Sri Lanka tra gasdotti e tafferugli affronta una crisi umanitaria

Chamila Nilanthi è stanca di tutta l’attesa. La 47enne madre di due figli ha trascorso tre giorni in fila per prendere il cherosene nella città di Gampaha, nello Sri Lanka, a nord-est della capitale Colombo.

Gotabaya Rajapaksa
Gotabaya Rajapaksa NanoPress.it

“Non so quanto tempo abbiamo per farlo.” Alcuni anni fa l’economia dello Sri Lanka stava crescendo abbastanza forte da fornire posti di lavoro e sicurezza finanziaria alla maggior parte delle persone. Ora è in uno stato di collasso, dipendente dagli aiuti dell’India e di altri paesi mentre i suoi leader cercano disperatamente di negoziare un piano di salvataggio con il Fondo monetario internazionale.

L’economia dello Sri Lanka è al collasso

Ciò che sta accadendo in questa nazione insulare dell’Asia meridionale di 22 milioni di persone è peggio delle solite crisi finanziarie viste nei paesi in via di sviluppo: è un completo crollo economico che ha lasciato la gente comune a lottare per acquistare cibo, carburante e altri beni di prima necessità e ha portato disordini politici e violenza.

“Si sta davvero trasformando rapidamente in una crisi umanitaria”, ha affermato Scott Morris, ricercatore presso il Center for Global Development di Washington. Tali disastri sono più comunemente osservati nei paesi più poveri, nell’Africa subsahariana o nell’Afghanistan dilaniato dalla guerra.

Nei paesi a reddito medio come lo Sri Lanka, sono più rari ma non inauditi: 6 milioni di venezuelani sono fuggiti dal loro paese d’origine ricco di petrolio per sfuggire a una crisi politica apparentemente senza fine, che ha devastato l’economia.

L’Indonesia, un tempo propagandata come un’economia forte della “tigre asiatica”, ha subito una privazione a livello di depressione alla fine degli anni ’90 che ha portato a rivolte e disordini politici, e ha spazzato via un uomo forte che aveva detenuto il potere per tre decenni.

Il paese ora è una democrazia e un membro del Gruppo delle 20 maggiori economie industriali. La crisi dello Sri Lanka è in gran parte il risultato della sbalorditiva cattiva gestione economica combinata con le ricadute della pandemia, che insieme agli attacchi terroristici del 2019, hanno devastato la sua importante industria del turismo.

I risultati della crisi dovuta al Covid 19

La crisi del COVID-19 ha anche interrotto il flusso dei pagamenti a casa degli srilankesi che lavorano all’estero. Il governo ha assunto ingenti debiti e ha ridotto le tasse nel 2019, esaurendo il tesoro proprio quando il COVID-19 ha colpito. Le riserve valutarie dello Sri Lanka sono crollate, lasciandolo incapace di pagare le importazioni o difendere la sua valuta assediata, la rupia.

Una ragazza fa il tampone per il Covid 19
Una ragazza fa il tampone per il Covid 19 – NanoPress.it

I comuni cittadini dello Sri Lanka, specialmente i poveri, ne stanno pagando il prezzo. Aspettano giorni per cucinare gas e benzina, in file che possono estendersi per più di 2 chilometri (1,2 miglia). A volte, come Chamila Nilanthi, tornano a casa senza niente. Undici persone sono morte finora in attesa della benzina. L’ultimo è stato un uomo di 63 anni trovato morto all’interno del suo veicolo alla periferia di Colombo.

Incapaci di fare benzina, alcuni hanno smesso di guidare e hanno fatto ricorso alla bicicletta o ai mezzi pubblici per spostarsi. Il governo ha chiuso le scuole urbane e alcune università e concede ai dipendenti pubblici ogni venerdì una pausa di tre mesi, per risparmiare carburante e concedere loro il tempo di coltivare la propria frutta e verdura.

L’inflazione dei prezzi alimentari è al 57%, secondo i dati del governo, e il 70% delle famiglie dello Sri Lanka intervistate dall’UNICEF il mese scorso ha riferito di ridurre il consumo di cibo. Molte famiglie si affidano alle donazioni di riso del governo e alle donazioni di enti di beneficenza e individui generosi.

Incapaci di trovare il gas per cucinare, molti cingalesi si rivolgono a stufe a cherosene o cucinano su fuochi aperti. Le famiglie benestanti possono utilizzare i forni elettrici a induzione per cucinare, a meno che non venga interrotta la corrente. Ma la maggior parte degli abitanti dello Sri Lanka non può permettersi quelle stufe o bollette elettriche più alte. I cttadini, furiosi per la carenza di carburante, hanno organizzato proteste, bloccato strade e affrontato la polizia.

Sono scoppiate risse quando alcuni cercano di forzare le botti del carburante. La polizia ha attaccato la folla indisciplinata. Una notte della scorsa settimana, un soldato è stato visto aggredire un agente di polizia in una stazione di servizio in una disputa sulla distribuzione della benzina. L’ufficiale di polizia è stato ricoverato in ospedale. Sull’incidente stanno indagando separatamente polizia e militari.

 

La crisi è un duro colpo per la classe media dello Sri Lanka, che si stima rappresenti dal 15% al ​​20% della popolazione urbana del paese. Fino a quando tutto non è andato in pezzi, hanno goduto di sicurezza finanziaria e standard di vita in aumento. Una tale inversione non è senza precedenti.

Suharto
Suharto – NanoPress.it

In effetti, sembra quello che è successo all’Indonesia alla fine degli anni ’90. L’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale – che gestisce progetti di aiuto ai paesi poveri – si preparava a chiudere i battenti nella capitale indonesiana Jakarta; il paese non sembrava aver bisogno dell’aiuto.

“In quanto una delle tigri asiatiche, il Pese era uscito dalla lista degli aiuti”, ricorda Jackie Pomeroy, un economista che ha lavorato a un progetto USAID nel governo indonesiano prima di entrare a far parte della Banca mondiale a Giacarta. Ma poi una crisi finanziaria – innescata quando la Thailandia ha improvvisamente svalutato la sua valuta nel luglio 1997 per combattere gli speculatori – ha colpito l’Asia orientale.

Afflitta da una corruzione diffusa e da banche deboli, l’Indonesia è stata particolarmente colpita. La sua valuta è crollata nei confronti del dollaro USA, costringendo le società indonesiane a estorcere più rupie per rimborsare prestiti denominati in dollari. La disoccupazione è aumentata vertiginosamente. Gli abitanti delle città disperati tornarono in campagna dove potevano coltivare il proprio cibo.

L’economia indonesiana si è ridotta di oltre il 13% dal 1998, una performance a livello di depressione. La disperazione si è trasformata in rabbia, ed aumentarono le manifestazioni contro il governo di Suharto, che aveva governato l’Indonesia con il pugno di ferro dal 1968. “Si è rapidamente trasformato in scene di disordini politici”, ha detto Pomeroy. “Divenne una questione di transizione politica e di Suharto”.

Il dittatore fu costretto a dimettersi nel maggio 1998, ponendo fine al governo autocratico. Sebbene oggi vivano in una democrazia, molti cingalesi incolpano del disastro la famiglia Rajapaksa, politicamente dominante.

È colpa loro, ma dobbiamo soffrire per i loro errori”, ha detto Ranjana Padmasiri, che lavora come impiegata in un’azienda privata. Due dei tre massimi Rajapaksa si sono dimessi: il primo ministro Mahinda Rajapaksa e Basil Rajapaksa, che era ministro delle finanze. I manifestanti hanno chiesto che anche il presidente Gotabaya Rajapaksa si dimetta. Si sono accampati fuori dal suo ufficio a Colombo per più di due mesi. Le dimissioni, ha detto Padmasiri, non bastano. “Non possono scappare facilmente”, ha detto. “Devono essere ritenuti responsabili di questa crisi.”.