Sardegna chiude alle seconde case: la linea dura di Solinas

Il Presidente della Regione inasprisce i controlli all'arrivo: i passeggeri potranno entrare solo per comprovate esigenze o con certificato di avvenuta vaccinazione

Sardegna

Foto Getty Images | Emanuele Perrone

Mentre l’Italia si tinge di rosso e arancione, a causa delle varianti che si diffondono rapidamente nel Paese, la Sardegna è l’unica zona bianca, con un Rt inferiore a 1 e un’incidenza di non più di 50 casi Covid ogni 100mila abitanti. I dati sono positivi, ma non cancellano la paura che le varianti del virus possano sbarcare sull’isola e provocare una nuova ondata di contagi. Questa la ragione che ha spinto il presidente Solinas ad adottare la linea dura: i proprietari di seconde case potranno entrare solo per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o con la certificazione di negatività al tampone, o di vaccinazione avvenuta.

Leggi anche: Terapie intensive occupate al 35%. Agenas segnala aumento del 4% in una settimana

Più controlli all’imbarco: saranno verificati i motivi del viaggio

L’ordinanza è stata firmata ieri in tarda serata ed entra in vigore oggi fino al prossimo 6 aprile. La decisione è stata presa sulla scia dell’esempio di Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige, che avevano subito emanato un provvedimento più restrittivo rispetto al decreto del governo. Il provvedimento firmato ieri da Solinas inasprisce anche i controlli all’arrivo. Gli armatori dovranno infatti assicurarsi che i passeggeri siano registrati all’app Sardegna Sicura e verificare che la documentazione che attesta i motivi per cui si viaggia sia valida. In assenza di tali requisiti, ai passeggeri sarà negato l’imbarco per la Sardegna.

Leggi anche: Due metri di distanza a tavola e quarantena anche per vaccinati

Coinvolto anche il corpo forestale per controlli nelle aree rurali

Il presidente della Regione ha coinvolto anche il corpo forestale per supportare gli operatori di Ats nelle attività di monitoraggio e controllo delle certificazioni di avvenuta vaccinazione o negatività al tampone molecolare o antigenico. I sindaci sono invece chiamati a vigilare sul rispetto dell’ordinanza relativa ai test obbligatori, monitorando la permanenza domiciliare nei centri abitati, attraverso la polizia locale. Il Corpo forestale eseguirà i medesimi controllo nelle aree rurali e costiere.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere