UE: l’Ucraina avrà lo status di paese candidato all’adesione

I Ventisette della Ue invitano la Commissione a monitorare i progressi della Ucraina nel soddisfare le condizioni per l’adesione alla Comunità.

Charles Michel
Charles Michel – NanoPress.it

I leader dell’Unione Europea hanno riconosciuto questo giovedì che il destino dell’Ucraina è legato a quello del blocco comunitario. I Ventisette hanno deciso in un vertice di Bruxelles di dare la massima dimostrazione di sostegno al vicino orientale, concedendogli lo status di paese candidato all’adesione all’Ue.

La Ue dpoo 120 giorni d di guerra manda un segnale importante

Il gesto è carico di simbolismo verso uno Stato rotto dalla guerra dall’invasione orchestrata dalla Russia, esattamente 120 giorni fa, ed è il segnale di partenza per un processo molto lungo e complesso per diventare un membro a pieno titolo della famiglia dell’Unione. Lo stesso riconoscimento ha ottenuto anche la Moldova, che ha seguito le orme aperte da Kyiv poco dopo l’inizio del concorso.

“Il Consiglio europeo ha appena deciso lo status di candidato Ue per Ucraina e Moldova”, ha annunciato il presidente del Consiglio, Charles Michel, attraverso i social network. “Un momento storico. Oggi viene compiuto un passo cruciale nel suo cammino verso l’Ue”, ha aggiunto. “Il nostro futuro è stare insieme”.

L’UE raccoglie così il guanto di sfida della Commissione europea, che una settimana fa ha raccomandato di fare il passo, ma sotto la richiesta che Kiev intraprenda riforme di vasta portata in campi che vanno dall’indipendenza della magistratura, alla lotta contro il controllo economico degli oligarchi, e alla corruzione nel Paese.

Il testo delle conclusioni adottato giovedì dai Capi di Stato e di governo in seno al Consiglio europeo, invita la Commissione europea a riferire sulla situazione. “Il Consiglio deciderà i passi da seguire una volta soddisfatte tutte queste condizioni”, aggiunge il testo. La Georgia, che ha anche rivendicato la propria candidatura poco dopo l’inizio dell’invasione, esce dal gruppo: una prospettiva europea è riconosciuta, ma l’Ue deciderà sul suo caso solo una volta che si sarà fatta carico di un elenco di condizioni.

“La decisione che abbiamo preso oggi ci rafforza tutti”, ha detto Ursula von der Leyen, presidente del braccio esecutivo dell’Ue, in un’apparizione dopo aver raggiunto l’accordo. “Rafforza Ucraina, Moldova e Georgia di fronte all’aggressione russa. E rafforza l’UE perché mostra ancora una volta al mondo che è unita e forte di fronte alle minacce esterne”. La Commissione sarà incaricata di riesaminare periodicamente il rispetto delle condizioni che devono essere soddisfatte dai candidati, e ha promesso di presentare il primo rapporto sull’Ucraina entro la fine del 2022.

“E’ un momento unico e storico nelle relazioni tra Kiev e Ue”

“E’ un momento unico e storico nelle relazioni tra Ucraina e Ue”, ha reagito subito il presidente ucraino, Volodímir Zelensky, definendo la decisione “una delle più importanti per l’Ucraina nei 30 anni di indipendenza”. “Tuttavia, questa decisione non è solo per l’Ucraina. Questo è il più grande passo verso il rafforzamento dell’Europa che potrebbe essere compiuto in questo momento, quando la guerra russa sta mettendo alla prova la nostra capacità di preservare la libertà e l’unità”.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

Sono grato a Von der Leyen e Michel e al resto dei leader dell’UE per il loro sostegno”.Anche Emmanuel Macron, presidente della Francia, il Paese che detiene la presidenza dell’Unione questo semestre, ha cercato parole all’apice dei libri di storia. “Oggi viene inviato un messaggio molto forte, coerente con quanto la nostra Europa è stata in grado di fare dal primo giorno del conflitto”, ha detto in un’apparizione con il presidente del Consiglio e della Commissione.

“Reazione veloce, storica e unita. Con sanzioni due giorni dopo l’inizo della guerra, attraverso il sostegno macroeconomico e militare e, ora, attraverso questo gesto politico”, ha sottolineato. Se aderisse,  l’Ucraina sarebbe il paese più grande per superficie dell’Unione, una vera potenza agricola, anche se attualmente gravemente colpito dall’invasione russa. E aggiungerebbe 44 milioni di abitanti al blocco, secondo il censimento prima della guerra.

La strada potrebbe essere molto lunga, Kiev deve ancora completare molti traguardi per poter avviare anche le trattative per entrare nel club, ma per l’Ucraina, che anni fa ha consacrato la sua svolta verso Occidente e dove la maggioranza della popolazione è filoeuropea, secondo sondaggi, è un passaggio simbolico molto importante. La decisione dei vertici dei Ventisette è anche un “gesto di fiducia” nei confronti dell’Ucraina, ha sottolineato Vsevolod Chentsov, ambasciatore ucraino presso l’Ue; un cenno che può intraprendere le riforme che gli vengono chieste e che è sulla strada giusta.

Kyiv, tuttavia, ribadisce di aver bisogno di più armi per resistere all’aggressione russa e fonti del gabinetto di Volodímir Zelenski – che da due giorni ha intrapreso una maratona di telefonate con i suoi omologhi dell’UE per imporsi verso la candidatura – insinuano che il 9 miliardi di euro che Bruxelles prevede di sbloccare come nuova assistenza macrofinanziaria all’Ucraina è un importo molto inferiore al suo fabbisogno. Il direttore della Banca europea per gli investimenti, Werner Hoyer, ha stimato in un miliardo di euro la cifra di cui l’Ucraina ha bisogno per riparare i danni causati dall’invasione russa.