Riaperte le frontiere con la Gran Bretagna: Di Maio firma il via libera

Alcuni Paesi Ue, tra i quali Francia, Belgio e Olanda, hanno parzialmente riaperto i propri confini per permettere il rientro dei connazionali dopo la chiusura con Uk imposta dalla variante inglese di Covid-19

barca porto dover Gran Bretagna

Getty Images | Leon Neal

Dopo l’annuncio che in Gran Bretagna si starebbe diffondendo un nuovo ceppo di Sars-Cov-2 molti Paesi Ue nei giorni scorsi avevano chiuso l’accesso ai cittadini britannici. Londra ha imposto un lock down in vista degli spostamenti natalizi, ma il problema era quello del rientro per i cittadini non britannici che si trovavano sul suolo Uk nei Paesi d’origine.

Nonostante la chiusura importa dalla variante inglese di Covid-19, oggi Francia, Belgio e Olanda hanno deciso di riaprire parzialmente i propri confini per permettere il rientro dei connazionali e, soprattutto, sbloccare il traffico delle merci attraverso la Manica.

Transito dalla Gran Bretagna nel porto di Dover

Il porto di Dover nella notte ha dato la possibilità alle imbarcazioni in partenza dalla Gran Bretagna di salpare, a patto che tutti i passeggeri con più di 11 anni si sottopongano al test diagnostico non oltre le 72 ore dall’arrivo sul continente, che dovrà dare risultato negativo.

La Francia ha disposto per il rientro sia cittadini con residenza francese sia dei viaggiatori in transito, a fronte di un test PCR negativo. Misura che riguarderà anche i trasportatori, per tutti gli altri le frontiere con il Regno Unite restano chiuse.

I Paesi dove le frontiere restano chiuse

La Germania, al contrario, ha esteso le limitazioni: fino al 6 gennaio i confini con la Gran Bretagna resteranno infatti chiusi. Nel nuovo blocco è sospeso anche l’accesso ai viaggiatori in transito dal Sudafrica, dove, insieme a Uk, si sono presentati i casi della nuova variante inglese più gravi. La Spagna, dove il blocco dei voli è fissato fino al 5 gennaio, e l’Irlanda (31 dicembre) restano invece ferme sulle proprie posizioni.

In Italia: l’ok solo per i residenti o per le urgenze

Per quanto riguarda gli italiani bloccati in Gran Bretagna, ieri è stato raggiunto un accordo tra Farnesina e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: a quanto si apprende, infatti, quest’ultimo avrebbe firmato l’ordinanza che prevede di rientrare in Italia agli italiani che si trovano in Gran Bretagna e che sono residenti nel nostro Paese o per condizioni di urgenza e criticità.

La deroga prevede comunque che i viaggiatori si sottopongano a tampone prima della partenza e all’arrivo, per rilevare un’eventuale infezione da Covid-19, e che in ogni caso effettuino un periodo di quarantena obbligatoria di 14 giorni.

Tali misure restrittive, però, non riguarderanno il trasporto delle merci, che sarà comuqnue consentito.

Adesso si attendono le firme del ministro della Salute Roberto Speranza e della ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Da non perdere