Troppe flatulenze a lavoro, licenziato fa causa all'azienda

Querelata l'azienda in questione: nel ricorso si fa appello ai diritti del 70enne in quanto obeso.

Troppe flatulenze a lavoro, licenziato fa causa all’azienda

Un uomo del New Jersey è stato licenziato per le continue flatulenze sul posto di lavoro, ma sua moglie, che lavora ella stessa azienda, ha deciso di sporgere denuncia contro la Case Pork Roll, compagnia che si occupa della vendita all’ingrosso di carni. L’accusa è violazione dei diritti sui disabili, in quanto l’uomo, che corrisponde al nome di Richard Clem, è obeso.

Il 70enne americano è stato assunto nel 2004, quando pesava ben 190 kg. Si è poi sottoposto a intervento chirurgico allo stomaco, ma in seguito all’operazione ha cominciato ad avere questi effetti collaterali imbarazzanti, diarrea e flatulenza. In seguito ai reclami dei suoi colleghi per il cattivo odore emanato, il presidente della compagnia ha deciso il licenziamento. La moglie dell’uomo, però, ha querelato l’azienda denunciando che il licenziamento sarebbe una violazione della legge sulla tutela dei cittadini disabili. L’Americans with Disabilities Act vieta la discriminazione contro le persone con disabilità e dunque tutela anche le persone sovrappeso.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere