Roma: scoperta serra di marijuana indoor

Attraverso dei controlli antidroga la polizia del Distretto Prenestino, ha scoperto e smantellato una coltivazione di marijuana indoor. Il ragazzo aveva una vera e propria serra all’interno della sua abitazione.

Polizia
Polizia – Nanopress.it

La polizia del V Distretto Prenestino, attraverso dei controlli mirati, ha scovato e arrestato un ragazzo 36enne, per possesso e coltivazione di marijuana. Il giovane possedeva all’interno della sua abitazione una vera e propria serra.

L’azione della polizia e il sequestro della marijuana

La vicenda è iniziata con un controllo di routine nei confronti di un ragazzo 36enne, nelle zone di La Rustica (Roma). Dopo la prima perquisizione la polizia ha riscontrato la presenza di hashish nell’auto del giovane, per questo motivo ha deciso poi di approfondire le indagini.

Giunti nell’abitazione privata del 36enne, è stata riscontrata una vera e propria serra di marijuana. Sequestrate quindi ben 9 piante, 6 chili di marijuana in busta, 220 grammi di hashish e un bilancino di precisione. Il ragazzo è stato immediatamente arrestato e il giudice del tribunale di Roma ha disposto gli arresti domiciliari per l’indagato. 

Allo stesso tempo è stato trovato un giovane 28enne con circa 17 grammi di cocaina addosso e oltre 50 grammi all’interno del suo appartamento, insieme a del materiale per il confezionamento e la preparazione, libri contabili e circa 3.975 euro. Anche in questo caso è stata disposta la misura degli arresti domiciliari. 

I benefici della legalizzazione della cannabis in Italia

Va detto che la cocaina a differenza della marijuana è una droga pesante, che danneggia concretamente la salute di coloro che la assumano, sancendo anche lo sviluppo di gravi dipendenze.

Per questo motivo appare assurdo che il possesso e lo spaccio delle due sostanze venga punito allo stesso modo. Anche considerando i grandi progressi che la legalizzazione della cannabis sta avendo in tutto il mondo. Visti i benefici che un corretto uso possono portare alla salute mentale e non solo. Va anche specificato che la marijuana non crea dipendenza.

Quali sarebbero effettivamente i vantaggi della legalizzazione in Italia? In primo luogo, come riportato da Vice sulla base della consulenza del professore di economia politica della Sapienza di Roma, Mario Rossi, la legalizzazione della marijuana comporterebbe un enorme beneficio finanziario, non solo per lo stato ma in generale per tutta la collettività. Infatti la marijuana legalizzata porterebbe ad entrate pari a circa 4/5 miliardi di euro. 

Marijuana
Marijuana – Nanopress.it

Altro vantaggio potrebbe essere l’inflizione di un duro colpo alla criminalità organizzata presente nel nostro territorio. Si sa infatti, che pur non essendo legale, la marijuana è la droga leggera maggiormente utilizzata dai cittadini italiani a prescindere dall’età. Ovviamente essendo illegale, la maggior parte della sostanza viene inevitabilmente fornita dalle mafie. Tranne pochi casi in cui vige la coltivazione privata all’interno delle abitazioni.

Anche in Italia, anche se molto lentamente, qualcosa si sta muovendo. Va detto che gli ostacoli che inesorabilmente gran parte della classe politica cerca di porre alla legalizzazione, non sono pochi. E che molto probabilmente siamo ancora lontani dal fare concretamente questo passo. Resta da chiedersi, visti i vantaggi, perché è così difficile legalizzarla in Italia?