Russia: liberato il medico ucraino che ha filmato l’orrore di Mariupol

Un celebre medico ucraino il cui filmato è stato portato di nascosto fuori dalla città assediata di Mariupol, da un team dell’Associated Press, è stato liberato dalle forze militati della Russia venerdì, tre mesi dopo essere stata catturato per le strade della città.

Yuliia Paievska
Yuliia Paievska – NanoPress.it

Yuliia Paievska è conosciuta in Ucraina come Taira, un soprannome che ha scelto nel videogioco World of Warcraft. Utilizzando una telecamera corporea, ha registrato 256 gigabyte degli sforzi della sua squadra in due settimane per salvare i feriti, inclusi soldati russi e ucraini, durante l’inferno di Mariupol.

La Russia libera Yuliia Paievska

Ha trasferito le clip a un team dell’Associated Press, gli ultimi giornalisti internazionali nella città ucraina di Mariupol, uno dei quali è fuggito con le registrazioni incorporate in un tampone il 15 marzo. Taira e un collega sono stati fatti prigionieri dalle forze russe il 16 marzo, lo stesso giorno un attacco aereo russo ha colpito un teatro nel centro della città, uccidendo circa 600 persone, secondo i dati forniti dalla stessa Associated Press.

E’ stato un grande senso di sollievo. Sembrano parole così ordinarie e non so nemmeno cosa dire”, ha detto suo marito, Vadim Puzanov ieri, quando ha saputo della liberazione della moglie, respirando profondamente per contenere la sua emozione. Puzanov ha detto di aver parlato al telefono con Taira, che era in viaggio verso un ospedale di Kiev.

Inizialmente la famiglia aveva taciuto, sperando che le trattative per la liberazione avrebbero fatto il loro corso. La pubblicazione di questi video di contrabbando, hanno avuto milioni di spettatori in tutto il mondo, inclusi alcuni dei più grandi network in Europa e negli Stati Uniti.

Puzanov ha espresso gratitudine per la copertura mediatica di questi video, che mostravano che Taira stava cercando di salvare i soldati russi e i civili ucraini. Il presidente ucraino Volodymir Zelensky ha annunciato il rilascio di Taira in un discorso nazionale. “Sono grato a tutti coloro che hanno lavorato per questo risultato. Taira è già a casa. Continueremo a lavorare per liberare tutti”, ha detto.

‘Taira’ è un membro degli Ukraine Invictus Games

Centinaia di eminenti ucraini sono stati rapiti o catturati, inclusi funzionari locali, giornalisti, attivisti e difensori dei diritti umani. La Russia ha ritratto Taira mentre lavora per il battaglione nazionalista Azov, in linea con la narrativa di Mosca secondo cui sta tentando di “denazificare” l’Ucraina. Ma l’AP non ha trovato prove del genere e amici e colleghi hanno affermato che non aveva legami con Azov, che ha fatto un’ultima resistenza in un’acciaieria di Mariupol, prima che centinaia dei suoi combattenti fossero catturati o uccisi.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Il filmato stesso è una testimonianza viscerale dei suoi sforzi per salvare i feriti da entrambe le parti. Una clip registrata il 10 marzo mostra due soldati russi fatti uscire brutalmente da un’ambulanza da un soldato ucraino. Uno è su una sedia a rotelle. L’altro è in ginocchio, le mani legate dietro la schiena, con un evidente infortunio alla gamba.

I loro occhi sono coperti da cappelli invernali e indossano bracciali bianchi. Un soldato ucraino impreca contro uno di loro. “Calmati, calmati”, gli dice Taira. Una donna le chiede: “Ha intenzione di curare i russi?” “Non saranno così gentili con noi”, risponde. “Ma non potrei fare altrimenti. Sono prigionieri di guerra”.

Taira è un membro degli Ukraine Invictus Games per veterani militari, dove avrebbe dovuto gareggiare nel tiro con l’arco e nel nuoto. Aveva ricevuto la telecamera per il corpo nel 2021 per girare una serie di documentari Netflix sulle figure di ispirazione prodotta dal principe Harry britannico, che ha fondato gli Invictus Games. Ma quando le forze russe hanno invaso, l’ha usata per girare scene di civili e soldati feriti.