Ucraina: armi per difendere Odessa in cambio dello sminamento del porto

Il ministro russo Sergei Lavrov va in Turchia per cercare di raggiungere un accordo, ma Kiev non si fida di Mosca e chiede più armi per proteggere il Porto di Odessa.

Sergej Lavrov
Sergej Lavrov – Nanopress.it

Kiev mantiene riserve sul piano proposto da Ankara di istituire un corridoio navale che consenta l’uscita dei prodotti agricoli ucraini bloccati dall’invasione russa. L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori di cereali al mondo e per diversi paesi dell’Asia e del Nord Africa contribuisce fino alla metà del grano che consumano, il che ha fatto scattare gli allarmi per la crisi alimentare che può causare l’impossibilità di portarli a il loro destino.

Odessa ora è il porto più importante al mondo

Secondo il governo di Volodímir Zelenski, fino a 25 milioni di tonnellate di cereali sono bloccate in territorio ucraino e in attesa di una soluzione negoziata dai due paesi in conflitto con la mediazione della Turchia.

Il piano prevede la riapertura del porto ucraino di Odessa, ma kyiv mantiene riserve e chiede che vengano fornite armi per difendere la costa del Mar Nero in caso di attacco russo e pattugliamenti navali da paesi terzi.“Dati i recenti attacchi missilistici su un silo Mikolaiv, non possiamo escludere che la Russia abbia intenzione di utilizzare questo corridoio per attaccare Odessa e l’Ucraina meridionale.

Ecco perché abbiamo bisogno di garanzie di sicurezza efficaci per ripristinare la navigazione. Tali garanzie dovrebbero passare attraverso la fornitura all’Ucraina di armi adeguate per proteggere la costa dalle minacce navali e che le forze navali di un paese terzo pattugliano quest’area del Mar Nero “, si legge in una dichiarazione pubblicata dal ministero degli Esteri ucraino  questo martedì, alla vigilia dei negoziati che si terranno in Turchia dal capo della diplomazia russa, Sergey Lavrov.

La scorsa settimana, Ibrahim Kalin, portavoce dell’Esecutivo turco, consigliere principale del presidente Erdogan e uno di quelli coinvolti nei negoziati, ha spiegato in un’intervista a questo quotidiano che il piano comporterebbe il trasporto del grano ucraino attraverso il porto di Odessa su mercantili scortato da navi militari turche.

Sarebbe un’operazione sotto l’egida dell’ONU e con un centro a Istanbul, da dove il grano sarebbe distribuito ai mercati internazionali e dove i rappresentanti russi e ucraini che avrebbero supervisionato il processo avrebbero stabilito la loro base. Il punto più delicato del piano è che, affinché le navi mercantili entrino e lascino il porto di Odessa, l’Ucraina deve rimuovere le mine galleggianti che ha posizionato per difenderlo.

La Turchia si offre per sminare la zona intorno al Porto

La Turchia si è offerta di collaborare allo sminamento e il presidente russo Vladimir Putin ha dato la sua parola che non intende attaccare la città portuale. Ma gli ucraini non si fidano del leader russo, tanto meno quando il mese scorso Odessa era di nuovo nel mirino dei bombardamenti. “Putin dice che non utilizzerà le rotte commerciali per attaccare Odessa.

Putin
Putin – NnoPress.it

È lo stesso Putin che ha detto al cancelliere tedesco [Olaf] Scholz e al presidente francese [Emmanuel] Macron che non avrebbe attaccato l’Ucraina giorni prima di lanciare un’invasione su vasta scala del nostro paese. Non possiamo fidarci di Putin, le sue parole sono inutili”, ha scritto lunedì su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba.

In Turchia sperano che il sostegno che le Nazioni Unite possono dare servano a chiarire i dubbi ucraini. Martedì il ministro Lavrov era ottimista sulla possibilità di raggiungere un accordo. La delegazione che guiderà ad Ankara comprende esperti di questioni alimentari e militari, quindi si prevede che i dettagli del piano saranno discussi a livello tecnico.

Siamo in trattative con tutte le parti per raggiungere una soluzione e abbiamo fatto molta strada. Ora ci occupiamo degli aspetti tecnici: come verranno sminate, chi lo farà, come verrà allestito il corridoio, chi offrirà la scorta. Entrambe le parti chiedono garanzie all’altra e noi stiamo cercando di fare centro”, ha spiegato alla stampa. Ad annunciarlo martedì il ministro della Difesa turco, il generale Hulusi Akar, dopo un colloquio telefonico con il suo omologo russo, Sergei Shoigú.

Tuttavia, durante il suo soggiorno in Turchia, Lavrov non manterrà contatti con i rappresentanti ucraini, hanno spiegato fonti diplomatiche a Kiev. Anche il governo ucraino non è stato invitato ai colloqui di Ankara, quindi è difficile pensare a come verranno superati gli ostacoli al raggiungimento di un accordo. “Apprezziamo gli sforzi della Turchia per sbloccare i porti ucraini.

Allo stesso tempo, dobbiamo sottolineare che non c’è ancora un accordo su questo tema tra Ucraina, Turchia e Russia. Vogliamo sottolineare che le decisioni devono essere prese con la partecipazione di tutte le parti. Rifiuteremo qualsiasi accordo che non tenga conto degli interessi dell’Ucraina”, ha avvertito il ministero degli Esteri nella sua dichiarazione.

Il grano russo parte da Sebastopoli

Anche l’Ucraina non accoglie con favore la richiesta che le navi che partecipano all’operazione per sbloccare i prodotti agricoli ucraini siano ispezionate dalla Russia. Un’altra delle lamentele di Kiev è che la Russia sta distribuendo grano ucraino rubato dai territori occupati. “Abbiamo visto che sono state rubate circa mezzo milione di tonnellate di grano.

Porto di Odessa
Porto di Odessa – NanoPress.it

Ci sono test in tutte le regioni temporaneamente occupate: Kherson, Zaporizhia, Luhansk, Donetsk e Kharkiv. Il carico viene portato in Russia, principalmente dalle regioni di Kharkov, Donetsk e Luhansk, o attraverso la Crimea, dalle regioni di Zaporizhia e Kherson”, ha affermato la scorsa settimana il viceministro della politica agraria ucraino Taras Visotsky.

Nella penisola di Crimea, occupata dalla Russia dal 2014, il cereale attraversa il porto di Sebastopoli verso i mercati internazionali. “Questi cereali vengono portati all’estero, inclusa la Turchia. Abbiamo chiesto aiuto ad Ankara per risolvere questo problema”, ha denunciato venerdì scorso l’ambasciatore ucraino ad Ankara, Vasil Bodnar.

Diplomatici ucraini hanno condiviso con le autorità turche i nomi di almeno cinque navi mercantili – alcune delle quali operano sotto bandiera russa e altre sotto bandiera siriana – che avrebbero partecipato alla vendita del grano rubato e che, secondo i loro registri , hanno recentemente fatto scalo nei porti turchi. Kyiv ha anche ringraziato l’Egitto e il Libano per aver rifiutato l’attracco di almeno una nave russa carica di grano sospettata di essere stata rubata in Ucraina.

Secondo analisi basate su fonti aperte, l’agenzia Reuters ha concluso che questo cereale rifiutato è finito per essere scaricato nel porto siriano di Latakia.