Spagna: 40 anni dalla fine dell’ETA come formazione politico-militare

La prima pietra miliare nel declino del terrorismo basco in Spagna è stata possibile grazie al clima inclusivo e tollerante del periodo chiamato della ‘Transizione’.

Pedro Sánchez
Pedro Sánchez – NanoPress.it

Lo scioglimento dell’Eta politico-militare, che celebra il 30 settembre il suo 40° anniversario, ha segnato il primo anello del lento declino del terrorismo basco. ETA-pm è stata la seconda organizzazione terroristica basca, dopo l’ETA militare e davanti ai Comandi Autonomi. Il suo scioglimento ridusse significativamente gli omicidi dell’ETA: da un centinaio nel 1979 e nel 1980 alla metà negli anni ’80, senza che i polimili si rifacessero.

La Spagna ed il suo passato ‘scomodo’

Ciò è stato reso possibile dal clima inclusivo e tollerante della Transizione, nonché dal trattamento del terrorismo come questione di Stato, che oggi non esiste. Lo scioglimento dell’ETA-pm è stata la prima frattura nel terrorismo basco in un Paese che stava vivendo il dramma della Transizione, con le forze di sicurezza screditate per il loro ruolo nel regime franchista, disadattate alla democrazia e senza una tabella di marcia contro il marchio ETA, che ha avuto un notevole sostegno in Euskadi per la sua banda anti-franco, con una guerra sporca dilagante e la Francia che non ha collaborato con il governo dell’UCD.

Bandiera Spagna
Bandiera Spagna – NanoPress.it

I quasi cento omicidi annuali nel 1979 e nel 1980 erano allarmanti. Queste cause hanno determinato che lo scioglimento dell’ETA-pm è il risultato di un patto unico. È stato negoziato da tre politici morti oggi: il ministro dell’Interno del governo dell’UCD, Juan José Rosón, e i leader di Euskadiko Ezkerra, allora braccio politico dell’ETA-pm, Mario Onaindia e Juan María Bandrés. Era un accordo di pace per i prigionieri senza compenso politico.

Dopo lo scioglimento, in due anni e mezzo 300 aderenti furono liberati o rimpatriati dall’esilio. I suoi attacchi, inclusi 16 omicidi commessi tra l’amnistia del 1977 e la tregua del febbraio 1981, prima del suo scioglimento, furono archiviati in modo che la seconda organizzazione terroristica scomparisse. Se la necessità di evitare un’altra guerra civile ha condizionato il patto di transizione, il terrorismo ha condizionato l’accordo Rosón-Onaindia a sciogliere l’ETA-pm. Era una priorità nazionale.

Onaindia, Bandrés e quelli reinseriti hanno subito molestie da ETA-m e dal loro entourage per aver assunto lo Statuto di autonomia e reinseriti perché lo avevano indebolito. Dolores González Cataráin, Yoyes, un ex capo militare reinserito, ha pagato con la vita. Rosón non ha pagato un prezzo nel suo ambiente di centrodestra. Il suo governo, dell’UCD, l’ha trattata come una questione di stato, il che ne ha facilitato lo scioglimento.

La collaborazione del PSOE, del PCE e di Alianza Popular ha portato all’impegno di pubblici ministeri, giudici e dei principali media. Felipe González è subentrato a Leopoldo Calvo Sotelo, dopo le elezioni del 1982, e ha firmato 44 perdoni tra il 1983 e il 1984. I media hanno evitato il sensazionalismo e gli ex membri dell’ETA rilasciati hanno nascosto il loro entusiasmo per non ferire le vittime, che sono state sacrificate perdendo loro diritto alla giustizia. Ma il reinserimento è stato un successo.

Ricordare questa storia nella penisola iberica suona come una chimera

Ha ritirato 300 membri dell’ETA, ha indebolito l’ETA-m, ha tagliato a metà gli omicidi e ha stabilito una tabella di marcia. Nell’autunno del 1984, Rosón e Onaindia si incontrarono di nuovo in una conferenza sul terrorismo e, sulla base dello scioglimento dell’ETA-pm, riuscirono a convincere i principali partiti baschi a concordare un testo. Era l’embrione del Patto Ajuria Enea del 1988, l’unità democratica contro l’ETA, punto di riferimento nella fine del terrorismo nel 2011.

 

Ricordare questa storia in Spagna suona come una chimera. Oggi le istituzioni dovrebbero riconoscere in maniera unitaria la prima pietra miliare della fine dell’ETA, le sue vittime allora dimenticate e i suoi principali protagonisti —Rosón, Onaindia e Bandrés—, eroi del ritiro descritti da Gaizka Fernández Soldevilla, capo dell’inchiesta delle Vittime ‘ Memorial of Terrorism, nel suo recente libro.

Non sarà possibile perché sconvolge la strategia del Partito Popolare. Come si può ipotizzare lo scioglimento dell’ETA-pm, con grazia e rigetto delle cause, nonostante le gravi circostanze della Transizione, quando oggi il terrorismo è scomparso, si descrive come tradimento l’avvicinamento dei prigionieri dell’ETA alle carceri basche, consigliato dal carcere legislazione e organizzazioni internazionali?

Il suo disagio si è manifestato quando RTVE, controllata dal governo Rajoy, ha censurato la miniserie dedicata a Onaindia e allo scioglimento dei polimili, pur cofinanziandola. Rajoy ha dovuto andarsene perché venisse rilasciato. Il PP non vuole riconoscere la vittoria democratica sul terrorismo da parte dell’elettoralismo. Il suo alibi è la presenza parlamentare di Bildu, che identifica con ETA.

Dimentica deliberatamente che la fine del terrorismo dell’ETA nel 2011 è stata unilaterale, senza concessioni politiche, che i suoi prigionieri stanno scontando la pena e che Bildu è legale perché i suoi statuti rifiutano il terrorismo. Viola i patti antiterroristici firmati dal PP nel 2000 e AP nel 1988. Il diritto è regredito rispetto all’UCD.