Torurate e uccise a 21 e 23 anni per non aver ‘rispettato’ i mariti

Due sorelle spagnole di origine pakistana, sono state torturate e uccise dallo zio, per non aver portato i mariti in Spagna. Purtroppo coninuano gli omicidi di persone di sesso femmninile in Pakistan.

Arooj Abbas e Aneesa Abbas
Arooj Abbas e Aneesa Abbas – NanoPress.it

Arooj e Aneesa torturate e uccise come delle bestie

Ad Islamabad due sorelle spagnole, di origine pakistana, sono state uccise dallo zio paterno nella provincia pakistana del Punjab, per non aver portato i loro mariti in Spagna, secondo un resoconto dei media locali, che sabato hanno diffuso la notizia.

Arooj Abbas e Aneesa Abbas, di età compresa tra i 21 e i 23 anni, sono stati assassinate venerdì nel villaggio di Nathia, nel distretto di Gujrat, a circa 170 chilometri da Lahore, perché non erano riusciti a ottenere i visti per i rispettivi mariti, per stabilirsi con loro in Spagna, ha riportato il quotidiano Dawn.

L’indagine iniziale ha suggerito che entrambe le sorelle, che sono di nazionalità spagnola, erano sposate con i loro cugini in Pakistan, ma non erano contente dei loro matrimoni, secondo il rapporto citato da fonti della polizia.

Entrambe le sorelle sono state trovate uccise nella loro casa. Sono stati gravemente torturate prima di essere uccise a colpi di arma da fuoco, ha detto la polizia. Gli inquirenti hanno detto che le donne sono state uccise dallo zio paterno, che era anche il suocero di una di loro.

Il ricordo di Sana Cheema

I loro mariti – Hasan e Atique – così come i loro suoceri sospettavano di aver “intenzionalmente” ritardato la procedura per i visti dei loro mariti, poiché le loro mogli non volevano che stessero con loro in Spagna, ha detto la polizia.

Sana Cheema
Sana Cheema – NanoPress.it

L’ufficiale di polizia del distretto di Gujrat (DPO), Ataur Rehman, e altri, hanno raggiunto il posto dopo l’incidente e un team di esperti forensi ha raccolto prove dalla scena del crimine. I corpi sono stati trasferiti in ospedale per l’autopsia.

La madre della donna, Azra Bibi, anche lei presente in casa al momento dell’omicidio, ha detto alla polizia che le sue figlie al loro ritorno in Pakistan si erano rifiutate di vivere con i loro mariti. “Per questo, mio ​​fratello Hanif e i mariti delle mie figlie li hanno picchiati duramente e li hanno uccisi a colpi di arma da fuoco. Li ho implorati di risparmiarsi la vita, ma gli assassini non hanno ascoltato”, ha detto.

La polizia ha condotto perquisizioni per arrestare i sospetti coinvolti nel crimine. Nel Gujrat, alcuni anni fa, come molti di voi ricorderanno, Sana Cheema, una donna italo-pakistana, 26 anni, sarebbe stata uccisa dal padre, dal fratello e dallo zio in nome dell’onore. Il padre di Sana voleva sposarla con un suo parente, ma lei aveva un ragazzo in Italia con cui desiderava sposarsi.