Russia, nuovo pacchetto di sanzioni: stop all’embargo del petrolio russo

L’esecutivo dell’Unione Europea ha svelato oggi i piani per un divieto graduale delle importazioni di petrolio russo, come parte di una serie di nuove sanzioni per punire Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Ursula Von der Leyen
Ursula Von der Leyen – NanoPress.it

Le nuove sanzioni previste contro la Russia

La Commissione europea ha anche proposto di imporre sanzioni alla più grande banca russa, e di prendere di mira il patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa. Se approvato dagli Stati membri, il divieto del petrolio sarebbe la mossa più dura dell’UE contro il settore energetico russo, che aiuta il Cremlino a finanziare la sua guerra.

Ma non toccherà ancora le enormi esportazioni di gas della Russia e, diversi Stati membri dell’UE, chiedono una proroga della scadenza per fermare le importazioni di petrolio, mentre si assicurano nuove fonti di carburante.

L’embargo petrolifero farebbe parte del sesto pacchetto di sanzioni del blocco e, verrebbe introdotto gradualmente nel resto dell’anno per aiutare i paesi ad adattarsi.

L’UE è il maggior consumatore di petrolio greggio russo. L’anno scorso la Russia ha fornito ai 27 membri del blocco il 30% del greggio e il 15% dei prodotti petroliferi.  Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck, ha affermato che l’embargo potrebbe portare a “interruzioni” della fornitura e aumenti dei prezzi, ma che Berlino lo ha sostenuto, avendo superato la sua precedente riluttanza.

Ciò ha fatto eco a un avvertimento lanciato a Washington, dove il mese scorso il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen, ha avvertito che un divieto del petrolio nell’UE porterebbe prezzi più alti in tutto il mondo e infliggerebbe pochi danni alla Russia. “L’aspettativa è che i flussi globali di greggio si aggiusteranno attorno al divieto dell’UE, con più petrolio russo diretto in Cina e India“, ha affermato l’analista Stephen Innes di SPI Asset Management. 

Le critiche della Von der Leyen a Kirill

Il Patriarca Kirill
Il Patriarca Kirill – NanoPress.it

Ursula Von der Leyen, presentando questo nuovo pacchetto di stop alla Russia, ha anche affermato che la sua proposta negherebbe a Sberbank, la più grande banca russa, l’accesso a SWIFT, il sistema di comunicazioni bancarie globali. Colpendo Sberbank e altre due banche, “abbiamo colpito le banche che sono sistematicamente critiche per il sistema finanziario russo e la capacità di Putin di portare alla distruzione”, ha detto.

La sua proposta ha anche individuato il patriarca Kirill, definendolo “un alleato di lunga data del presidente Vladimir Putin che è diventato uno dei più importanti sostenitori” della guerra. Kirill una volta ha descritto il governo di Putin come un “miracolo di Dio”, attribuendogli la fine delle turbolenze economiche degli anni ’90 in seguito alla disintegrazione dell’Unione Sovietica.

Von der Leyen ha affermato che la nuova lista include anche il personale militare russo dispiegato in Ucraina “che ha commesso crimini di guerra a Bucha e che è responsabile dell’assedio disumano della città di Mariupol”.

L’UE ha anche proposto di bandire più emittenti russe dalle onde radio in Europa.Il blocco ha già bandito i media RT e Sputnik a marzo e ha fatto pressioni sui giganti della tecnologia per rimuoverli dalle loro piattaforme.