Severodonetsk: la Russia affronta la feroce resistenza ucraina

Le forze russe stanno cercando di isolare Severodonetsk bombardando un ponte, afferma il governatore regionale ucraino.

La Russia ha inviato rinforzi a Severodonetsk, luogo di aspri combattimenti di strada negli ultimi giorni, mentre spinge per catturare il resto della città strategicamente importante, hanno detto sabato i funzionari ucraini.

A Severodonetsk la più dura battaglia dall’inizio del conflitto

Le forze russe hanno fatto irruzione a Severodonetsk una settimana fa come parte di uno sforzo più ampio, per controllare la regione orientale del Donbass, al centro degli sforzi di Mosca dopo il ritiro delle truppe dalla capitale, Kiev e dall’Ucraina settentrionale a marzo.

Severodonetsk
Severodonetsk – NanoPress.it

Le forze ucraine hanno lottato per respingere l’avanzata russa, che è sostenuta dall’artiglieria pesante a est, ma stanno aumentando la resistenza a Severodonetsk. Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha affermato che le unità russe a Severodonetsk sono state rafforzate dalla mobilitazione di ulteriori truppe.

Il governatore della regione di Luhansk, dove si trova Severodonetsk e che fa parte del Donbass, ha detto che le forze russe stanno cercando di isolare la città bombardando un ponte. Il governatore, Serhiy Haidai, venerdì ha affermato che le forze ucraine hanno recuperato il territorio dalle forze russe, che avevano ormai sotto controllo circa il 70% della città.

I leader ucraini sperano che l’arrivo di armi più pesanti dall’Occidente consentirà loro di invertire la tendenza contro le forze russe meglio armate nell’est del paese. L’amministrazione Biden questa settimana ha affermato che fornirà all’Ucraina un sistema di missili guidati, in grado di colpire obiettivi fino a 48 miglia.

Venerdì, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha dichiarato in un incontro con il leader ceceno Ramzan Kadyrov che Mosca accelererà le operazioni militari in Ucraina, secondo l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington.

Il ministero della Difesa britannico ha stimato che le forze russe e separatiste ora controllano il 90% della regione di Luhansk e probabilmente ne assumeranno il pieno controllo entro due settimane.

Mosca cerca di controllare il sud est dell’Ucraina

Tuttavia, gli sforzi della Russia nella regione sono stati lenti e costosi. Con le crescenti risorse dedicate alla conquista dell’est, ha affermato il ministero della Difesa britannico, Mosca ha dovuto passare a una posizione difensiva in altre regioni del conflitto,M e sta lottando per mantenere il controllo territoriale nell’Ucraina meridionale.

Severodonetsk, edificio bombardato
Severodonetsk, edificio bombardato – NanoPress.it

Le autorità russe hanno iniziato a rilasciare passaporti russi nella regione meridionale di Kherson e nella città di Melitopol nel tentativo di controllare l’area amministrativamente oltre che militarmente, ma hanno lottato per consolidare la loro presa su quelle aree, secondo l’Istituto per lo studio di Guerra.

L’Unione Europea venerdì ha condannato il programma della Russia di rilasciare passaporti nelle regioni ucraine di Kherson e Zaporizhzhia, rispettivamente nel sud e nell’est del paese. “L’Unione europea non riconoscerà questi passaporti, rilasciati nell’ambito della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina“, ha affermato l’UE in una nota.

“L’Unione europea condanna fermamente qualsiasi tentativo della Russia di sostituire le amministrazioni ucraine elette democraticamente e legittime“. Ha anche affermato di condannare gli sforzi russi per introdurre la sua valuta e il curriculum scolastico nelle aree sotto il suo “controllo illegale“.

Funzionari separatisti sostenuti dalla Russia hanno dichiarato sabato che il prestatore russo Promsvyazbank inizierà ad operare nelle regioni di Luhansk e Donetsk, che insieme costituiscono il Donbass. Il Regno Unito. e l’UE ha preso di mira la banca statale con sanzioni pochi giorni prima che le truppe russe si riversassero in Ucraina.

Mentre l’offensiva russa si è concentrata sul Donbas nelle ultime settimane, le forze del paese hanno continuato a colpire obiettivi in ​​tutta l’Ucraina. Sabato, il ministero della Difesa russo ha dichiarato di aver lanciato missili contro obiettivi vicino a Odessa e Mykolaiv, le città portuali meridionali sul Mar Nero e la regione di Sumy nel nord-est.