Sri Lanka: i manifestanti si barricano nel palazzo presidenziale

In Sri Lanka centinaia di persone che protestano contro la crisi economica continuano ad occupare la residenza ufficiale in attesa che entrino in vigore le dimissioni del presidente del Consiglio.

Manifestanti in Sri Lanka
Manifestanti in Sri Lanka – NanoPress.it

Centinaia di manifestanti occupano il palazzo presidenziale e lo saccheggiano in Sri Lanka, in attesa che le dimissioni annunciate dai leader del Paese asiatico abbiano effetto. L’ufficio stampa del Primo Ministro ha annunciato lunedì che il presidente, Gotabaya Rajapaksa, e l’intero Esecutivo si dimetteranno e faranno posto a un governo di unità “come precedentemente annunciato”.

Centinaia di manifestanti hanno occupato il palazzo presidenziale in Sri Lanka

Rajapaksa ha reso pubblico sabato scorso che lascerà l’incarico mercoledì prossimo, dopo che migliaia di persone hanno preso d’assalto la sua residenza ufficiale, protestando contro la grave crisi economica e la carenza nel paese, la più grande dall’indipendenza dal Regno Unito nel 1948.

L’ancora leader dello Sri Lanka ha da allora non ha rilasciato dichiarazioni o si è visto in pubblico, il che ha fatto crescere lo scetticismo, poiché, secondo la Costituzione, le sue dimissioni hanno valore ufficiale solo una volta che si dimette per iscritto davanti al Parlamento, cosa che non è ancora avvenuta.

“Tutti i ministri consultati ritengono che, non appena si raggiungerà l’accordo per formare un governo multipartitico, saranno disposti a cedere le proprie responsabilità”, affermano lunedì dall’ufficio del presidente del Consiglio, Ranil Wickremesinghe. Lo stesso Wickremesinghe sabato ha anche assicurato che farà un passo indietro, anche se non ha confermato quando.

Nonostante sia Rajapaksa che Wickremesinghe, entrambi 73 anni, affermino che “garantiranno il pacifico trasferimento del potere”, i leader delle proteste che hanno portato all’assalto alla residenza presidenziale e alla casa del presidente del Consiglio sostengono che i manifestanti continueranno occupando questi e altri edifici ufficiali fino alle dimissioni di entrambi. Il palazzo presidenziale, uno dei più grandi simboli del potere del paese, continua a diventare un’attrazione dove i curiosi vengono a godersi lussi come la piscina, la palestra e persino il letto del presidente.

Nella villa, i manifestanti hanno trovato 17,85 milioni di rupie (49.000 euro)

Nella villa, i manifestanti hanno trovato 17,85 milioni di rupie (49.000 euro) in nuove banconote, che sono state consegnate lunedì alla polizia, secondo i media locali. “La polizia ha ricevuto il denaro in contanti e lo consegnerà oggi [per questo lunedì] alla giustizia”, ​​ha detto un portavoce della polizia.

Manifestanti giocano nella villa presidenziale
Manifestanti giocano nella villa presidenziale – NanoPress.it

Gli esperti consultati da Reuters ritengono che, una volta che il presidente e il primo ministro lasceranno ufficialmente le loro funzioni, il presidente del Parlamento, Mahinda Yapa Abeywardena, considerato un alleato di Rajapaksa, assumerà provvisoriamente la presidenza e inizierà il processo di successione, che, come autorizzato per legge, deve durare per un periodo massimo di 30 giorni.

L’Abeywardena ha annunciato lunedì che il Parlamento riprenderà le sue funzioni venerdì prossimo e che i deputati eleggeranno un nuovo presidente mercoledì 20 luglio. Le prossime elezioni presidenziali sono previste per il 2024. L’occupazione delle case del presidente e del primo ministro è stata il culmine di mesi di proteste in gran parte pacifiche. Ufficialmente, gli scontri di sabato tra polizia e manifestanti non hanno causato vittime, anche se diverse decine di persone sono rimaste ferite.

Da marzo centinaia di migliaia di persone in tutto il Paese hanno chiesto alle autorità di assumersi le proprie responsabilità di fronte alla carenza di cibo, carburante e medicinali, beni di prima necessità impossibili da importare per mancanza di valuta estera. Gran parte della popolazione accusa direttamente Rajapaksa del crollo di un’economia fortemente dipendente dal turismo e dalle rimesse, che è stata terribilmente colpita dalla pandemia di covid-19.

Al momento non si sa dove si trovi il presidente e la sua famiglia, un potente clan che ha dominato la scena politica di questo Paese insulare di 22 milioni di abitanti negli ultimi due decenni: due fratelli sono stati leader del Paese, mentre altri membri hanno tenuto diverse cariche esecutive e parlamentari.

Dopo che fonti del ministero della Difesa hanno notato che Rajapaksa era stato scortato in salvo prima che la folla arrivasse al suo palazzo, sono circolate voci secondo cui il presidente potrebbe essersi stabilito in una base militare fuori Colombo, la città principale del paese, dove potrebbe complottare il suo prossimo piano. Sebbene tale ipotesi non sia stata confermata, ha un precedente recente.

L’inflazione ha attualmente toccato il 55% a giugno e dovrebbe raggiungere il 70% nei prossimi mesi.

Suo fratello maggiore, Mahinda, ha chiesto aiuto militare lo scorso maggio, quando è stato rimosso dalla carica di primo ministro su pressione popolare. Il sesto presidente del paese (2005-2015) e premier dal 2019, ha rifiutato di lasciare l’incarico a causa dell’intensificarsi delle proteste per liberare il governo da tutti i Rajapaksa. Mahinda ha dovuto essere evacuato in una base navale nel cuore della notte dopo che una folla ha circondato la sua casa e ha preso d’assalto il complesso.

Gotabaya Rajapaksa
Gotabaya Rajapaksa – NanoPress.it

In quelle settimane, nove persone sono state uccise e centinaia sono rimaste ferite nei disordini. I manifestanti accusano questa dinastia politica di corruzione e di aver portato alla rovina una nazione relativamente prospera a causa di una cattiva gestione. I governi successivi hanno creato e mantenuto un doppio disavanzo di bilancio e di conto corrente, il che implica che la spesa nazionale del paese supera il reddito, mentre la produzione di beni e servizi è insufficiente.

L’inflazione ha attualmente toccato il 55% a giugno e dovrebbe raggiungere il 70% nei prossimi mesi. Nel tentativo di risparmiare carburante – ogni giorno si verificano blackout fino a 13 ore – all’inizio di luglio, lo Sri Lanka è diventato il primo paese a limitare la vendita al pubblico dalla crisi petrolifera degli anni ’70. Inoltre, gli agricoltori con meno risorse stanno subendo le conseguenze di un divieto che ha impedito l’uso di fertilizzanti per più di sette mesi lo scorso anno, a favore delle colture biologiche.

Ora, sebbene questo veto sia stato revocato, si trovano ad affrontare una carenza di prodotti chimici per lavorare la loro terra nel mezzo di una crisi alimentare. Il governatore della Banca centrale dello Sri Lanka, Nandalal Weerasinghe, ha avvertito che, se la situazione attuale dovesse persistere, ci saranno forti ritardi nei negoziati con il Fondo monetario internazionale (FMI) e altre organizzazioni per un salvataggio. Lo Sri Lanka ha bisogno di oltre 5,9 miliardi di euro di aiuti per superare i prossimi sei mesi, secondo le autorità, che nelle ultime settimane hanno accelerato i colloqui con il Fmi per ottenere nuove fonti di finanziamento.