Sanna Marin costretta a sottoporsi a un test antidroga dopo una festa

Il Primo Minstro della Finlandia, Sanna Marin, ha avuto una pioggia di critiche per la partecipazione del politico 36enne ai festival musicali, e le sue feste dividono il Paese su come dovrebbe comportarsi una posizione di quel livello.

Sanna Marin
Sanna Marin – NanoPress.it

Una fotografia in bianco e nero di una donna a un festival di musica rock, vestita con giubbotto di pelle, jeans corti e stivaletti dall’estetica navy (moda ispirata alle divise da marinaio) ha fatto scalpore su internet.

Sanna Marin ‘colpevole’ di avere 36 anni e volersi divertire

Il protagonista dell’immagine non era un influencer, né la celebrità del momento, né uno degli artisti che si sono esibiti a quel festival, ma Sanna Marin, il Primo Ministro finlandese, la persona più giovane a raggiungere quella posizione nel Paese. Quando è entrata in carica aveva 34 anni, cosa che le è valsa il soprannome di “primo ministro millenario”. Attualmente ha 36 anni e dimostra che il nome calza a pennello: sì, è il primo ministro del suo Paese, ma è anche una millennial che fa cose millenarie.

Il festival musicale Ruisrock, che si tiene dal 1970 sull’isola finlandese di Ruissalo, e al quale hanno partecipato artisti della statura di David Bowie, Morrisey o band come Blondie, Metallica e Motörhead, è servito a Marin per inviare un messaggio chiaro: che non era un normale primo ministro e che non avrebbe indossato l’abito che avrebbe dovuto indossare. Tuttavia, questa apparente vicinanza e i suoi continui segni di normalità hanno generato anche critiche da parte dei suoi detrattori e oppositori politici.

Il più recente è avvenuto mercoledì scorso, quando è trapelato un video del presidente del Consiglio che balla e beve a una festa privata in una casa di amici, tra cui alcuni volti noti del Paese, per i quali il presidente del Consiglio ha dovuto dare spiegazioni. Di fronte alle accuse e alle richieste dei membri dell’opposizione, venerdì il primo ministro è stato sottoposto a un test antidroga per dimostrare di non aver consumato alcuna sostanza.

All’inizio di questa calda estate, il fatto che il presidente del Consiglio sia andato a un festival rock e con quello sguardo sia stato ben accolto sia dentro che fuori il suo Paese: la socialdemocratica Sanna Marin ha rappresentato il volto di una nuova politica, un volto giovane, amichevole, vicino e moderno.

Se il massimo leader di un Paese può riposare, qualsiasi cittadino può farlo. Il suo account Instagram è la prova di questo leitmotiv: in esso mescola immagini di carattere istituzionale con primi ministri e presidenti di altri paesi, insieme a selfie con i capelli lunghi al vento in cui scrive “brezza d’estate”, fotografie con amici o piccoli immagini dei suoi amici piani all’aperto la domenica. Per tutta l’estate, questo primo ministro cresciuto da due donne, ha partecipato alla manifestazione dell’Helsinki Pride, dove ha sottolineato l’importanza di questa affermazione: “L’orgoglio significa molto anche per me personalmente a causa del mio background.

“Sono cresciuta in una famiglia arcobaleno”

Sono cresciuta in una famiglia arcobaleno, per me l’uguaglianza delle persone e il rispetto dei diritti umani sono i motivi per cui mi sono mai occupato di politica. Poche settimane dopo, ha partecipato al Flow Festival di Helsinki, uno dei più grandi eventi musicali del paese, vestita con un abito di lustrini per un dibattito sullo stato dell’industria musicale del paese, e poi si è mescolata ai presenti.

Finlandia premier Sanna Marin
Finlandia premier Sanna Marin – NanoPress.it

Dopo la diffusione del video che ha generato polemiche, Marin ha risposto alla stampa che i video erano privati ​​e sono stati registrati in una residenza privata qualche settimana fa. Nonostante sapesse che stava partecipando alla registrazione, pensava che sarebbero rimasti privati. “Sono arrabbiato per il fatto che questi video siano stati resi pubblici. È stata una serata fuori con gli amici. Festeggiare, anche in modo chiassoso, ballare e cantare”, ha dichiarato.

Marin ha anche commentato di aver consumato alcol, ma nessun’altra sostanza, dopo che Riikka Purra, leader del Partito finlandese di estrema destra, ha esortato il premier a fare un test antidroga per “togliere ogni ombra di dubbio“. Mikko Karna, del Partito di Centro – che fa parte della coalizione di governo – si è unito su Twitter dicendo che “sarebbe consigliabile” che il presidente “si sottoponesse volontariamente” a un test.

“Personalmente, non ho assunto droghe, né ho consumato nient’altro che alcol. Ho ballato, cantato e festeggiato, cose perfettamente legali”, ha spiegato Marin. “E non mi sono mai trovato in una situazione in cui ho visto o incontrato altri [usando droghe]”, ha aggiunto il premier socialdemocratico, che ha assicurato che non avrebbe avuto problemi a sottoporsi a un test.

Questo venerdì ha annunciato che l’analisi richiesta dall’opposizione è stata fatta e che i risultati saranno conosciuti la prossima settimana. “Negli ultimi giorni, ci sono state gravi accuse pubbliche sul fatto che mi trovassi in uno spazio in cui venivano assunte droghe, o che le consumavo io stesso”, ha detto venerdì in una conferenza stampa. “Considero queste accuse molto gravi e sebbene la richiesta di fare un test mi sia sembrata ingiusta, per mia stessa certezza del diritto e per chiarire eventuali dubbi, ho fatto oggi un test”, ha annunciato.

Il presidente del Consiglio ha assicurato che la sua capacità di svolgere il suo lavoro non è stata pregiudicata durante la festa e che, se fosse stato necessario, avrebbe lasciato la riunione. Forse, la vecchia politica non è ancora in grado di capire l’onda del nuovo millennio in politica: una generazione incastrata tra due crisi, iperconnessa e abituata a utilizzare i social network allo stesso tempo professionalmente e personalmente, e alla ricerca di un migliore equilibrio tra carriera professionale e la vita personale, anche se sono i leader di un paese. Sanna Marin non sta cercando il favore della vecchia politica, ma un legame con i giovani elettori.