Tunisia: la nuova Costituzione di Saied acuisce la divisione del Paese

In Tunisia il 94,6% degli elettori concede più poteri al presidente Saied, in un referendum molto messo in discussione per la mancanza di garanzie, boicottato dall’opposizione, e al quale ha partecipato solo il 27% della popolazione censita.

Kais Saied
Kais Saied – NanoPress.it

Il presidente del Consiglio elettorale tunisino (ISIE), Farouk Bouascar, ha annunciato martedì sera in conferenza stampa che la percentuale di voti a favore della nuova Costituzione ha raggiunto il 94,6% nel referendum indetto per avallare la legge fondamentale promossa dal presidente del Paese, Kais Said, mentre solo il 5,4% dei cittadini che si sono recati alle urne ha optato per il no.

La percentuale di voti a favore della nuova Costituzione ha raggiunto il 94,6%

L’approvazione della nuova Costituzione, che molti esperti definiscono “autocratica o “iperpresidenziale” concentrando nelle mani di Saied la quasi totalità dei poteri dello Stato, è stata garantita non essendovi una soglia minima di partecipazione.

Inoltre, la maggioranza dell’opposizione aveva scelto di boicottare il referendum, ritenendo “illegittimo” il processo politico che l’ha condotto in quanto scaturito da un “colpo di stato” —un anno fa Said ha dichiarato lo stato di emergenza per assumere pieni poteri e governare per decreto, e il tasso di partecipazione era solo del 27,5%.

Nasce così la Costituzione con una legittimità maltrattata, che fa presagire un peggioramento della crisi politica che sta attraversando il Paese. La piattaforma del Fronte di Salvezza Nazionale, che riunisce alcuni dei principali partiti, ha chiesto le dimissioni di Saied in un comunicato in cui ha anche messo in dubbio la validità dei risultati, vista la bassa affluenza alle urne e “dubbi sull’imparzialità e l’indipendenza dell’Isie”.

A maggio Saied ha unilateralmente sollevato i membri del Consiglio elettorale, istituzione che era stata elogiata per aver organizzato in modo trasparente tutte le elezioni nel periodo post-rivoluzionario. A differenza di quanto accaduto nei precedenti processi elettorali, questa volta le autorità non hanno consentito l’arrivo di missioni di osservazione estere. Solo poche ONG locali, come l’Associazione tunisina per l’integrità della democrazia e delle elezioni (ATIDE), hanno svolto questo compito.

Bassem Mattar, presidente dell’organizzazione, afferma che “si sono registrate numerose infrazioni alla legge, come il mancato rispetto della giornata di riflessione, l’accompagnamento dei cittadini all’interno delle scuole, e vari problemi di registrazione degli elettori”. Assicura, tuttavia, di non avere informazioni su alcun sartiame. “Ma c’erano solo osservatori in 450 delle 11.000 scuole”, aggiunge.

La Tunisia verso una autocrazia presidenziale

Sayida Ounissi, che era un deputato al Parlamento ora sciolto dal partito islamista Ennahda ed ex ministro del Lavoro, ritiene che anche prendendo per buoni i numeri dell’Isie, il voto sia un “fallimento” per Saied. “Solo una piccola minoranza della popolazione ha approvato la sua Costituzione pur avendo messo a disposizione tutti i mezzi dello Stato”, sostiene. “Nessuno può dire che Said abbia ancora una popolarità stratosferica“, sottolinea. Il presidente è stato eletto nel 2019 con oltre il 70% dei voti, un dato storico.

Bandiera Tunisia
Bandiera Tunisia – NanoPress.it

L’analista Youssef Cherif ha affermato che l’affluenza alle urne è stata superiore a quanto previsto dalla maggior parte degli osservatori, “ma inferiore a quanto previsto da Said”. Ciò, tuttavia, non ha impedito a Saied di fare un bagno di massa nell’iconico viale Bourguiba nel centro della capitale lunedì, dopo la chiusura dei seggi elettorali. “Non si torna indietro. Il presidente tiene la sua legittimità solo al popolo”, ha proclamato.

Ha anche colto l’occasione per affermare: “I partiti politici esistono in virtù della Costituzione. Non li dissolverò”. Le sue parole non hanno rassicurato l’opposizione. Soprattutto Ennahda, che teme di diventare un bersaglio della repressione di Said se la sua popolarità continuerà a erodersi nei prossimi mesi. “Sono scomparse tutte le tutele contenute nella Costituzione del 2014. In ogni momento possono metterci fuorilegge e arrestarci”, avverte Ounissi, che denuncia le pressioni del ministro della Giustizia sulla magistratura per incarcerare Rachid Ghannouchi, storico leader del partito islamista.

La prossima tappa del progetto politico di Saied è lo svolgimento delle elezioni legislative il 17 dicembre, che probabilmente boicotterà anche l’opposizione. La nuova Costituzione non specifica la ripartizione dei poteri tra le due camere legislative e non offre parametri per la legge elettorale. Pertanto, il presidente lo promulgherà anche unilateralmente. “Avremo una vera democrazia, non formale”, ha detto il presidente tra gli applausi dei suoi sostenitori.