Trump regna nel ‘MAGA’ conservatore con un discorso estremista

L’ex presidente Donald Trump chiude un congresso che ha avuto come ospiti Orban e FarageI biglietti VIP d’oro, a 7.000 dollari, erano esauriti. Anche la categoria argento, a 3.000 dollari.

Donald Trump v
Donald Trump – Nanopress.it

I partecipanti a piedi hanno pagato 98 dollari per sessione. La Conservative Political Action Conference (CPAC) ha celebrato questa settimana a Dallas (Texas) il suo grande festival di destra, che è stato più di destra che mai. Viktor Orbán e Nigel Farage hanno partecipato come guest star e l’universo MAGA (acronimo del motto di Donald Trump, Make America Great Again) si è radunato al completo.

Trump resta il favorito dei conservatori più militanti per le presidenziali del 2024

Soprattutto lo stesso Trump, con un discorso estremista, resta il favorito dei conservatori più militanti. La prova non è solo l’entusiasmo con cui è stato acclamato nel suo discorso di chiusura. Inoltre, le primarie fuoricampo organizzate dal CPAC. I partecipanti hanno votato in modo anonimo online chi sarebbe stato il loro preferito per candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024 e Trump ha ottenuto il 69% dei voti.

Il secondo è stato Ron DeSantis, il governatore della Florida, non meno conservatore di Trump, che suona come il suo possibile rivale nella corsa alla Casa Bianca, con il 24% di consensi. Il senatore Ted Cruz, che giocava in casa, ha ottenuto il 2%. Nessun altro del totale di 21 opzioni proposte ha superato l’1%. Certo, nell’universo parallelo raccolto all’hotel Hilton Anatole di Dallas, dove non era rimasta una sola stanza, Joe Biden non ha vinto le elezioni del 2020 ed è un “impostore illegittimo”, come Steve Bannon, ex stratega e consigliere , lo definì di Trump.

Bruxelles e Washington, ha affermato Orbán, sono due fronti di battaglia nella “lotta per salvare la civiltà occidentale”. Il coronavirus è, ovviamente, il chinavirus e il responsabile della lotta alla pandemia, Anthony Fauci, deve essere perseguito. Gli Stati Uniti vengono invasi e le truppe devono essere mobilitate per difendere il confine meridionale. Il segretario alla Sicurezza nazionale, Alejandro Mayorkas, deve essere sottoposto a processo politico, impeachment, per aver permesso l'”invasione”.

Nonostante il numero di interventi di fedelissimi sostenitori di Trump consegnati in tre giorni e trasmessi su internet, a prendersi la torta dell’estremismo è stato lo stesso Trump, con un discorso di quasi due ore in cui ha presentato una visione apocalittica degli Stati Uniti. Partecipato. Dopo innumerevoli ringraziamenti e saluti, ha iniziato con forza il suo messaggio: “Il nostro Paese viene distrutto dall’interno. L’America è sull’orlo del baratro. Quello che faremo nei prossimi mesi o anni deciderà se la civiltà americana crollerà e fallirà o se avrà successo”.

E da lì ha mantenuto il tono: “Non possiamo accontentarci. Dobbiamo cogliere questa opportunità per opporci alla sinistra radicale, ai pazzi socialisti e ai fascisti e dobbiamo colpirli molto, molto duramente”.

Trump non si è tirato indietro un attimo: “Potresti prendere i cinque peggiori presidenti della storia degli Stati Uniti e metterli insieme e non avrebbero fatto il danno che Joe Biden ha fatto al nostro Paese in meno di due anni.” “Due anni fa abbiamo avuto il paese più grande”. “Ora siamo per molti versi un paese del terzo mondo”. La tesi di Trump è che gli Stati Uniti corrono il rischio di diventare “un altro Venezuela, un’altra Unione Sovietica o una versione su larga scala di Cuba”, qualcosa che prima era “impensabile”.

Orban
Orban – NanoPress.it

Trump ha disegnato un Paese che sta crollando economicamente, in cui disoccupazione e inflazione sono superiori a quanto dicono le statistiche, un Paese dove la criminalità dilaga con la complicità dei governanti, la droga circola ovunque, i sindacati degli insegnanti marxisti si occupano di educare i bambini mentre pregano non sono ammessi nelle scuole, con funzionari corrotti che non possono essere licenziati anche se colti in flagrante e che vengono umiliati a livello internazionale.

“Dobbiamo fermare l’invasione al nostro confine meridionale. Il nostro Paese è invaso come da una forza militare”, ha detto riferendosi all’immigrazione clandestina, che ha legato ancora e ancora alla criminalità: “Pagheremo un prezzo altissimo per molti anni in termini di terrorismo e criminalità. “. “Mentre mettiamo in sicurezza il confine”, ha continuato, “un’altra priorità chiave per il prossimo Congresso e il prossimo presidente sarà prosciugare la palude una volta per tutte, estirpare i burocrati corrotti e sradicare lo stato profondo”.

Washington è conosciuta come la palude in un duplice senso, sia per essere costruita su un terreno paludoso che per pratiche corrotte. Certo, non è mancata la bufala elettorale: “Le elezioni sono state truccate e rubate e ora il nostro Paese viene sistematicamente distrutto”.

Il suo intero discorso sembrava che intendesse candidarsi di nuovo alla presidenza, ma ha accuratamente evitato un annuncio al riguardo. Al massimo ci sono state le insinuazioni: “Mi sono presentato due volte. Ho vinto due volte e la seconda volta ho fatto molto meglio della prima (…). E ora potremmo doverlo fare di nuovo”, ha detto sollevando le persone dai loro posti. Alcuni repubblicani credono che Trump possa scongiurare alcuni elettori moderati e mobilitare gli elettori democratici che non lo rivogliono presidente.

Nel partito, però, gode di un grande consenso e non sarebbe facile per nessun altro candidato batterlo alle primarie. “Il ritorno dell’America inizia a novembre e continuerà con lo slancio inarrestabile che costruiremo nel novembre 2024, perché quello sarà il grande momento”, ha detto Trump verso la fine del suo discorso, prima di chiudere, tra un delirio di i partecipanti, con il suo “make America great again”.