Ucraina: dopo Bucha e Irpin tocca a Kremenchuk

“Impossibile immaginare il numero delle vittime”, dicono Zelensky e il governatore della provincia di Poltava, nel centro della Ucraina.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.t

La Russia ha dimostrato ancora una volta la ferocia con cui conduce la guerra in Ucraina. Dopo aver compiuto massacri come quelli di Bucha e Irpin, un attacco con due missili a un centro commerciale gremito di persone, nella città di Kremenchuk, si avvia a diventare un nuovo capitolo nero dell’avventura iniziata il 24 febbraio da Vladimir Putin.

Ucraina: attacco russo a centro commerciale, almeno 11 i morti

A metà pomeriggio, quando gli abitanti di questo paese al centro del paese stavano tranquillamente facendo la spesa nei negozi di abbigliamento, profumi o generi alimentari del piccolo centro commerciale situato nel centro della città, è scoppiato un rumore assordante. Il bilancio provvisorio delle vittime è di 11 morti e cinquanta feriti, ma tutto indica che nelle prossime ore aumenterà.

“Il centro commerciale è in fiamme. I vigili del fuoco cercano di spegnere l’incendio. Il numero delle vittime è impossibile da immaginare”, ha scritto il presidente ucraino Volodímir Zelensky alle 16.18 ora locale, sul suo account Telegram. Dmitri Lunin, governatore della provincia di Poltava, dove è avvenuto l’attacco, ha confermato nel tardo pomeriggio 11 morti e oltre 50 feriti. Di questi, 25 sono stati ricoverati in ospedale, sei in condizioni critiche.

Ero a casa a lavare i piatti quando ho sentito una tremenda esplosione. È stato tutto molto veloce. Sono corsa fuori per rassicurare il mio cane, che era molto nervoso per il rumore”, racconta Catarina Jolod, la cui casa si trova a circa 10 minuti a piedi dal centro commerciale attaccato. “Ho chiamato mia madre e non poteva rispondermi. Siamo tutti molto nervosi e spaventati”, aggiunge questa studentessa che ora è in vacanza a Kremenchuk, dove vive la sua famiglia. Jolod spiega che la struttura colpita si trova nel centro della città, molto vicino alla stazione ferroviaria.

Il governatore provinciale ha abbassato le speranze di trovare molti sopravvissuti. Ha inoltre aggiunto che non c’erano obiettivi militari nelle vicinanze che la Russia potesse attaccare. “Si tratta di un atto di terrorismo commesso contro i civili”, ha detto Lunin. Le immagini mostrano una colonna di fumo con fiamme che i vigili del fuoco cercano di spegnere, mentre diverse persone corrono intorno allo stabilimento attaccato. “Gli occupanti hanno lanciato razzi contro il centro commerciale, dove c’erano più di 1.000 civili”, ha aggiunto Zelensky nel suo messaggio Telegram.

Russia ha attaccato Kremenchuk con un missile X-22

In un video, si vede un uomo al telefono che dice: “C’erano persone all’interno dell’edificio. I muri cominciano a crollare”. Sebbene le autorità abbiano inizialmente segnalato 2 decessi e successivamente li abbiano portati a 11, la cifra potrebbe aumentare nelle prossime ore. Yuri Ignat, un portavoce del comando dell’Air Force, ha detto ai media di Ukrayinska Pravda che la Russia ha attaccato Kremenchuk con un missile X-22 lanciato da un bombardiere a lungo raggio Tu-22M3 situato nella regione russa di Kursk.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

“La Russia continua a trasferire la sua violenza ai cittadini comuni. Inutile aspettarsi decenza e umanità da parte loro”, ha assicurato il presidente. “[Il centro commerciale] non rappresentava alcun pericolo per l’esercito russo e non aveva alcun valore strategico. C’erano solo persone che cercavano di condurre una vita normale, cosa che fa infuriare gli occupanti”, ha aggiunto Zelensky. Kremenchuk, una città industriale con 217.000 abitanti prima dell’invasione russa, possiede la più grande raffineria di petrolio in Ucraina.

Le Nazioni Unite sono state la prima organizzazione a condannare quanto accaduto in città. Il suo portavoce, Stephane Dujarric, ha descritto l’attacco come “deplorevole” e ha espresso preoccupazione per l’intensificarsi dei combattimenti in Ucraina. «È deplorevole, per non dire altro. Nessun tipo di infrastruttura civile, che include ovviamente i centri commerciali, non dovrebbe mai essere un obiettivo di guerra“, ha affermato il portavoce dell’Onu, secondo l’agenzia Reuters.