Russia e Ucraina si incolpano a vicenda per un attacco alla centrale di Zaporizhia

Il direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica chiede alle autorità di Russia e Ucraina l’accesso all’impianto per violazione di “qualsiasi principio di sicurezza nucleare”.

Putin alla parata della Marina Russa
Putin alla parata della Marina Russa – NanoPress.it

La compagnia statale ucraina Energoatom ha riferito questo venerdì che un bombardamento russo ha raggiunto la centrale nucleare di Zaporizhia. Le strutture hanno operato sotto l’amministrazione di Energoatom fino all’arrivo e alla presa in consegna dell’esercito russo durante un’offensiva all’inizio di marzo scorso.

La Russia continua la ricerca del controllo ‘strategico’ dell’Ucraina

Secondo le informazioni fornite da questa società, l’attacco ha raggiunto una linea elettrica ad alta tensione (330 kilowatt) della centrale, la più grande d’Europa, che avrebbe costretto alla disconnessione di un reattore – due dei sei di cui dispone erano ancora funzionante, ma non ha causato una perdita di radiazioni. Le autoproclamate autorità russe nella città di Enerhodar, dove si trovano queste strutture, hanno accusato dell’attacco le forze ucraine.

L’agenzia di stampa russa Interfax ha riferito che, secondo queste autorità, l’attacco avrebbe provocato un incendio nell’impianto e l’energia elettrica necessaria per il funzionamento dei reattori sarebbe stata interrotta. Poco dopo, il presidente ucraino, Volodímir Zelenski, ha dichiarato in un messaggio sul suo account Telegram che ci sono stati due attacchi all’impianto. “Gli occupanti”, ha affermato Zelensky, “hanno creato una situazione di estremo rischio per tutta l’Europa”.

Il presidente ucraino ha aggiunto durante la registrazione postata sul social network che l’aggressione agli impianti Enerhodar è un motivo per riconoscere la Russia come Stato che “sponsorizza” il terrorismo, oltre che per approvare sanzioni contro la sua industria nucleare, da parte della compagnia di Stato. Rosatom ad altre società o individui collegati. Il ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione in cui ha accusato Kiev per l’attacco a Zaporizhia.

“Fortunatamente, i proiettili ucraini non hanno colpito gli impianti di petrolio e carburante o il vicino impianto di ossigeno”, si legge nella nota, “impedendo così un incendio più grande e un possibile incidente da radiazioni”. L’attacco all’impianto di Zaporizhia, situato a sud-est di kyiv sul fiume Dnepr, arriva due giorni dopo che il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), l’italiano Rafael Grossi, ha dichiarato che l’impianto è “completamente fuori controllo” e che “qualsiasi principio di sicurezza nucleare” era stato violato.

Grossi ha chiesto di facilitare l’arrivo di una squadra dell’AIEA

Grossi ha chiesto sia alle autorità russe, che controllano le strutture e l’area, sia agli ucraini, di facilitare l’arrivo di una squadra dell’AIEA per rivedere lo stato dell’impianto cinque mesi dopo che i soldati russi sono entrati al suo interno per controllarne il funzionamento e la gestione dei suoi lavoratori.

Presidente ucraino Zelensky
Presidente ucraino Zelensky – Nanopress.it

Mosca è stata favorevole ai dipendenti dell’AIEA in viaggio verso Zaporizhia e quindi, secondo la sua versione, vede come l’esercito ucraino “usa le armi che riceve dall’Occidente per attaccare l’impianto, anche con i droni”.

Le autorità di Kiev non vedono bene la missione dell’AIEA perché servirebbe come riconoscimento della sovranità russa sull’area e sulle strutture.Secondo quanto riportato giovedì dall’Institute for the Study of War (ISW), con sede a Washington e che monitora quotidianamente l’andamento della guerra, la Russia starebbe attaccando la città di Zaporizhia con armi pesanti provenienti da Zaporizhia Nikopol, che si trova a circa 300 chilometri a sud e regolarmente bombardati nei giorni scorsi.

Mosca, secondo l’analisi dell’ISW, sta “mettendo intenzionalmente l’Ucraina in una posizione difficile: o rispondere al fuoco, rischiando la condanna internazionale e un incidente nucleare [cosa che difficilmente le forze ucraine faranno], oppure consentire alle forze russe di continuare a sparare sulle posizioni ucraine da una zona sicura efficace”.

Sul campo di battaglia, nell’est del Paese, l’offensiva russa concentra la sua avanzata su Bakhmut, Avdiivka e Piski, tre paesi che formano una sorta di mezzaluna dall’area sotto il controllo russo fino al confine che separa la regione del Donbass, ambita da Mosca , e il resto del paese. Allo stesso modo, le autorità ucraine hanno denunciato i bombardamenti su Mikolaiv, dove il governo locale ha decretato il coprifuoco di due giorni, e nel nord-est del Paese, nelle città di Sumi e Chernihiv.