Spagna alla NATO: pericolo Russia anche in Africa

Mentre l’invasione russa dell’Ucraina dominerà sicuramente l’imminente vertice della NATO a Madrid, il prossimo 29 e 30 giugno, la Spagna, l’Italia e le altre nazioni membri, stanno spingendo silenziosamente l’alleanza occidentale, a considerare come i mercenari allineati con il presidente russo Vladimir Putin stiano diffondendo l’influenza di Mosca in Africa.

Pedro Sánchez
Pedro Sánchez – NanoPress.it

In quanto ospite del vertice che si terrà da martedì a giovedì, la Spagna vuole sottolineare la sua vicinanza all’Africa, mentre fa pressioni per una maggiore attenzione sul fianco meridionale dell’Europa in un nuovo documento, che delinea la visione della NATO delle sue sfide e compiti in materia di sicurezza.

Il Concetto strategico è il più importante documento di lavoro della NATO, dopo il Trattato del Nord Atlantico del 1949, che conteneva la disposizione chiave secondo cui un attacco a un membro è visto come un attacco a tutti. La valutazione della sicurezza viene aggiornata all’incirca ogni decennio per ripristinare l’agenda di dfesa dell’Occidente.

L’attuale versione, approvata a Lisbona nel 2010, affermava che il rischio di una guerra convenzionale sul territorio della NATO era “basso”. Non ha menzionato esplicitamente le preoccupazioni per l’instabilità in Africa. A quel tempo, l’alleanza considerava l’apatia la sua più grande minaccia militare; Le lamentele degli Stati Uniti secondo cui alcuni membri europei non stavano pagando il dovuto sono state ampiamente presenti nei colloqui al vertice.

Avanti veloce di una dozzina di anni, ora il punto di vista sembra molto diverso dal quartier generale della NATO a Bruxelles. Dopo che la Russia ha portato la guerra vicino ai confini orientali della NATO, l’alleanza ha lavorato per fornire all’Ucraina un assortimento di armi più potenti, cercando di evitare il rischio molto reale di essere coinvolti nei combattimenti.

Ma sembra esserci un consenso tra i membri della NATO diretti al vertice di Madrid sul fatto che mentre la Russia rimane la preoccupazione n. 1, l’alleanza deve continuare ad ampliare la sua visione a livello globale. La posizione della Spagna per una maggiore attenzione al “sud” è condivisa da Gran Bretagna, Francia e Italia. A loro avviso, le sfide alla sicurezza in Africa derivano da un Putin apparentemente deciso a ripristinare le glorie imperiali della Russia, nonché da una Cina che vuole ‘espandersi’ a Taiwan.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

La Russia ha guadagnato terreno grazie alla presenza dei suoi mercenari nella regione del Sahel, una distesa semiarida che si estende dal Senegal al Sudan che soffre di conflitti politici, terrorismo e siccità. “Ogni volta che incontro i ministri della NATO, il sostegno degli alleati è totale a causa dell’instabilità che vediamo sulla frontiera meridionale dell’alleanza, e soprattutto della situazione nella regione del Sahel in questo momento”, ha affermato il ministro degli Esteri spagnolo José Albares.

Il Cremlino nega legami con il Gruppo Wagner

Il Cremlino nega legami con il Gruppo Wagner, una forza mercenaria con una presenza crescente nell’Africa centrale e settentrionale e nel Medio Oriente. La compagnia militare privata, che ha anche partecipato alla guerra in Ucraina, ha sviluppato punti d’appoggio in Libia, Mali, Sudan e Repubblica Centrafricana. In Mali, i soldati Wagner stanno riempiendo un vuoto creato dall’uscita dell’ex potenza coloniale Francia. In Sudan, l’offerta di un’alleanza economica della Russia le è valsa la promessa di una base navale sul Mar Rosso.

Nella Repubblica Centrafricana, i combattenti della Wagner proteggono le miniere d’oro e di diamanti del Paese. In cambio, Putin ottiene alleati e risorse diplomatiche. L’ambasciatore italiano presso la Nato, Francesco Maria Talo, in un’intervista di maggio all’agenzia di stampa italiana ANSA, ha affermato che le crisi umanitarie in Africa devono riguardare tutti gli alleati della Nato.

“Vicino a noi c’è l’Africa, con un miliardo di abitanti a rischio povertà, aggravato dall’insicurezza alimentare, dal terrorismo e dai cambiamenti climatici, tutti fattori che concorrono a creare insicurezza”, ha detto Talo. “E la Russia è presente anche lì”. L’importanza dell’altra sponda del Mediterraneo è diventata dolorosamente evidente alla Spagna nell’ultimo anno, a causa di una serie di crisi diplomatiche che hanno coinvolto Marocco e Algeria, e della loro rivalità sul destino del Sahara occidentale, ex colonia spagnola.

Tra le controversie, la ridotta sicurezza delle frontiere ha consentito ai migranti di entrare nel territorio spagnolo e sono state percepite minacce alle forniture energetiche. Gli analisti considerano entrambe tattiche di “guerra ibrida” quando i governi le usano contro altri paesi. Parlando a Madrid il mese scorso, il ministro della Difesa britannico Ben Wallace ha notato i problemi causati lo scorso anno quando la Bielorussia, un alleato di Putin, avrebbe incoraggiato i migranti ad attraversare i suoi confini verso la Polonia e altri paesi vicini.

“Se mercenari come quelli della Wagner ottengono il controllo che hanno o vorrebbero avere in posti come la Libia o in effetti quello che vediamo che stanno già facendo in Mali, non pensare che la Spagna non sarà toccata da questo”, ha detto Wallace.