Russia: Lavrov visita l’Egitto per rompere l’isolamento diplomatico

Il ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov era stamane al Cairo per colloqui domenicali con i funzionari egiziani, mentre il suo paese cerca di rompere l’isolamento diplomatico, e le sanzioni dell’Occidente per l’invasione dell’Ucraina.

Sergey Lavrov
Sergey Lavrov – NanoPress.it

Lavrov è atterrato al Cairo alla fine di sabato, la prima tappa del suo viaggio in Africa che includerà anche tappe in Etiopia, Uganda e Repubblica Democratica del Congo, secondo la rete televisiva statale russa RT. Il capo della diplomazia russo ha incontrato questa mattina il presidente Abdel Fattah el-Sissi in un palazzo presidenziale del Cairo, ha detto l’ufficio del leader egiziano.

Il Ministro degli Esteri russo ha incontrato questa mattina il presidente Abdel Fattah el-Sissi

Lavrov ha quindi tenuto colloqui con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukry. Lavrov avrebbe dovuto incontrare domenica più tardi il segretario generale della Lega araba Ahmed Aboul Gheit. Si rivolgerà anche ai rappresentanti permanenti dell’organizzazione panaraba, ha riferito RT. La guerra della Russia in Ucraina ha avuto effetti disastrosi sull’economia mondiale, facendo salire i prezzi del petrolio e del gas a livelli senza precedenti.

L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole, ma l’invasione russa del Paese e il blocco navale dei suoi porti hanno interrotto le spedizioni. Parte del grano ucraino viene trasportato attraverso l’Europa su rotaia, strada e fiume, ma con costi di trasporto più elevati.La guerra ha interrotto le spedizioni di prodotti russi perché le compagnie di navigazione e di assicurazione non volevano affrontare le sanzioni occidentali contro il Paese.

Le contee africane sono tra quelle più colpite dalle increspature della guerra. I prezzi dei beni di prima necessità sono saliti alle stelle e miliardi di dollari di aiuti sono stati diretti ad aiutare coloro che sono fuggiti dalla guerra in Europa. Ciò ha lasciato milioni di persone nelle aree di conflitto in Africa e in Medio Oriente a soffrire per il peggioramento della crescente carenza di cibo e altri aiuti.

In un articolo pubblicato sul sito web del ministero degli Esteri russo, Lavrov ha respinto le accuse dell’Occidente secondo cui la Russia è responsabile della crisi alimentare globale, come “un altro tentativo di scaricare la colpa sugli altri”. Cercando di radunare le nazioni africane dalla parte del suo paese, ha salutato quello che ha definito “un percorso indipendente” che tali nazioni hanno intrapreso quando si sono astenute dall’unirsi all’Occidente nel sanzionare la Russia.

Lavrov ha respinto le accuse dell’Occidente secondo cui la Russia è responsabile della crisi alimentare globale

“Sappiamo che i colleghi africani non approvano i tentativi non mascherati degli Stati Uniti e dei loro satelliti europei di prendere il sopravvento e imporre un ordine mondiale unipolare alla comunità internazionale”, ha scritto nell’articolo, anch’esso pubblicato su quattro giornali africani. Gli incontri di Lavrov con funzionari egiziani e inviati arabi al Cairo arrivano a meno di due settimane dal viaggio in Medio Oriente del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

Biden ha incontrato i leader di Israele e dell’Autorità Palestinese, prima di convocare un vertice con i leader dei paesi del Golfo Arabo, Egitto, Giordania e Iraq in Arabia Saudita. L’Egitto, il paese più popoloso del mondo arabo, ha rifiutato di schierarsi dall’inizio della guerra in Ucraina a febbraio poiché mantiene stretti legami sia con Mosca che con l’Occidente. L’Egitto è tra i maggiori importatori mondiali di grano, con gran parte di quello proveniente da Russia e Ucraina.

El-Sissi ha anche completato la scorsa settimana una visita di tre giorni in Serbia, la prima in oltre trent’anni da un presidente egiziano. La Serbia ha rifiutato di aderire alle sanzioni occidentali contro la Russia e ha mantenuto relazioni amichevoli con Mosca nonostante la guerra. I due paesi hanno promesso di aumentare la cooperazione economica. Il leader egiziano ha anche visitato la Germania e la Francia la scorsa settimana.

La Russia e l’Egitto hanno rafforzato notevolmente i loro legami negli ultimi anni poiché el-Sissi e il presidente russo Vladimir Putin hanno sviluppato uno stretto rapporto personale che ha contribuito ad aumentare la cooperazione militare ed economica. La visita di Lavrov al Cairo è arrivata quando la società statale russa per l’energia atomica, Rosatom, ha iniziato la scorsa settimana la costruzione di una centrale elettrica a quattro reattori che sta costruendo in Egitto.