Twitter costringe Musk a rivelare la sua mossa

L’uomo più ricco del pianeta. Elon Musk, è stato portato in tribunale dal social network Twitter, l’azienda che voleva acquistare ad aprile tramite un’offerta di 44 miliardi di dollari.

Elon Musk
Elon Musk – NanoPress.it

Quando Elon Musk aveva 29 anni, una grande roulotte arrivò alla sua porta di casa nella Silicon Valley. All’interno del box c’era una delle sole 62 vetture McLaren F1 mai realizzate al mondo. L’uomo d’affari aveva guadagnato 400 milioni di dollari l’anno prima, nel 1998, vendendo un programma che aveva progettato.

L’uomo più ricco del pianeta è stato portato in tribunale da Twitter

Ha speso uno di quei milioni per l’auto veloce in grado di raggiungere i 300 chilometri all’ora. “La mia paura è che diventiamo bambini viziati che perdono la capacità di apprezzare le cose e la prospettiva”, ha confessato Justine Wilson, l’allora fidanzata dell’uomo d’affari, alle telecamere della CNN che hanno catturato l’arrivo dell’auto. Quella McLaren non avrebbe mai percorso più di 20.000 chilometri. Musk l’ha distrutta su un’autostrada nel 2000 con Peter Thiel come suo copilota.

Il co-fondatore di PayPal era furioso quando aveva saputo che Musk non aveva assicurato la sua auto. 22 anni dopo, Elon Musk si sta preparando ancora una volta per una grave collisione. L’uomo più ricco del pianeta è stato portato in tribunale da Twitter, la società che voleva acquistare ad aprile con un’offerta ostile per 44 miliardi di dollari. Tre mesi dopo, l’uomo d’affari ha cambiato idea, sostenendo che la società tecnologica non aveva soddisfatto le sue richieste nell’accordo originale, e che gli aveva mentito sul numero di falsi utenti sulla piattaforma.

Il reclamo è contestato dalla società di San Francisco, che sta cercando di forzare una risoluzione di questa storia in un tribunale speciale che risolve le controversie aziendali nel Delaware.”La strategia di uscita di Musk è ipocrita”, afferma la causa intentata martedì. Twitter non stava cercando un acquirente quando il magnate è entrato nell’azienda come cavallo di Troia.

Dopo aver iniziato ad acquistare azioni a gennaio, ha annunciato il 4 aprile di aver acquisito il 9,2% della società. Dieci giorni dopo, ha annunciato pubblicamente di aver messo sul tavolo un’offerta di acquisto di 54,20 dollari per azione.

Questo ha capovolto il mondo degli affari. Invece di lasciare che le cose si sistemassero, Musk ha continuato a rimescolarle. Nelle settimane successive ha pubblicato 16 commenti sul social network stesso, disprezzando l’azienda di cui stava cercando di entrare in possesso, i suoi amministratori e dipendenti. “Musk ha mostrato disprezzo per un’azienda che si pensa avrebbe dovuto proteggere se voleva prenderne il timone. Da quando ha firmato l’accordo di fusione, Musk ha ripetutamente disdegnato Twitter e il patto, creando rischi commerciali per Twitter e pressioni al ribasso sul prezzo delle sue azioni”, si legge nel testo del tribunale.

Le azioni tecnologiche sono scese dell’1,5% questa settimana

Le azioni tecnologiche sono scese dell’1,5% questa settimana. In privato, Musk, evidentemente convinto della acquisizione, stava iniziando a plasmare l’azienda attorno alla sua visione. Il 28 aprile ha inviato un sms al consiglio dicendo che una delle sue “più grandi preoccupazioni” era il numero dei dipendenti e le spese dell’azienda. All’inizio di maggio, dopo un incontro con i dirigenti, si è nuovamente lamentato del numero dei dipendenti e ha chiesto alla dirigenza di pensare a fare dei tagli.

Twitter a Wall Street
Twitter a Wall Street – NanoPress.it

Twitter ha annunciato a maggio che stava sospendendo le nuove assunzioni e all’inizio di luglio ha licenziato il 30% del team incaricato di reclutare nuovi tweep, come si chiamano i dipendenti del social network. E poi Musk ha cambiato idea. Gli esperti del mercato azionario ritengono che stiano arrivando giorni migliori per le azioni di Twitter.

La fiducia è incentrata sugli analisti che vedono scarse le possibilità che Musk vinca il processo. “Il Delaware non ammette mai il rimorso dell’acquirente. Ci deve essere qualcosa di fraudolento o che c’è stata una cattiva condotta da parte del venditore per essere d’accordo”, ritiene Charles Elson, professore in pensione presso l’Università del Delaware, esperto in questioni legali e societarie.

Un uomo passa davanti al quartier generale di Twitter a San Francisco. Dopo che l’accordo è stato negoziato sotto gli occhi del mondo, ora raggiunge la Delaware Court of Chancery, un tribunale speciale nel secondo stato più piccolo degli Stati Uniti. Nonostante le sue dimensioni, e con solo un milione di abitanti, la regione ospita la maggior parte delle società Fortune 500 grazie al suo regime fiscale lassista.

Il 45% del PIL del Delaware è costituito dalle entrate dei servizi finanziari e dai profitti derivanti dall’incorporazione di imprese. La prima udienza si terrà martedì nella città di Wilmington. Quel giorno, il giudice Kathaleen McCormick ascolterà la richiesta di Twitter di accelerare il processo e ottenere una risoluzione con un processo di quattro giorni che si svolgerà a settembre.

“L’impressione è che tutti vogliano voltare pagina”

“La mia impressione è che tutti vogliano voltare pagina. Soprattutto Twitter, perché durante il processo possono essere rivelate informazioni imbarazzanti per loro”, afferma Elson.

Rublo Dollaro
Il Rublo russo ed il Dollaro statunitense – Nanopress.it

Le parti possono raggiungere un accordo durante il processo e non è escluso che durante il contenzioso Musk faccia una nuova offerta di acquisto con un prezzo inferiore all’originale. Musk ha già fatto una mossa. Questo venerdì il suo team legale ha presentato una mozione in tribunale per avere un processo accelerato.

“È un ritardo tattico… La improvvisa richiesta di andare in tribunale dopo due mesi di trascinamento e offuscamento è una strategia per nascondere la verità sugli account di spam abbastanza a lungo da costringerci a chiudere l’affare“, ha detto il magnate in risposta. alla causa. In un recente meme, che lo mostra in crisi, Musk mostra il suo desiderio di esporre i dati più sensibili di Twitter durante il processo. L’operazione ha una data provvisoria per concludersi il 24 ottobre.

Alcuni analisti ritengono che Musk vincerà anche se il giudice gli darà torto. Nella peggiore delle ipotesi, il tycoon lascerà la battaglia senza la tecnologia e con un miliardo di dollari in meno, a sanzione che potrebbe pare se il giudice gli permettesse di fuggire.

“Uno dei problemi che si è verificato in passato è l’estrema diversificazione in molti modi e tipi di modelli di business, data l’industria spaziale alla ricerca sul cervello. Se potessi pensare che il rigore sarebbe il modo migliore”, pensa Paco Bree, professore alla Business School di Deusto e consulente del pubblico. Forse Musk può togliersi un peso sotto forma di un uccello blu.