Recovery Fund spacca il centrodestra: Matteo Salvini sempre più isolato

Il fronte dell'opposizione diviso sull'intesa emersa dal super vertice europeo dei 27: è davvero scacco matto all'Italia? Il leader della Lega sempre più lontano dalla linea Berlusconi - Meloni.

Continua a leggere

Matteo Salvini

Matteo Salvini - Foto Getty Images | Ernesto S. Ruscio

Il super vertice europeo e l’intesa sul Recovery Fund sono incastonati in una cornice di reazioni divise all’opposizione. L’accordo spacca il centrodestra e Matteo Salvini, che definisce il pianouna fregatura grossa come una casa“, appare sempre più isolato rispetto alle posizioni contenute e timidamente positive di Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni. Il bilancio di questo spettro di pareri è uno: il leader della Lega è rimasto da solo a contrastare frontalmente il lavoro portato a termine da Conte in Ue.

Continua a leggere

Continua a leggere

Centrodestra diviso sul Recovery Fund

A margine dell’intesa sul Recovery Fund cristallizzata nel corso del vertice storico europeo (il più lungo di sempre), Matteo Salvini parla di “resa mani e piedi, senza condizioni” agli imperativi unilaterali dell’Europa, definendo chiaramente l’accordo “una fregatura grossa come una casa“.

Una posizione, quella del leader della Lega, che si trova decisamente isolata rispetto al contenuto ottimismo di Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, per cui il premier Conte è comunque “uscito in piedi da un limbo in cui l’Italia rischiava di risultare totalmente schiacciata sotto il muro dei “frugali” (i Paesi nordici Olanda, Austria, Svezia, Danimarca e Finlandia, coalizione che ha tenuto sotto scacco il vertice dei 27 per giorni) che avrebbero facilmente dettato una linea ancora più dura nel perimetro dell’accordo e che, comunque, sono usciti soddisfatti dai termini dell’intesa.

Continua a leggere

Continua a leggere

Silvio Berlusconi: “Compromesso positivo

Quello sul Recovery Fund è naturalmente un compromesso, ma è un compromesso positivo, che ha superato le resistenze di alcuni Paesi del Nord e che toglie argomenti ai nemici dell’Europa“. Questo il commento del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, sull’intesa confezionata a Bruxelles.

Nello spettro di un cauto ottimismo, Berlusconi ha sottolineato un’altra questione emergente: “L’ammontare totale dei fondi a nostra disposizione è salito a 208 miliardi e una parte importante di questa somma sono sussidi, a fondo perduto. Ma i fondi saranno disponibili nel secondo trimestre del 2021“.

Continua a leggere

Quello sul Recovery Fund è naturalmente un compromesso, ma è un compromesso positivo, che ha superato le resistenze di…

Continua a leggere

Pubblicato da Silvio Berlusconi su Martedì 21 luglio 2020

Giorgia Meloni

A differenza dell’approccio all’argomento Mes, il registro di Giorgia Meloni si palesa più vicino a FI che alla Lega. La leader di Fratelli d’Italia ha accolto l’intesa con queste parole: “Abbiamo votato a Bruxelles per il debito comune, che ha reso possibile il Recovery Fund. Abbiamo tifato per l’Italia in ogni momento. Con la coscienza a posto ora, a negoziato concluso, voglio dire che Conte è uscito in piedi ma poteva e doveva andare meglio“. 

Continua a leggere

Abbiamo votato a Bruxelles per il debito comune, che ha reso possibile il Recovery Fund. Abbiamo tifato per l’Italia in…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Martedì 21 luglio 2020

Matteo Salvini

In conferenza stampa dalla Camera, insieme ad Alberto Bagnai, Matteo Salvini ha esposto la prospettiva Lega sull’accordo siglato a Bruxelles, descrivendo l’euforia di chi ne sostiene l’essenza favorevole all’Italia una “eurosbornia”. “Non c’è nessun regalo. È resa senza condizioni alle scelte della Commissione. Si parla di soldi prestati, da restituire fino all’ultimo centesimo, che arriveranno se va bene tra un anno, solo se l’Italia farà le riforme su pensioni, lavoro, sanità. Se i prestiti, governati da Bruxelles, comportassero Legge Fornero e patrimoniale su casa e risparmi sarebbe un costo sociale ed economico altissimo per gli italiani. Noi come Lega vigileremo perché così non sia“.

Continua a leggere

CONFERENZA STAMPA SALVINI – BAGNAI (21.07.2020)

In diretta dalla Camera insieme ad Alberto Bagnai.Non c'è nessun regalo. È resa senza condizioni alle scelte della Commissione. Si parla di soldi prestati, da restituire fino all'ultimo centesimo, che arriveranno se va bene tra un anno, solo se l'Italia farà le riforme su pensioni, lavoro, sanità.Se i prestiti, governati da Bruxelles, comportassero Legge Fornero e patrimoniale su casa e risparmi sarebbe un costo sociale ed economico altissimo per gli italiani. Noi come Lega vigileremo perché così non sia. #recoveryfund

Pubblicato da Matteo Salvini su Martedì 21 luglio 2020

Sempre più isolato nell’asse del centrodestra, sostiene che il suo partito sarà “cane da guardia”, “santo protettore degli italiani sul fronte lavoro, pensioni, sanità e sicurezza“.

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…

Da non perdere