Le Pen, dopo le presidenziali si rassegna a perdere le legislative

Marine Le Pen, la leader della destra francese, radicalizza il suo discorso in campagna elettorale, in vista delle elezioni programmate il 12 e 19 giugno.

Marine Le Pen
Marine Le Pen – NanoPress.it

Che fine ha fatto Marine Le Pen? All’inizio di aprile, la leader dell’estrema destra francese ha affrontato le elezioni presidenziali in condizioni migliori che mai. Alcuni sondaggi l’hanno avvicinata alla vittoria. Aveva ammorbidito la sua immagine e smussato gli angoli più aspri del suo messaggio.

La Le Pen si avvia verso il tramonto politico?

Rispetto all’altro candidato di destra, Éric Zemmour, sembrava quasi moderata. Nonostante abbia perso contro Emmanuel Macron, ha ottenuto il miglior risultato della sua storia: 13 milioni di voti, 41,5%.

Sono appena passati due mesi quando la Le Pen (Neuilly-sur-Seine, 53 anni) tiene una conferenza stampa in una piccola e buia stanza di Calais, la città portuale conosciuta in tutto il mondo per essere il punto di arrivo di immigrati e rifugiati dai luoghi più poveri del pianeta.

È venuta qui per presentare, davanti a una dozzina di giornalisti, i candidati locali del suo partito, il National Rally (RN), per le elezioni legislative del 12 e 19 giugno. E per denunciare che la Francia è sull’orlo del caos. Accusa gli immigrati, come se volesse recuperare il terreno perso da Zemmour. “Questo governo ci sta portando nel baratro”, avverte Le Pen, candidata in un collegio elettorale di questa regione settentrionale.

Per lei, gli attentati e le rapine prima e dopo la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool, il 28 maggio, rispecchiavano “un Paese che, per la pressione dell’immigrazione e della criminalità, diventa una zona di diritto non generale”. “Dammi tra 100 e 150 deputati e tutto cambierà”, ha promesso.

La stessa candidata, che ad aprile è stata vista ad un passo dall’Eliseo, si è rassegnata a non vincere le elezioni legislative e forse a non essere nemmeno il primo gruppo di opposizione. “Lei è una realista”, riassume Jean-Yves Camus, politologo della Fondazione Jean-Jaurès e specialista di estrema destra. “Tutti commettono un errore comune quando pensano che il risultato di un‘elezione presidenziale si proietta in quelle legislative. Non c’entra niente».

Il Sistema elettorale in Francia non favorisce chi va da solo

Il sistema elettorale la danneggia, oltre ad aver deciso di farcela da sola, senza alleanze con altri partiti. “Se è fortunata e può raggiungerla, la RN avrà un gruppo parlamentare, cioè 15 deputati, e sarà migliore dell’ultima volta”. Al primo turno delle elezioni legislative, la RN otterrebbe il 21% dei voti, secondo un sondaggio dell’istituto Ifop. Sarebbe dietro Macron e la sinistra di Jean-Luc Mélenchon.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron – NanoPress.it

Nel secondo turno, sarebbe la terza o la quarta forza, con un range compreso tra 20 e 50 deputati sui 577 dell’Assemblea nazionale. La prima forza di opposizione sarebbe la sinistra. Mélenchon, euroscettico e anticapitalista, ha condotto una campagna sulla base del fatto che se i francesi gli daranno la maggioranza parlamentare, Macron sarà costretto a nominarlo primo ministro.

Le Pen, nonostante sia stata due volte la rivale di Macron in un’elezione presidenziale, presume che non avrà la maggioranza e, quindi, non potrà essere primo ministro. “Non c’è alcuna possibilità che ciò accada”, ha affermato pochi giorni fa alla stazione radio France Bleu quando gli è stato chiesto questa ipotesi. “Bisogna dire la verità agli elettori”.

Ed è così che, a differenza di Mélenchon, vero fenomeno di questa campagna elettorale, Le Pen appare offuscata e lontana dalla spinta della campagna per le elezioni presidenziali. Non è più l’ombra di quello che era solo due mesi fa.

È un peccato! Peccato che tu sia qui”! È una giornata di sole nella regione di Calais. Tutto andava bene per Le Pen nella piazza del mercato di Audricq, una cittadina di 4.500 abitanti, finché quest’uomo le si avvicina e inizia a urlarle contro.

La candidata, fino ad allora, si è dedicata a fare selfie con donne e bambini.“Che gioia incontrarla di persona!” ha commentato una donna. Un altro ha aggiunto: “È più giovane che in TV!” La chiamano tutti Marine, come se fosse una famiglia.

Il ‘partito famiglia’ senza quadri ed eredi

Tutti chiedono la foto e se ne vanno. Non parlano di politica, non gli fanno domande, non discutono. Niente a che vedere con il bagno di massa di Macron in eventi elettorali simili, né con le discussioni interminabili e talvolta tese del presidente con i cittadini che si avvicinano a lui per lamentarsi o criticarlo. Le Pen continua con i sorrisi e i selfie mentre l’uomo continua a rimproverarla.

Jean Luc Mélenchon
Jean Luc Mélenchon – NanoPress.it

Un sostenitore del candidato risponde all’uomo di andare via! La candidata si intrufola in un bar e pochi minuti dopo la sua squadra la fa entrare in macchina e scompare. La visita al mercato sarà durata mezz’ora e la maggior parte dei vicini, nell’immensa piazza Audruicq, non si è nemmeno accorta di chi passava. È, su piccola scala, quello che gli succede in Francia durante la campagna. Le Pen non conta. Non si vede. Né è prevista in questa lotta tra Macron e Mélenchon.

È possibile che il capo della RN senta l’usura delle elezioni presidenziali. E di un risultato che, pur avvicinandola più che mai all’Eliseo, è stato il suo terzo tentativo fallito di conquistare il potere. Nei giorni successivi alla vittoria di Macron ad aprile, ha deciso di prendersi qualche giorno di riposo. Successivamente, si è rifiutata di fare un accordo con Zemmour, il suo rivale di estrema destra.

Mélenchon ha fatto il contrario: dire fin dal primo giorno che voleva essere primo ministro e stringere un’alleanza di sinistra con ambientalisti, comunisti e socialisti. La destra e l’estrema destra concorrono separatamente; la sinistra, dal moderato al radicale, unita.

Le Pen soffre di problemi che vanno oltre la campagna in corso. Il primo è la debolezza dei suoi candidati: il loro è un partito di famiglia (Marine l’ha ereditato dal padre, Jean-Marie) senza abbastanza quadri per vincere seggi.

La seconda è che i soliti elettori di Le Pen (la classe operaia e i giovani) sono meno mobilitati alle elezioni legislative. Il terzo svantaggio è il sistema elettorale. Quelle legislative sono, in realtà, 577 elezioni simultanee a due turni in 577 circoscrizioni.

Come nelle elezioni municipali o regionali, quando un candidato della RN si qualifica per il secondo turno, il resto dei candidati e la maggioranza degli elettori si uniscono per impedirgli di vincere. Vincere un posto è un’impresa.

Così è stato di cinque anni fa: dopo che Le Pen aveva superato gli 11 milioni di voti alle elezioni presidenziali, un mese dopo, alle elezioni legislative, il suo partito vinse otto deputati. Ora, anche se dovrebbe superare il numero di seggi di cinque anni fa, i 13 milioni di voti alle elezioni presidenziali di aprile non si rifletteranno nella nuova Assemblea nazionale.

“Dopo aver ottenuto il 42% al secondo turno delle elezioni presidenziali, sarebbe uno scandalo democratico se il Raduno Nazionale non avesse un gruppo parlamentare”, lamenta Le Pen a Calais. “Sono scioccato nel vedere nei sondaggi che, mentre la classe media e popolare sono quelle che soffrono di più della politica tossica di Emmanuel Macron, sono, a quanto pare, quelle che voteranno di meno. Conto su di loro”.