Ucraina: il Donbass si sta trasformando in un incubo per Zelensky

In Ucraina le truppe di Putin si avvicinano alla città di Lisichansk dopo aver migliorato le proprie posizioni nei giorni scorsi.

Zekensky
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Il fronte orientale si sta trasformando in un incubo per l’Ucraina. Mentre i leader europei a Bruxelles lo accolgono come paese candidato all’adesione all’UE, le truppe russe avanzano a poco a poco, ma continuamente, nel Donbass, la regione orientale che è diventata il centro della guerra, dopo che gli ucraini sono riusciti all’inizio della il conflitto nell’espellere l’invasore che si stava avvicinando a Kyiv.

In Ucraina il Donbass al 90 per cento è dei russi

Nei giorni scorsi l’interesse si è concentrato su due città gemelle situate su entrambe le sponde del fiume Donets: Severodonetsk e Lisichansk, entrambe nella provincia di Luhansk. Dopo che le forze del Cremlino si sono rafforzate nella prima pochi giorni fa (anche se secondo le autorità ucraine non la controllano al 100%), Kyiv ora teme la stessa sorte per la seconda.

La battaglia sta entrando in un “culmine terrificante”, ha affermato Oleksii Arestovich, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky.”La situazione è grave”, ha ammesso giovedì il viceministro della Difesa Hanna Maliar. “La Russia continua a sviluppare la sua guerra di logoramento.

Secondo le analisi dei nostri servizi di intelligence, le truppe di Mosca cercheranno di catturare Severodonetsk e Lisichansk, perché ne hanno bisogno per la loro causa, per annunciare di aver portato a termine il loro compito di impossessarsi della totalità delle province di Donetsk e Luhansk [che costituiscono la regione del Donbass]”, ha proseguito il numero due della Difesa di Kyiv. “Quello che sta succedendo era prevedibile. Le forze russe hanno moltiplicato per 10 il volume di armi e artiglieria. Temo che continuino ad avanzare e che abbiano la possibilità di impossessarsi del Donbass”.

Questo ha confidato sulla terrazza di un caffè della capitale un ex ministro, che ha chiesto di non rivelare il suo nome. “Siamo entrati in una fase di guerra completamente convenzionale. L’Ucraina può avere un vantaggio nelle città o nei paesi di medie dimensioni, ma negli spazi aperti la Russia ha il sopravvento”, ha aggiunto il politico in pensione, che mantiene buoni contatti con diverse capitali europee.

La chiave di questa guerra, ha concluso l’ex ministro, sarà quello che succede al sud, che finalmente resterà con città importanti come Kherson (attualmente in mano russa), scontando che sarà molto difficile strappare a Mosca la penisola di Crimea e gran parte del Donbass. Il governatore della regione di Lugansk, Serhii Gaidai, ha dichiarato giovedì che le truppe ucraine stanno difendendo la città di Severodonetsk, che prima della guerra contava circa 100.000 abitanti, e altre piccole città vicine.

Le forze di Kiev sono state costrette a ritirarsi

Le forze di Kiev sono state costrette a ritirarsi per evitare di essere circondate dal nemico.Gaidai ha ammesso che i russi hanno preso il controllo di due piccole città. “Il nemico ha catturato gli insediamenti di Loskutivka e Ray-Oleksandrivka“, ha detto lo stato maggiore dell’esercito ucraino, in un messaggio sul suo account Facebook. “Il nemico sta concentrando i suoi sforzi per ottenere il pieno controllo della città di Severodonetsk”, ha aggiunto.

Putin
Putin – NnoPress.it

Oggi sono quattro mesi della guerra che Vladimir Putin ha lanciato contro l’Ucraina, che ha definito una “operazione militare speciale”. Con il calo delle vittime da entrambe le parti, il presidente Zelenksi ha invitato i suoi alleati occidentali ad accelerare la spedizione di armi pesanti per affrontare le truppe di Mosca. “Dobbiamo liberare il nostro Paese e ottenere la vittoria, ma più velocemente, molto più velocemente“, ha detto giovedì il presidente in un video pubblicato sul suo Telegram.

Nel suo rapporto di giovedì, i servizi di intelligence britannici hanno avvertito che le truppe russe sono avanzate per più di cinque chilometri verso Lisichansk da domenica scorsa. “Il miglioramento dei risultati dell’esercito russo è probabilmente dovuto ai rinforzi ricevuti di recente e all’intensa concentrazione di fuoco”, affermano gli inglesi, che nonostante tutto aggiungono che la Russia non ha ancora realizzato i suoi piani per circondare l’intera parte occidentale dalla regione di Donetsk.

L’Istituto per lo studio della guerra (ISW) ritiene possibile che i russi arrivino a Lisichansk nei prossimi giorni. “I sistemi di difesa aerea russi nell’est limitano l’efficacia dei droni ucraini, minando una delle chiavi che ha aiutato Kiev in questa guerra“, afferma il think tank statunitense. L’agenzia cita fonti anonime ucraine che assicurano che le forze del loro paese hanno smesso di utilizzare i droni turchi Bayraktar, altamente efficaci nella prima fase della guerra, a causa del miglioramento della capacità di difesa della Russia.

Le forze di Kyiv hanno anche ridotto il numero delle operazioni aeree giornaliere a un range da 20 a 30 e stanno anche affrontando un problema di mancanza di piloti per gli aerei disponibili. “Tuttavia, l’aviazione ucraina e i suoi droni rimangono attivi in ​​altre parti del paese, causando gravi danni agli obiettivi nella provincia di Kherson [nel sud del paese] la scorsa settimana”, aggiunge l’ISW.

L’offensiva si sta intensificando anche a Kharkov, la seconda città più grande dell’Ucraina, nel nord-est del Paese, molto vicino al confine con la Russia. Secondo il governatore di questa provincia, Oleh Siniehubov, un attacco russo mercoledì notte ha ferito cinque persone, tra cui due bambini, nella vicina città di Pechenihi. L’attacco ha distrutto diverse case, secondo quanto assicura il governatore.