Scholz: al vertice del G20 di novembre la Russia ci deve essere

La guerra in Ucraina ha dominato la riunione del G7 a Elmau, e il cancelliere Scholz ha parlto del vertice del g20 a novembre e promesso ulteriore sostegno in armi e aiuti allo sviluppo economico post bellico.

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

Ma il premier tedesco si è concentrato anche su altre due crisi oltre alla guerra. Al termine del vertice del G7, il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha nuovamente condannato aspramente la guerra della Russia contro l’Ucraina. Uno è “strettamente e fermamente dalla parte dell’Ucraina”, ha detto Scholz nella sua conferenza stampa finale per l’incontro delle più grandi nazioni industriali del mondo.

Scholz: “Con la guerra in Ucraina niente sarà più come prima”

L’incontro in Baviera ha mostrato l’unità e la determinazione dei paesi del G7, ha affermato Scholz. È stato “un vertice importante in un momento molto speciale”. Insieme i paesi occidentali contrasteranno l’aggressione russa. “Niente è più come prima”, ha detto Scholz a proposito della guerra di aggressione russa in Ucraina. “Davanti a noi c’è un periodo di incertezza”.

Scholz ha parlato di tre messaggi che dovrebbero provenire da Schloss Elmau: Oltre a sostenere l’Ucraina, i paesi del G7 vogliono dedicarsi alla lotta alla crisi della fame e alla crisi climatica. Soprattutto, l’attacco russo all’Ucraina aveva determinato l’incontro del G7 sin da domenica. Lunedì il G7 ha promesso sostegno illimitato all’Ucraina e ha annunciato l’inasprimento delle sanzioni contro la Russia. L’accesso dell’industria militare russa alla tecnologia occidentale dovrebbe quindi essere “ulteriormente limitato”.

Il G7 ha anche annunciato sanzioni mirate contro i responsabili di crimini di guerra. Il gruppo sta anche cercando un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo, al fine di privare Mosca delle entrate per finanziare la guerra di aggressione in Ucraina. Il G7 vuole organizzare una conferenza internazionale per una successiva ricostruzione, ha affermato Scholz. Siamo “uniti nel sostenere l’Ucraina”.

Lotta alla fame e al clima le priorità

Anche la carenza alimentare globale, esacerbata dalla guerra in Ucraina, è stato un argomento dell’incontro. Il G7 ora vuole mettere a disposizione fino a cinque miliardi di dollari (4,7 miliardi di euro) per la lotta alla fame, ha affermato Scholz. Ci sarà una “alleanza globale per la nutrizione”. Si stima che quest’anno fino a 40 milioni di persone potrebbero essere spinte nella povertà a causa della guerra di aggressione di Putin contro l’Ucraina.

Mario Draghi
Il premier Mario Draghi – Nanopress.it

Anche la crisi climatica è stato un tema dell’incontro. Scholz ha parlato di non perdere di vista i compiti a lungo termine sotto l’impatto della guerra in Ucraina. I capi di stato e di governo hanno sostenuto la sua idea di un club internazionale per il clima, ha affermato Scholz. Dovrebbe trattarsi di un club “aperto e cooperativo” che promuova insieme la transizione energetica e la protezione del clima.

L’obiettivo è creare il club del clima entro la fine del 2022. Alla domanda se i paesi del G7 prenderanno parte al vertice del G20 se anche la Russia sarà ospite lì, Scholz ha affermato che il circolo del G7 ha convenuto di non voler separare il G20. Dal punto di vista odierna, la decisione dei leader del G7 è “che tutti vadano lì”.

Un consigliere di Putin ha detto lunedì che il presidente russo voleva partecipare al vertice del G20 del 15 e 16 novembre. Il governo indonesiano l’attuale presidenza del G20 ha anche invitato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Il premier italiano Mario Draghi non si aspetta che Putin partecipi personalmente. Il presidente indonesiano Joko Widodo, che ha anche partecipato al vertice del G7, li ha esclusi. “Era categorico lì, non verrà”, ha detto Draghi. “Partecipazione a distanza” tramite collegamento video, ad esempio, è concepibile, ha affermato Draghi.

Al vertice del G7 seguirà immediatamente il vertice della NATO a Madrid e nel pomeriggio i capi di Stato e di governo del G7 viaggeranno di conseguenza. Il vertice della NATO si svolge mercoledì e giovedì. Prima del vertice vero e proprio, i capi di Stato e di governo dei paesi della NATO si incontreranno martedì su invito del re Felipe VI di Spagna. insieme per una cena al palazzo reale. La guerra in Ucraina sarà anche l’argomento principale del vertice della NATO.