Taiwan accusa la Cina di simulare un attacco all’isola

Navi e caccia cinesi effettuano manovre a Taiwan, nello Stretto di Formosa, con 49 di loro che attraversano la linea di demarcazione mediana.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

Blinken assicura che gli Usa non cercano una crisi e che “non c’è giustificazione per questa risposta militare estrema e sproporzionata”. Taiwan assicura che sabato mattina l’Esercito popolare di liberazione (le forze armate cinesi) ha compiuto un finto attacco sull’isola.

Blinken assicura che gli Usa non cercano una crisi

L’esercitazione fa parte delle esercitazioni militari lanciate giovedì dalla Cina in risposta alla visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taipei. Per il governo cinese, la sua breve sosta nell’isola, che funge di fatto da Stato —e che Pechino considera una provincia ribelle—, mina “clamorosamente” la sua “integrità territoriale”, e non ha esitato a rispondere come era stato avviso di settimane fa.

Oltre a queste pratiche belliche senza precedenti intorno a Taiwan, la seconda potenza economica mondiale ha deciso di congelare la cooperazione con gli Stati Uniti su questioni chiave (come l’ambiente, il controllo della droga o nella sfera militare) e sanzionare Pelosi e la sua stretta famiglia.

La Casa Bianca, dal canto suo, ha definito “irresponsabile” questa reazione perché “punisce tutti”. Il segretario di Stato Antony Blinken ha affermato che Washington non cerca alcuna crisi e ha criticato la risposta militare di Pechino.

Il ministero della Difesa taiwanese ha riferito questo sabato che navi da guerra e aerei da guerra cinesi hanno effettuato manovre nello Stretto di Formosa, e 49 di loro hanno attraversato nuovamente la linea di demarcazione mediana, un confine non ufficiale, ma che fino ad ora era rispettato.

Dal dipartimento ritengono che queste incursioni delle forze cinesi siano una simulazione di un attacco all’isola principale. Di fronte a questa situazione, l’esercito taiwanese ha lanciato un avvertimento, schierato pattugliamenti aerei di ricognizione e barche di sorveglianza e messo in standby missili a terra.

Taipei assicura che le esercitazioni di guerra che, in linea di principio, dureranno fino a domenica a mezzogiorno, rappresentano di fatto un blocco aereo e marittimo dell’isola. Secondo i media locali, le manovre hanno interessato 18 rotte aeree internazionali sull’isola e più di 900 voli sono stati costretti a cambiare itinerario negli ultimi tre giorni.

Taiwan assicura che le esercitazioni di guerra che, in linea di principio, dureranno fino a domenica a mezzogiorno

Inoltre, l’esercito taiwanese ha riferito di nuovo questo sabato di aver dovuto lanciare razzi di segnalazione per disperdere sette droni militari cinesi che hanno sorvolato le isole Kinmen venerdì notte. Questo piccolo arcipelago controllato da Taipei si trova a soli 10 chilometri dalla città di Xiamen, nella Cina meridionale.

Antony Blinken
Antony Blinken – NanoPress.it

L’esercito taiwanese ha anche lanciato un avvertimento dopo aver rilevato un aereo non identificato sulle isole Matsu e Dongyin.In Cina, dal canto loro, i media statali continuano a pubblicare contenuti nazionalisti legati alle manovre.

Il canale televisivo dell’Esercito popolare di liberazione ha trasmesso un video di soldati che svolgono esercitazioni mediche su un treno ad alta velocità che è stato trasformato in un ospedale mobile. Dicono che il veicolo sia dotato di un’unità di terapia intensiva e di una sala operatoria e potrebbe contenere fino a un centinaio di pazienti, suggerendo che si stanno preparando per la possibilità di vittime.

Secondo la rete televisiva statale CCTV, combattenti, bombardieri, allerta precoce e aerei da ricognizione hanno volato intorno a Taiwan durante le esercitazioni venerdì. In un’intervista con quel mezzo, il pilota Hou Hong ha dichiarato che lui e altri colleghi hanno volato vicino all’isola in missione per scoraggiare e aumentare la pressione.

La visita di Nancy Pelosi a Taiwan ha oscurato anche il vertice dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN), tenutosi a Phnom Penh, capitale della Cambogia, un incontro volto, tra l’altro, a riunire gli sforzi per trovare una soluzione alla tomba crisi in cui è inghiottito il Myanmar.

Il forum, a cui hanno partecipato potenze come Cina, Stati Uniti, Russia e Giappone, si è concluso senza che fossero stati annunciati accordi di rilievo e dopo che la chiusura è stata posticipata fino a questo sabato a causa delle crescenti tensioni tra Pechino e Washington. Il segretario di Stato Usa ha ribadito durante il vertice che il suo Paese ha chiarito alla Cina che non cercava una crisi con la visita del politico democratico.

Blinken: “Non c’è giustificazione per questa risposta militare estrema e sproporzionata”

“Non c’è giustificazione per questa risposta militare estrema e sproporzionata”, ha sottolineato. Blinken ha assicurato che Washington avrebbe sostenuto i suoi alleati e avrebbe effettuato il normale traffico aereo e marittimo attraverso lo Stretto di Formosa: “Voleremo, navigheremo e opereremo dove il diritto internazionale lo consente”, ha sottolineato.Da parte sua, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha affermato che nelle sue osservazioni “Blinken ha diffuso informazioni sbagliate e non ha parlato onestamente”.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

“Vogliamo lanciare un avvertimento agli Stati Uniti: non agire in fretta, non affrettarti a creare una grave crisi”, ha avvertito Wang. Anche Jing Quan, un alto funzionario dell’ambasciata cinese a Washington, ha fatto eco alle osservazioni di Wang Yi: “L’unica via d’uscita da questa crisi è che la parte statunitense prenda immediatamente provvedimenti per rettificare i propri errori ed eliminare il grave impatto del viaggio di Pelosi.

Il portavoce della sicurezza della Casa Bianca, John Kirby, ritiene, tuttavia, che “non c’è nulla che gli Stati Uniti debbano rettificare”. Con il suo tour in Asia-Pacifico (che questa settimana l’ha portata anche a Singapore, Malesia, Corea del Sud e Giappone), Pelosi ha attirato critiche anche da Pyongyang.

L’agenzia di stampa statale nordcoreana KCNA cita Jo Yong-sam, direttore generale del Dipartimento di stampa e informazione del ministero degli Esteri nordcoreano, il quale afferma che “gli Stati Uniti dovranno pagare a caro prezzo tutti i problemi che stanno creando [Pelosi ] nei luoghi che hai visitato”. La politica democratica ha approfittato del suo viaggio a Seoul per avvicinarsi all’area di sicurezza congiunta di Panmunjom, nella zona smilitarizzata che separa le due Coree.