Trovato accordo per Recovery Fund, Conte: "è un'ottima notizia"

L’Italia ha già presentato una bozza del piano per utilizzare i fondi e potrebbe ottenere un anticipo di 20-21 miliardi di euro sui 209 previsti. Gentiloni: “ si apre la strada per ricostruire dopo la pandemia”

Bruxelles parlamento europeo euro bandiere

Getty Images | Mark Renders

È arrivato un accordo definitivo sul Recovery and Resilience Facility, ossia il piano di sussidi e prestiti ai quali potranno avere accesso i Paesi membri della Ue. Il piano di ripresa economica dalla pandemia di Covid-19 è infatti giunto al punto di svolta dopo che il Parlamento e il Consiglio europeo sono riusciti a scendere a patti, l’Italia quindi si vedrà assegnati un totale di circa 209 miliardi di euro nell’ambito del piano Next Generation EU.

Conte: “L’accordo Ue è un’ottima notizia”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è espresso molto positivamente in merito all’accordo sul bilancio pluriennale europeo e del Next Generation Eu, che ha definito “un’ottima notizia“, così come sull’intesa riguardante il Recovery Fund

Secondo quanto pattuito, i governi nazionali avranno a disposizione tre anni di tempo per accedere ai finanziamenti e potranno altresì richiedere un prefinanziamento fino al 13% (con soglia aumentata rispetto all’iniziale 10% di luglio), erogabile all’approvazione piani di spesa, che il nostro Paese ha già prontamente presentato.

Cosa dovranno prevedere i piani di ripresa

Da Bruxelles hanno anche comuniato le linee guida alle quali i piani nazionali dovranno attenersi per avere accesso al finanziamento, riassumibili in sei ambiti politici di rilevanza europea: transizione verde (cui dovrà andare almeno il 37% del budget assegnato), trasformazione digitale (che richiede invece il 20% del fondo nazionale), coesione economica e competitività, coesione sociale e territoriale, reazione e preparazione alle crisi, politiche per le nuove generazioni.

Come suddividere i fondi Ue

L’accordo firmato per il Recovery Fund prevede quindi “un aumento del 30% del prefinanziamento del piano di Recovery” e “per l’Italia si passa dai 15 ai 20-21 miliardi, un risultato importante“, ha spiegato Irene Tinagli, eurodeputata del Pd e presidente della commissione Affari economici del Parlamento europeo. “Un anticipo che consentirà ai Paesi di partire con gli investimenti“, ha aggiunto l’eurodeputata.

La bozza italiana

L’Italia ha già mandato una bozza di piano di riforme e ora la analizzeremo“, spiega il commissario europeo al Bilancio Johannes Hahn, “L’obiettivo è quello di agevolare la ripresa del Paese, ma anche renderlo più resiliente“.

A questo punto manca solo la ratifica nazionale in tutti e 27 i Paesi Ue del pacchetto finanziario, secondo quanto spiegato da Hahn.

Gentiloni: “Abbiamo un’opportunità unica”

Anche il commissario Ue all’Economia ed ex presidente del Consiglio italiano, Paolo Gentiloni, è intervenuto dopo la conclusione dell’accordo: “La Recovery and Resilience Facility apre la strada all’Europa non solo per ricostruire la sua economia dopo la pandemia, ma anche per trasformarla“, ha detto. “Ora abbiamo un’opportunità unica per mantenere i nostri impegni ambientali, per accelerare la transizione digitale, per aumentare le competenze e affrontare le disuguaglianze“, concludendo poi il suo intervento con una cauta speranza: “Mentre questo anno triste volge al termine, guardiamo avanti al 2021 con ottimismo e determinazione“.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Da non perdere