Russia: Putin diventa il più grande fornitore di petrolio della Cina

L’Occidente sanziona la Russia per aver attaccato l’Ucraina, ma il regime putiniano ha trovato altri mercati per il suo petrolio.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

La società di raffineria cinese Sinopec, ad esempio, sta beneficiando di forti riduzioni di prezzo. Mentre il mondo occidentale cerca di emanciparsi dall’energia russa, la Cina sta andando nella direzione opposta: a maggio la Russia ha venduto più petrolio alla Repubblica popolare che mai, diventando così il più grande fornitore di petrolio della Repubblica popolare.

Concordate relazioni economiche più strette tra Russia e Cina

In particolare, il mese scorso la Cina ha importato quasi 8,42 milioni di tonnellate di greggio dalla Russia, secondo l’autorità doganale di Pechino. Sono quasi due milioni di barili al giorno e il 55% in più rispetto a un anno fa, e circa un quarto in più rispetto ad aprile. Dopo 19 mesi, la Russia ha nuovamente estromesso l’Arabia Saudita dall’essere il più grande fornitore di petrolio della Cina.

L’Arabia Saudita, d’altra parte, ha consegnato alla Cina 7,82 milioni di tonnellate o 1,84 milioni di barili al giorno di petrolio, il 9% in più rispetto all’anno precedente. Tuttavia, si tratta di un calo di circa il 15% rispetto ai 2,17 milioni di barili al giorno di aprile.

Società cinesi come la principale raffineria, la Sinopec, stanno beneficiando dei forti tagli dei prezzi da parte della Russia, dopo che le compagnie petrolifere occidentali e le società commerciali si sono ritirate dal mercato russo, a causa delle sanzioni sulla guerra in Ucraina. Anche l’India ha recentemente ampliato le sue importazioni di petrolio dalla Russia.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Nel frattempo, l’UE sta pianificando un ampio divieto alle importazioni di petrolio russo. Tuttavia, ciò riguarda solo i trasporti via mare con petroliere: il petrolio per oleodotti è stato escluso dall’embargo su sollecitazione dell’Ungheria in particolare.

L’embargo dell’UE dovrebbe entrare in vigore anche con periodi di transizione talvolta lunghi. Mentre l’Occidente sta sanzionando, la scorsa settimana la Russia ha concordato con la Cina di espandere ulteriormente la cooperazione economica. Mosca e Pechino vogliono collaborare più strettamente nei settori dell’energia, della finanza, dell’industria e dei trasporti, tra le altre cose.

Anche i presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping hanno parlato di recente dello sviluppo delle relazioni militari. La Cina è stata notevolmente riluttante a criticare la guerra russa in Ucraina. Diverse settimane prima, Putin e Xi avevano concordato che le relazioni tra le due parti non avrebbero avuto “confini”. Non è chiaro se all’epoca Xi fosse a conoscenza dei piani di attacco russi.