito, abbiamo valutato la situazione insieme ai soccorritori e alla gente del posto e insieme abbiamo aiutato coloro che sono sopravvissuti.

Il Cremlino ha negato di aver attaccato i civili: “Vorrei ricordare le parole del presidente secondo cui le forze armate russe non lavorano con obiettivi civili”, ha detto venerdì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. La Russia ha annunciato ieri il ritiro dei suoi militari dall’isola del Serpente, essenziale per il controllo del traffico marittimo verso il Mar Nero da Odessa.

Le truppe russe cercano di accerchiare le truppe ucraine alla periferia di Lisichansk

La Russia ha riferito questo venerdì che forze russe e filo-russe hanno raggiunto le porte della città di Lisichansk, l’ultimo bastione sotto il controllo dell’Ucraina nella regione orientale di Lugansk, dopo aver preso il controllo di una raffineria e di altre aree industriali nel sud e nel sud-est . “Le forze alleate [russe e filo-russe] sono direttamente alle porte di Lisichansk”, ha detto il portavoce del ministero della Difesa, il tenente generale Igor Konashenkov, nel suo rapporto sulla guerra mattutina.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Secondo il rappresentante in Russia dell’autoproclamata repubblica popolare di Lugank, Rodión Miroshnik, le forze russe hanno raddoppiato la loro offensiva contro la città di Lisichank, l’ultima roccaforte ucraina nella regione orientale di Lugansk, dove attaccano da quattro direzioni. Ha aggiunto che da sud, nell’area della fabbrica della gomma Rti, le sue truppe “non solo sono entrate in città, ma hanno anche effettuato ‘operazioni di bonifica’ nei blocchi circostanti”.

Da parte sua, lo Stato maggiore delle forze armate ucraine, sulla sua pagina Facebook, ha confermato che i russi stanno attaccando con l’artiglieria le poche posizioni che gli ucraini occupano a Lisichansk. Le truppe russe cercano di accerchiare le truppe ucraine alla periferia di questa città da sud e da ovest, con un assedio che dura da giorni.

A Mariupol è stata trovata un’altra fossa comune con più di cento corpi, secondo il consigliere del sindaco, Petró Andryushchenko, che ha aggiunto che le esumazioni in questa città portuale sono state definitivamente paralizzate. “Tristi ritrovamenti ogni settimana. Una nuova fossa comune sotto le macerie sulla riva sinistra. Ancora una volta, più di cento corpi di persone dalla fine di febbraio”, ha scritto Andryushchenko su Telegram.