Giappone: la vittoria del partito di Abe apre alla riforma della Costituzione

In Giappone, dopo aver ampliato la sua maggioranza parlamentare, il primo ministro Kishida raccoglie l’eredità del suo predecessore assassinato, e promette di aumentare la capacità militare del Paese.

Fumio Kishida
Fumio Kishida – NnoPress.it

La stragrande maggioranza alla Camera alta ottenuta domenica alle urne dal Partito Liberal Democratico (PLD) al potere, la formazione dell’ex primo ministro assassinato Shinzo Abe, confermata lunedì dai risultati ufficiali, apre le porte a un cambiamento storico in Giappone: l’inizio della fine del pacifismo imposto dai vincitori della seconda guerra mondiale a una nazione sconfitta.

Il Giappone si prepara alla fine del ‘pacifismo’

Il Giappone, il Paese che le bombe di Hiroshima e Nagasaki finirono per mettere in ginocchio, fu costretto a promulgare nel 1946 una Costituzione che ancora oggi vieta ogni atto di guerra. Porre fine a ciò che una parte dei giapponesi percepisce come un anacronismo era uno degli obiettivi di Abe fino al suo assassinio venerdì scorso. Questo lunedì, il primo ministro Fumio Kishida ha assunto quella controversa eredità e ha promesso di portare a termine i “compiti incompiuti” di Abe: tra questi, la modifica della Legge fondamentale del Paese per aumentare le sue capacità militari.

“I problemi che non ha potuto risolvere li farò miei”, ha promesso Kishida in una conferenza stampa a Tokyo dopo aver confermato che il PLD ha vinto 63 seggi alle elezioni, più della metà dei 125 rinnovati domenica. Il suo partner di coalizione, il buddista Komeito, ha vinto 13 seggi, dando a entrambi i partiti un totale di 76, che si aggiungono ai 70 che hanno nell’altra metà della Camera alta – ogni tre anni il 50% dei seggi – espandono la maggioranza la coalizione di governo a 146 su 248.

Questi sono i migliori risultati elettorali per il PLD dal 2013.La morte violenta di Abe, quando stava facendo una campagna a sostegno di un candidato del PLD, ha suscitato un voto di simpatia alle elezioni e una vittoria che garantisce a Kishida tre anni di governo senza la necessità di indire elezioni nazionali. “Il nostro obiettivo era quello di garantire la maggioranza e l’abbiamo superato”, si è congratulato con Kishida, che ha interpretato i risultati come un segno che i giapponesi vedono che stanno “entrando in una svolta” con “la più grande crisi del dopoguerra” mondiale, alludendo al conflitto in Ucraina.

Questa maggioranza nella camera alta del PLD e dei suoi alleati, sommata al controllo della camera bassa più potente, consente l’avvio del processo di riforma costituzionale tanto attesa dal compianto Abe. Il partito dell’ex presidente del Consiglio, insieme al suo compagno di governo, il Partito della Restaurazione e il Partito Democratico per il Popolo – due formazioni minori di carattere nazionalista e legate all’emendamento costituzionale – ammontano a 177 seggi. Sono più dei due terzi (166) necessari per approvare l’emendamento alla Magna Carta, che deve poi essere sottoposto a referendum popolare.

La revisione della Legge fondamentale “è stata uno dei punti del programma del PLD sin dalla sua fondazione” nel 1955, ha ricordato Kishida, il quale ha annunciato che condividerà “con la nazione una tabella di marcia” su un cambiamento la cui origine è estranea all’invasione Russia dall’Ucraina, ma che sembra essere stata catalizzata da quella guerra e dall’espansionismo cinese e dall’accresciuta presenza militare di Pechino nella regione.Molti giapponesi, come lo stesso Abe, credono che la Costituzione (parzialmente redatta dalle forze di occupazione statunitensi alla fine della seconda guerra mondiale) li lasci impotenti.

Secondo il nono articolo, l’esercito giapponese non può nemmeno essere definito “Forze Armate”, ma piuttosto come Forze di Autodifesa. Né compiono offensive, non dichiarano guerra, non partecipano a conflitti internazionali o non hanno missili balistici. La sua ragion d’essere è la protezione dell’arcipelago. Più della metà degli intervistati in un sondaggio di giugno dell’agenzia di stampa Jiji Press, citata da Reuters, ha sostenuto un aumento della spesa per la difesa. Circa due terzi, che Tokyo dovrebbe acquisire missili con una portata sufficiente per attaccare le basi nemiche straniere.

Secondo il nono articolo, l’esercito giapponese non può nemmeno essere definito “Forze Armate”

Per la generazione giapponese che ha vissuto la sconfitta della seconda guerra mondiale, la Costituzione è la garanzia di pace che ha facilitato il ritorno di un Giappone industrializzato ai paesi asiatici che hanno subito la colonizzazione giapponese nella prima metà del XX secolo. Ma dal miracolo economico giapponese, negli anni Settanta del secolo scorso, le fazioni più di destra del PLD, una coalizione di forze conservatrici che controlla il potere quasi ininterrottamente sin dalla sua fondazione nel 1955, ritengono che il Giappone abbia bisogno di un belligerante armato e coerente con il potere economico del Paese.

Shinzo Abe
Shinzo Abe – Nanopress.it

Abe aveva preso il posto dei precedenti primi ministri, come Yasuhiro Nakasone e Junichiro Koizumi, sostenitori della normalizzazione dell’esercito e del rafforzamento dell’industria militare nazionale per affrontare un ambiente di sicurezza che consideravano sempre più ostile. Gli analisti vedono l’enfasi di Kishida sul cambiamento costituzionale come un tentativo di placare le fazioni più conservatrici, alcune delle quali erano state i suoi rivali più acerrimi quando aspirava al potere.

La tendenza di una parte della società giapponese a lasciarsi alle spalle il pacifismo costituzionale è stata applaudita anche dagli Stati Uniti. Il suo segretario di Stato, Antony Blinken, è arrivato lunedì a Tokyo per esprimere le condoglianze di Washington per l’attacco che ha ucciso l’ex capo del governo, i cui “grandi meriti” sono stati elogiati dal capo della diplomazia statunitense. Il sostegno popolare all’emendamento costituzionale non impedisce che rimanga controverso in Giappone.

Fumio Kishida, percepito come un guerrafondaio dall’ancora ampia sezione degli attivisti per la pace giapponesi, è considerato un moderato dagli intransigenti del suo partito. Infatti, nei suoi primi nove mesi in carica, si è rivolto ad Abe per cercare il consenso dei politici più conservatori del suo partito. Il primo ministro ha annunciato che Abe riceverà postumo l’Ordine del Crisantemo, la più alta decorazione del Paese.

L’analista Hiroshi Odanaka del quotidiano locale Mainichi avverte che Kishida è stato lasciato in una posizione difficile. “L’assenza di Abe ha cambiato il panorama dell’LDP e il suo impatto non può ancora essere previsto“, sottolinea Odanaka in un’analisi intitolata Kishida avrà problemi di leadership nonostante la sua vittoria. Il collegio elettorale di Kishida è Hiroshima, tradizionalmente contraria alle armi nucleari in quanto vittima del primo bombardamento atomico.

Il primo ministro sostiene il bando e ha applicato politiche per sostenere le classi medie che hanno suscitato i suoi correligionari conservatori, che, sulla falsariga di Abe, difendono le politiche neoliberiste. La sua promessa di aumentare la spesa per la difesa al 2% del PIL potrebbe, secondo vari analisti, avvicinare Kishida a questo settore dell’LDP e consolidarlo come successore del primo ministro assassinato mentre partecipava a un raduno improvvisato della campagna a Nara, circa 500 chilometri a sud-ovest di Tokyo.

La morte violenta di Abe – l’uomo che gli ha sparato è in custodia – non spiega da sola il successo alle urne del suo partito, da decenni egemonico nella politica giapponese, ma potrebbe aver promosso il progetto di riforma costituzionale tanto costoso . La memoria dell’ex presidente del Consiglio è ancora molto presente nel Paese, come dimostrano gli omaggi alla sua figura, non solo sul luogo del suo assassinio, davanti a una stazione ferroviaria a Nara, ma anche presso la sede del suo partito o davanti alla propria residenza a Tokyo.

“Era un grande leader, abbiamo perso un grande leader”, ha lamentato il suo successore. Questo lunedì, la sua famiglia e i suoi cari lo piangono a un funerale privato a Tokyo. Il giorno dopo, sarà sepolto nella sua città natale di Shimonoseki, nella regione di Yamaguchi, nel sud-ovest del paese.