Soldati dell’Onu uccidono due civili nell’est del Congo

L’incidente è avvenuto al confine con l’Uganda dopo una settimana di proteste contro la missione di pace Onu Monusco che hanno causato almeno 15 morti.

Antonio Guterres
Antonio Guterres – NanoPress.it

Secondo le autorità, i soldati della missione di pace delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo (Monusco) hanno ucciso a colpi di arma da fuoco due civili a un posto di frontiera con l’Uganda, nell’est del Paese. L’incidente si verifica nel mezzo di un’ampia ondata di manifestazioni cittadine, che hanno causato almeno 15 morti, tra cui quattro caschi blu, e decine di feriti, contro la presenza di questa forza militare, accusata di inerzia contro i crimini commessi da armi gruppi attivi sul territorio.

Onu nella bufera per la presunta uccisioni di due civili

Questo lunedì sono scoppiate nuove proteste nella città di Beni. Gli eventi sono avvenuti al checkpoint di confine di Kasindi, quando i soldati Monusco stavano tornando nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) dopo aver ottenuto un permesso nella vicina Uganda. Quando la barriera è stata chiusa e dopo uno scambio verbale con la polizia congolese, i caschi blu hanno aperto il fuoco ed sono entrati con la forza in Congo, secondo Monusco, che ha causato la morte di due civili e il ferimento di circa 15 persone.

“I soldati della Monusco Intervention Brigade hanno aperto il fuoco al posto di frontiera per ragioni inspiegabili”, conferma una dichiarazione della stessa missione di mantenimento della pace, il cui capo, Bintou Keita, ha affermato di sentirsi “profondamente scioccato e costernato da questo grave incidente”.

“Di fronte a questo comportamento indicibile e irresponsabile, gli autori della sparatoria sono stati identificati e detenuti in attesa delle conclusioni dell’indagine che è già stata avviata in collaborazione con le autorità congolesi”, prosegue il comunicato dell’Onu. “Sono già stati presi contatti con i Paesi di origine di questi soldati affinché possa iniziare un procedimento giudiziario d’urgenza con la partecipazione di vittime e testimoni affinché vengano adottate sanzioni esemplari quanto prima”, aggiunge.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha affermato di sentirsi “indignato” per gli eventi e ha mostrato il suo sostegno all’arresto dei soldati coinvolti e all’indagine aperta da Monusco, secondo una nota del suo ufficio.L’omicidio di queste due persone avviene in un contesto di particolare tensione contro la presenza di Monusco nell’est della RDC. Durante la scorsa settimana, migliaia di persone hanno manifestato in varie città della zona, come Goma e Butembo (nella provincia del Nord Kivu) e Uvira (nel Sud Kivu), per chiedere la loro partenza dal Paese.

Queste proteste hanno portato al saccheggio delle strutture delle Nazioni Unite a Goma e sono state violentemente represse dalle forze di sicurezza e militari congolesi, provocando la morte di almeno 15 persone, tra cui quattro membri della stessa Monusco, e decine di feriti. Le proteste sono scoppiate di nuovo questo lunedì nella città di Beni, dove la polizia ha usato gas lacrimogeni e colpi in aria per disperdere la folla che si era radunata intorno alla base delle Nazioni Unite per chiederne il ritiro.

I manifestanti, per lo più giovani e membri di gruppi cittadini, denunciano che Monusco dispone di mezzi sufficienti per porre fine alle violenze perpetrate da decenni dai gruppi armati in questa zona, che si sono intensificate negli ultimi anni, ma non interviene. Monusco, con circa 20.000 soldati oggi, è presente nell’est del Congo dal 1999 nel mezzo di un complesso conflitto con la presenza di ribelli e gruppi armati locali e dei paesi limitrofi, Ruanda e Uganda.

La missione Monusco dovrebbe concludersi entro il 2024

Il vicesegretario generale per le missioni di pace delle Nazioni Unite, Jean-Pierre Lacroix, si è recato questo fine settimana a Kinshasa, la capitale della RDC, dove ha incontrato le autorità per cercare di calmare le cose. Inoltre, questo lunedì ha partecipato a un omaggio ai quattro caschi blu morti durante le proteste, nonché a un altro morto accidentalmente la scorsa settimana, nella città di Butembo.

Soldati in guerra
Soldati in guerra – Nanopress.it

Da parte sua, il presidente congolese, Félix Tshisekedi, ha assicurato durante un consiglio dei ministri tenutosi sabato scorso che c’è un piano per il ritiro graduale di Monusco che culminerà nel 2024. Diverse missioni ONU in Africa stanno attraversando un momento particolarmente teso a causa del rifiuto della popolazione o delle autorità. Oltre alla crisi in Congo, tre settimane fa il governo del Mali ha ordinato di interrompere tutte le rotazioni del personale di Minusma dopo aver arrestato all’aeroporto di Bamako 49 caschi blu ivoriani, che accusa di aver partecipato a un presunto complotto per destabilizzare il Paese.

Giorni dopo, le autorità hanno ordinato l’espulsione del portavoce delle Nazioni Unite in Mali, Olivier Salgado, per aver assicurato che l’ingresso di detti soldati con armi e munizioni era stato comunicato all’Esecutivo, contraddicendo la versione del governo. Una parte dell’opinione pubblica ha mostrato il suo sostegno nei media locali e nei social network per questa decisione, accusando l’ONU di avere un’agenda nascosta e rispondendo agli interessi della Francia, paese con cui il Mali è in conflitto per il ritiro delle sue truppe. dal Paese prima dell’arrivo dei mercenari russi del gruppo Wagner alla fine del 2021.

Questa domenica, la giunta militare maliana al potere ha accusato il presidente francese, Emmanuel Macron, di fomentare l’odio etnico e la divisione del Mali, in una nuova svolta al confronto tra i due paesi. Anche la missione Onu nella Repubblica Centrafricana (Minusca), attiva dal 2014 con circa 10.000 soldati, è oggetto di continue tensioni.

Lo scorso febbraio, quattro membri francesi di questa missione sono stati arrestati dalla polizia, accusati di aver partecipato a un complotto per assassinare il presidente, Faustin Archange Touaderá, e rilasciati dopo l’intervento di António Guterres. Nel novembre 2021, membri della Guardia Presidenziale hanno sparato a Caschi Blu disarmati, ferendone dieci.

Negli ultimi anni, le denunce di presunti abusi sessuali contro membri delle missioni di pace delle Nazioni Unite sono aumentate in tutto il mondo, ma il 90% di esse è concentrato in due operazioni, quelle nella Repubblica Democratica del Congo e nella Repubblica Centrafricana, secondo un rapporto delle Nazioni Unite reso pubblico lo scorso marzo. In quest’ultimo Paese, i soldati gabonesi e mauritani coinvolti in questi abusi, talvolta commessi contro ragazze, sono stati espulsi dal Paese dopo le relative indagini.

Furono accusati anche i soldati francesi. Nel 2015 il capo della Monusca è stato licenziato dall’allora segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, dopo un’ondata di denunce di abusi sessuali.