L’Ucraina combatte l’infiltrazione russa nei poteri statali

La guerra in Ucraina non si combatte solo con le armi. Zelensky accusa il capo dei servizi segreti e il procuratore generale dell’alto numero di aver protetto collaboratori russi nell’Amministrazione.

Zelensky Putin
Volodymyr Zelensky e Vladimir Putin – Nanopress.it

In che misura i servizi segreti russi sono infiltrati in Ucraina? Il suo presidente, Volodímir Zelensky, ha messo nero su bianco questa domenica. Zelensky ha precisato che 651 persone sono accusate di fornire informazioni al nemico – il ministero dell’Interno ha alzato la cifra un mese fa a 700 -. La preoccupazione principale sono i collaboratori della Russia dentro i poteri statali.  

In che misura i servizi segreti russi sono infiltrati in Ucraina?

Il leader ucraino ha ora dato un colpo sospendendo il procuratore generale e il capo dei servizi di intelligence (SBU) dai loro incarichi. Diversi media statunitensi hanno riferito il 20 febbraio che i servizi segreti statunitensi davano per scontata l’invasione dell’Ucraina. Questo è arrivato quattro giorni dopo. La presidenza e il governo ucraini non hanno accettato pienamente la minaccia fino all’ultimo momento.  

Perché, mentre gli alleati dell’Ucraina vedevano una guerra imminente, il suo governo non la considerava ancora altamente probabile?  Quattro mesi dopo, domenica scorsa, Zelensky ha annunciato la sospensione di Ivan Bakanov come capo della SBU e Irina Venediktova come procuratore generale. Rappresentanti del governo degli Stati Uniti hanno assicurato al New York Times che la caduta di Bakanov non è dovuta alla fuga di informazioni dalle sue agenzie di intelligence alla Russia.

Queste fonti hanno anche detto allo stesso giornale che dall’inizio della guerra, le informazioni dell’intelligence statunitense non passano più attraverso la SBU, ma vanno direttamente alle forze armate ucraine. Zelensky incolpa Bakanov e Venediktova di aver consentito una fuga di collaboratori russi nei rispettivi dipartimenti. Non sono stati ancora formalmente destituiti, solo rimossi dall’incarico, secondo quanto riferito lunedì da Andrii Smirnov, vice capo dell’ufficio del presidente, in attesa del completamento delle indagini in corso.

I licenziamenti ordinati da Zelensky in posizioni chiave non sono una novità

“Ci aspettavamo tutti le misure necessarie e persino risultati radicali dai capi di questi due organismi”, ha detto Smirnov. “Tuttavia, continuiamo a trovare dozzine di collaboratori e traditori in entrambe le amministrazioni, a 5 mesi dall’inizio della guerra”, ha aggiunto. Bakanov, amico di Zelensky fin dall’infanzia, è stato al suo fianco da quando è diventato un attore famoso fino al suo salto in politica per diventare presidente nel 2019.

Zelensky
Zelensky – Nanopress.it

La spada di Damocle è stata sospesa su Bakanov dall’inizio dell’offensiva russa. Christopher Miller, corrispondente di Politico per l’Ucraina, ha riferito lo scorso giugno che Zelensky stava già pensando di rimuovere Bakanov. Zelensky perse fiducia in lui e il motivo principale, secondo Miller, sarebbe stata la perdita della città di Kherson, sulla costa del Mar Nero, senza prendere decisioni strategiche che avrebbero fermato l’avanzata russa.

I licenziamenti ordinati da Zelensky in posizioni chiave non sono una novità. Il presidente ha avviato la procedura di impeachment ad aprile contro due generali della SBU, l’ex capo degli affari interni dell’agenzia Andrii Naumov e l’ex capo dei servizi segreti a Kherson Krivoruchko. Nel suo messaggio quotidiano alla nazione domenica scorsa, Zelensky ha ricordato di aver precedentemente licenziato i capi della sicurezza per la Crimea – annessa alla Russia nel 2014 – e la provincia di Kharkov.

A giugno è stato arrestato, senza che la sua identità fosse resa pubblica, un alto funzionario del Consiglio dei ministri, accusato di tradimento. Un rapporto di luglio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) sul rispetto dei diritti umani durante la guerra ha confermato di non aver potuto accedere alla maggior parte dei casi contro coloro accusati di collaborare con il nemico perché tenuti segreti.