Sale nelle piante, lo fanno anche i giardinieri: tutto il vicinato vorrà conoscere il segreto

Un’elevata concentrazione di sali nel terreno ingiallisce le foglie, rende il loro aspetto bruciato, la terra si spacca e si indurisce. In breve tempo, le piante perderanno le foglie e moriranno.

sale nelle piante
sale nelle piante-NanoPress.it

Il responsabile di un danno del genere è il classico sale da cucina ma esiste un tipo di sale che aiuta le piante a germinare perché ne rafforza le pareti cellulari favorendone la crescita.

Vogliamo svelarti il segreto di un certo tipo di sale nelle piante molto importante per la salute del tuo orto o giardino. In questa guida, scoprirai anche come usarlo in modo corretto.

Sale nelle piante: i benefici dei Sali di Epsom per il tuo giardino/orto

Si chiama Sale Epsom, è un minerale naturale, facilmente reperibile, economico e importante per la salute e fioritura delle piante. Contiene solfato di magnesio idratato, essenziale per produrre clorofilla (pigmento utile per la fotosintesi) e zolfo, due sostanze nutritive fondamentali per la crescita e lo sviluppo delle piante, soprattutto pomodori, peperoni e rose che richiedono elevati livello di magnesio per crescere.

sale nelle piante
sale nelle piante – Nanopress.it

Ecco, di seguito, tutti i benefici dei Sali di Epsom:

  • Migliorano l’assorbimento dei nutrienti dal terreno perché contengono magnesio;
  • Rendono più verdi le piante perché stimolano la produzione di clorofilla e rendono il fogliame più rigoglioso;
  • Aumentano l’acidità del terreno, quindi aiutano in particolare terreni con pH superiore a 7,5 (poco acido) in quanto lo neutralizzano. Se, invece, hai un terreno acido dovresti evitare di usare questi sali.

Si consiglia di non utilizzare i Sali di Epsom come fertilizzante principale per la cura di piante che hanno bisogno di nutrienti non presenti in questi sali come azoto, fosforo, potassio. In tal caso, vanno usati come concime secondario aggiuntivo.

Come usare i Sali di Epsom per la salute delle tue piante

Il sale di Epsom può essere usato in tre modi diversi:

  • Aggiunto direttamente nel terreno o lavorato nel terreno senza diluirlo nell’acqua. E’ possibile anche aggiungerlo all’acqua usandolo per inumidire il terreno, per poi innaffiare le piante a livello del suolo;
  • Diluito con 1 litro di acqua, da spruzzare direttamente sulle foglie. Il più delle volte questi sali sono vaporizzati sulle foglie in primavera quando spuntano nuove foglie e dopo la fioritura. E’ il sistema più utilizzato;
  • Combinato con il fertilizzante usato di solito per la crescita delle piante.

Basterà applicare i Sali di Epsom una volta al mese per la salute delle tue piante.

sale piante
sale nelle piante – Nanopress.it