Ucraina: “La Russia prepara un attacco sotto falsa bandiera a Zaporizhzhya”

L’Ucraina ha avvertito che la Russia sta pianificando un attacco sotto falsa bandiera alla centrale nucleare di Zaporizhzhya, che è controllata dalle truppe del presidente Putin.

Volodymyr Zelenskyy
Volodymyr Zelenskyy – NanoPress.it

L’agenzia di intelligence della difesa ucraina ha affermato di aver ottenuto informazioni secondo cui Mosca aveva detto ai suoi lavoratori di non presentarsi in servizio. La centrale nucleare, vicino alla prima linea nella città di Enerhodar, nell’Ucraina centrale, è stata ripetutamente presa di mira nelle ultime settimane, con Ucraina e Russia che si sono incolpate a vicenda per i bombardamenti.

La centrale nucleare, nella Ucraina centrale, è stata ripetutamente presa di mira nelle ultime settimane

Le immagini video riprese da un drone sopra il sito mostravano veicoli corazzati da combattimento russi e camion di munizioni che venivano spostati nelle sale delle turbine del reattore, in un apparente tentativo di usarli come scudo.

Il quotidiano inglese Times in precedenza aveva ottenuto video e testimonianze che suggerivano che le forze russe hanno organizzato attacchi sotto falsa bandiera per interrompere la connessione dell’impianto alla rete elettrica ucraina ed erodere il sostegno occidentale a Kiev. Igor Kirillov, capo delle forze di difesa radioattive, chimiche e biologiche della Russia, ha affermato ieri che i sistemi di supporto di riserva dell’impianto erano stati danneggiati a causa dei bombardamenti.

In una presentazione che utilizzava diapositive, ha suggerito che Germania, Polonia e Slovacchia sarebbero state inondate di materiale radioattivo in caso di incidente nell’impianto, il più grande d’Europa. Kirillov non ha fornito dettagli sui danni già subiti, ma si credeva si riferisse ai generatori diesel che pompano il liquido di raffreddamento ai reattori in caso di interruzione dell’alimentazione elettrica.

La Russia ha minacciato di chiudere l’impianto, che fornisce elettricità in eccesso all’Europa, interrompendo potenzialmente l’elettricità a milioni di persone nell’area circostante. Ha schierato armi pesanti sul sito. I reattori sono racchiusi in spessi strati di acciaio e cemento, ma un’esplosione nella sala delle turbine dove sono stati visti i veicoli militari russi potrebbe causare un incendio che distruggerebbe i sistemi di raffreddamento del reattore, provocando una perdita di radiazioni.

Ciò porterebbe a un disastro nucleare della portata dell’incidente di Fukushima, in Giappone, nel 2011, ha affermato Petro Kotin, direttore di Energoatom, la compagnia di energia nucleare statale ucraina. L’Ucraina ha condotto esercitazioni di risposta alle emergenze nucleari nella regione di Zaporizhzhya come parte dei piani per uno scenario peggiore. Circa 500 soldati russi della guardia personale di Putin, Rosgvardia, sono di stanza presso l’impianto, insieme a circa 20 specialisti nucleari del Cremlino.

I reattori sono racchiusi in spessi strati di acciaio e cemento, ma un’esplosione nella sala delle turbine potrebbe essere grave

Insieme supervisionano il lavoro di diverse centinaia di dipendenti ucraini. L’UE, il G7 e 42 paesi hanno chiesto alla Russia di ritirare immediatamente le sue truppe dall’area. Il presidente Zelensky ha tenuto colloqui ieri nella città ucraina occidentale di Lviv con António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, e il presidente turco Erdogan.

Elettricità Ucraina UE
La centrale nucleare di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa – Nanopress.it

In seguito ha affermato di aver discusso “l’argomento del ricatto nucleare della Russia” presso l’impianto, aggiungendo: “Questo terrore deliberato da parte dell’aggressore può avere conseguenze catastrofiche globali per il mondo intero. Pertanto, l’ONU deve garantire la sicurezza di questo oggetto strategico, la sua smilitarizzazione e la completa liberazione dalle truppe russe”. Erdogan ha accettato di aiutare a ricostruire le infrastrutture dell’Ucraina, comprese strade e ponti.

Il Cremlino ha respinto le richieste di una zona smilitarizzata intorno allo stabilimento di Zaporizhzhya come “inaccettabili”, dicendo che ciò lo renderebbe “più vulnerabile”. Il ministero della Difesa ha confermato che l’impianto sarebbe stato chiuso se fosse stato attaccato. Gli aerei da guerra russi equipaggiati con missili ipersonici sono stati schierati ieri vicino alle frontiere della Nato.

Il ministero della Difesa ha affermato che tre caccia MiG con missili Kinzhal a capacità nucleare sono stati consegnati alla base aerea di Chkalovsk nel territorio di Kaliningrad come parte di “ulteriori misure di deterrenza strategica”. Kaliningrad è l’avamposto più occidentale della Russia, al confine con Polonia e Lituania.

Gli aerei da guerra sarebbero stati messi in allerta 24 ore su 24 e lavoreranno in tandem con la sesta armata aerea dell’aviazione russa, nonché con le batterie antiaeree e l’aviazione della flotta baltica, ha aggiunto il ministero della Difesa. Putin si è vantato che la nuova generazione di armi ipersoniche della Russia può aggirare qualsiasi sistema di difesa occidentale. La Russia ha precedentemente schierato missili balistici Iskander a corto raggio nel territorio baltico, dove ha diverse basi aeree e decine di migliaia di soldati.