Putin teme più l’Ue che la Nato

L’insediamento dei valori democratici nel suo ambiente, piuttosto che nelle basi militari, è un pericolo per Putin, per questo molti analisti scommettono che per Putin la minaccia più grave è rappresentata dalla Ue.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Nonostante tutte le sue diatribe contro l’allargamento della NATO, ci sono molti argomenti per considerare che ciò che Vladimir Putin teme di più non è la creazione di basi militari nel suo ambiente, ma l‘istituzione di valori democratici. Il leader russo intende riaffermare una sfera di influenza, per ricostituire quello che definisce il “mondo russo”.

Putin verso la dittatura ha timore delle democrazie della Ue

L’adesione alla NATO di paesi da quello spazio che considera suo, rappresenterebbe ovviamente per Putin un colpo terribile per i suoi piani imperiali, e avrebbe indubbiamente conseguenze per l’equilibrio militare. Ma nessuno sano di mente pensa che l’Alleanza userebbe quel nuovo perimetro per attaccare direttamente la Russia. Invece, per il regime autoritario di Putin, che galoppa verso la dittatura tout court, l’UE rappresenta un avversario potenzialmente più pericoloso.

Un’espansione del club europeo nel suo quartiere non solo amputarebbe i piani imperiali: ha gli attributi per scuotere lo stesso regime russo. Perché l’UE è il principale veicolo in Europa di valori democratici, libertà, progresso sociale e prosperità. Perché il radicamento di quei valori – e dei risultati – in una società sorella e rilevante come l’Ucraina, rappresenterebbe un terribile esempio per il regime russo. Uno specchio disastroso per il Cremlino che probabilmente incoraggerebbe riflessioni scomode sotto il giogo repressivo.

Ecco perché la concessione all’Ucraina dello status di paese candidato, decisa giovedì dall’UE, è un passo profondo. Non va dimenticato che l’attuale crisi è precipitata quando, quasi un decennio fa, il presidente ucraino filorusso Viktor Yanukovich, ha cercato di cortocircuitare il processo di riavvicinamento del suo Paese all’UE, provocando le proteste di Maidan -che rappresentava quella la maggioranza sociale favorevole a quel riavvicinamento, la brutale repressione e tutto ciò che è seguito.

Ma è importante non essere ingenui. Non è affatto realistico pensare che questa adesione avverrà nei prossimi anni, e nemmeno tra un decennio. L’integrazione di un paese che non soddisfa gli standard è altamente problematica per l’UE. Molti altri aspettano in fila da anni. Inoltre, una volta all’interno, Kiev potrebbe invocare la clausola di mutua difesa dei Trattati (art. 42.7).

Andremmo in guerra con l’Ucraina contro la Russia

Andremmo in guerra con l’Ucraina contro la Russia? Ci sono infinite prospettive problematiche per fare quel passo. Ed è, quindi, imperativo evitare che la procrastinazione di questo passo generi amarezza e delusione in una società ucraina, che in nessun modo se lo merita. Bisogna trovare dei modi per evitare la stagnazione. Ci deve essere sostegno, ora, nello scontro militare. E ci deve essere, al più presto, un potente e generoso contributo dell’UE alla ricostruzione.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

L’UE deve essere in prima linea nel piano Marshall per l’Ucraina. Inoltre, non solo dovrà mantenere la sua corretta politica di porte aperte agli ucraini, ma anche promuovere canali strutturali di connessione, dal settore energetico all’istruzione. Le leve di partenariato economico disponibili devono essere utilizzate senza pregiudicare il valore del mercato unico. Ma l’UE deve anche avere la generosità di riconoscere che nemmeno questo sarà sufficiente. Non basta ricorrere alle strutture esistenti, lo slancio attraverso mezzi economici e civili.

Questo è un nuovo tempo e un nuovo spazio, e richiede di più. È necessaria una dimensione politica. E in questo senso risuona la logica della proposta di Emmanuel Macron di costituire una comunità politica europea, che possa riunire le decine di Paesi del continente che detestano l’aggressività russa, ma non possono o non vogliono entrare nell’Ue.

Dal Regno Unito e dalla Norvegia all’Ucraina e alla Moldova. L’UE dovrebbe accettare che uno spazio politico con queste caratteristiche —che riunisce circa 40 paesi di fronte alla minaccia russa — acquisisca coesione e fuga. I muscoli sono utili e possono spaventare. Ma l’intelligenza e i valori possono essere armi invincibili.