America Latina nuovo laboratorio della sinistra

Messico, Argentina, Cile, Perù e, ora, Colombia, cinque delle economie più potenti della America Latina sono nelle mani dei progressisti.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

L’impegno per la democrazia, il femminismo e l’ambientalismo segnano la nuova agenda. C’è chi è tornato al potere, come l’argentino, o il boliviano e l’honduregno, che si sono ripresi da due colpi, tendendo ora a moderarsi a costo di non pochi problemi interni. Quelli che non avrebbero mai immaginato di raggiungerlo, come i cileni, ma soprattutto i colombiani, entrambi eredi di leader annientati.

Messico, Argentina, Cile, Perù e Colombia: la sinistra al potere

Anche parole senza senso che si proclamano progressiste e che sono piene di ‘ma’ lungo la strada, come quella del maestro peruviano Pedro Castillo o quella del totem messicano Andrés Manuel López Obrador. Un amalgama, questi sinistri, che hanno fatto vestire di rosso l’America Latina come mai prima d’ora.

In attesa di ciò che accadrà a fine anno in Brasile, dove anche Lula potrebbe tornare al potere, le altre cinque economie più forti della regione – Messico, Argentina, Cile, Colombia e Perù – sono governate, o lo saranno d’ora in poi, dalla sinistra.

L’avanzata dei governi progressisti risale a quella prima ondata all’inizio del secolo, quando, sostenuti da un inarrestabile Hugo Chávez, e dall’ombra eterna di Fidel Castro, diversi paesi si allinearono attorno a quello che fu chiamato socialismo del 21° secolo. Le ragioni che hanno guidato le ultime vittorie progressiste, si trovano anche, paradossalmente, nelle differenze che mantengono con la prima ondata.

Se allora il prezzo delle materie prime e il boom del petrolio sono stati decisivi per sostenere quei governi, ora il motore del cambiamento nasce dal deterioramento degli indicatori sociali in quasi tutta la regione, che ha guidato i focolai sociali del 2019 e si è accresciuto con la pandemia.

I contendenti hanno anche contribuito alle recenti vittorie. Quando non sono stati apertamente di estrema destra, hanno radicalizzato la più tradizionale destra e la sinistra è stata vista, in un certo modo, come parte dell’establishment, dice la sociologa Luciana Jáuregui.

La studiosa cita l’esempio di José Antonio Kast, che fece dell’ordine e della difesa della famiglia la sua campagna in Cile; Keiko Fujimori, figlia del vecchio autocrate, in Perù; il caso più recente dell’imprenditore demagogico Rodolfo Hernández in Colombia o l’ascesa del deputato di destra Javier Milei in Argentina. Un’altra delle grandi differenze è che nessuno di quei leader di una volta vive o governa, e la mobilitazione popolare ha lasciato il posto a vittorie elettorali in cui, in molti casi, è stato necessario un ampio consenso, come si è visto in Cile e Colombia.

L’America Latina alle prese con vecchie e nuove sfide

Anche Lula, l’unico sopravvissuto da allora, ha cercato nel centro un alleato importante come Geraldo Alckmin, peso massimo di centrodestra, che ha sconfitto alle presidenziali del 2006. «Non ci sono più i leader storici della crociata movimento anti-neoliberista degli anni ’90, che collegava il cosiddetto socialismo del XXI secolo con il vero socialismo di stampo cubano”, sostiene lo storico del Colegio de México Rafael Rojas, riferendosi ai fratelli Castro, Hugo Chávez o Evo Morales.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador . NanoPress.it

“I nuovi governi e leader di sinistra, come López Obrador, Fernández, Petro o Boric, sono impegnati a preservare il quadro costituzionale democratico o ad allontanarsi dalla rielezione. Il maggiore impegno per la democrazia in questa nuova ondata di sinistra può aiutare a contenere l’avanzata dell’autoritarismo, che ha uno dei suoi principali fianchi nel polo bolivariano”.

Se c’è uno spartiacque tra le agende di inizio secolo e quelle attuali, risiede nelle rivendicazioni femministe e ambientaliste, con Argentina, Cile e Colombia in prima linea, e nel contrasto del Messico, dove il governo non tiene il passo, con la spinta ai gruppi di donne che gridano contro l’inferno del femminicidio. A ciò la filosofa argentina Luciana Cadahia aggiunge “il debito storico con i movimenti neri”.

In questo senso, Rojas ricorda che i diritti dei popoli indigeni dove il progresso minore è nella zona bolivariana, che è vista come “radicale” o “socialista”, tranne forse la Bolivia. Cercare di spiegare l’intera fusione delle forze progressiste come entità comune è chimerico. C’è forse più dissonanza che incontri nelle proposte.

A maggior ragione in materia economica, come sottolinea Rojas, dove i piani di Andrés Manuel López Obrador sono praticamente antagonisti a quelli di Gustavo Petro, favorevole alla fine dell’estrattivismo in materia energetica, o all’attuazione di una riforma fiscale progressiva.

Anche il modo in cui le forze progressiste si collegheranno tra loro e con il resto del mondo è alquanto incerto. “La maggiore tensione che vedremo nei prossimi anni sarà, ancora una volta, tra la visione realistica e multilaterale delle relazioni internazionali promossa dal progressismo, e la strategia geopolitica del polo bolivariano“, riassume l’accademico del Colegio de México.

Per questo storico cubano, una vittoria di Lula in Brasile accentuerà ulteriormente questa tensione, “poiché, sia come governante che come avversario, Lula ha mantenuto una linea diplomatica diversa da quella di Cuba e del Venezuela”. Nessuna vittoria da sola fa un ciclo. Niente è più lontano dalla realtà per Manuel Canelas, che faceva parte del terzo governo di Evo Morales.

La sinistra, a differenza della prima ondata progressista, assume un carattere difensivo

Per definire un ciclo, il numero di vittorie elettorali non è una condizione sufficiente”, afferma l’ex ministro delle Comunicazioni della Bolivia, ora con sede in Spagna, che ricorda i trionfi – non tutti alle urne – della destra tra il 2015 e 2017, “e non è per questo che si è parlato di un ciclo conservatore”.

Gabriel Boric
Gabriel Boric – NanoPress.it

E va più a fondo: «L’idea di un ciclo è più strettamente legata alla costruzione dell’egemonia. Si può vincere un’elezione e governare senza essere egemonici, quindi può durare meno”. Sulla stessa linea, Jáuregui elabora: “Il consenso ideologico e gli allineamenti politici vengono riconfigurati con risultati incerti. La sinistra, a differenza della prima ondata progressista, assume un carattere difensivo, volto a preservare o promuovere moderati cambiamenti promossi dallo Stato, piuttosto che dalla mobilitazione popolare.

Se si guarda ai processi recenti, le vittorie dei governi di sinistra o di centrosinistra non si traducono in predominio politico e ideologico, ma in governi politicamente ed economicamente vincolati, con difficoltà a promuovere una politica di trasformazione, e persino a garantire la propria coesione .interno”. La gestione delle relazioni con Cuba, Nicaragua e Venezuela, in particolare con il Paese sudamericano, sarà un grattacapo per i nuovi governanti.

Tutti, compresi Petro e Boric, hanno preso le distanze dalla deriva autoritaria e dalle violazioni dei diritti umani da parte di Nicolás Maduro nonostante non molto tempo fa celebrassero il chavismo. Tuttavia, sarebbe ingenuo pensare che non ci saranno cambiamenti nei rapporti, ad esempio, della Colombia o del Cile con il Venezuela, al punto che milioni di venezuelani sono andati in esilio in entrambi i paesi. Petro ha già assicurato che una delle prime misure che promuoverà sarà la riapertura del confine con il Venezuela.

La ricerca di un leader che unisca tutte le forze sembra inevitabile. La figura del colombiano Petro, emerge a livello regionale con più forza se possibile rispetto all’entusiasmo generato dall’irruzione di Boric o dal ruolo di primo piano che López Obrador ha cercato in questi mesi. La filosofa Luciana Cadahia non ha dubbi sul fatto che il trionfo del Patto Storico pone la Colombia come il nuovo leader regionale, nella misura in cui può articolare gran parte della regione, sia sul lato atlantico che su quello del Pacifico.

E indica tre debiti storici che il progressismo colombiano porrà al centro del dibattito: “La transizione energetica dall’economia estrattiva fossile a un nuovo modello sostenibile; il ruolo centrale dei Caraibi e degli afroamericani, delle popolazioni indigene e dei settori popolari urbani nel contesto politico, e un nuovo patto emisferico che non implica né la leadership degli Stati Uniti né il rifiuto di quel Paese come attore chiave sulla continente.

Biden sta provando a ricucire il rapporto con i paesi in questione

“Come si articolerà il rapporto con la grande potenza segnerà sicuramente buona parte delle agende tra le diverse forze. Joe Biden ha subito una battuta d’arresto all’ultimo Vertice delle Americhe, in cui ha raggiunto a malapena una serie di accordi generici ed è stato preso a male parole da López Obrador, che non ha partecipato perché Cuba, Venezuela e Nicaragua non sono stati invitati.

Joe Biden 1
Joe Biden – Nanopress.it

Il Messico ha insistito sulla necessità di costruire un nuovo percorso nel rapporto tra America Latina e Stati Uniti, che ha quasi come condizione sine qua non la perdita di rilievo dell’Organizzazione degli Stati americani (OAS) e del suo Segretario Generale, Luis Almagro, a cui la maggior parte delle forze progressiste voltano le spalle.

È in una delle grandi scommesse di Joe Biden, tuttavia, che potrebbe risiedere il nuovo asse su cui girerà il rapporto tra America Latina e Stati Uniti. La lotta al cambiamento climatico non è tra le priorità di López Obrador, ma è tra quelle di Petro. Non sono banali, poi, le veloci congratulazioni che il colombiano ha ricevuto da Biden, a sole 48 ore dalla vittoria.

Dalla lotta per l’ambiente, entrambi vogliono invertire le politiche irregolari del traffico di droga degli ultimi decenni. Una ricomposizione delle relazioni degli Stati Uniti con l’America Latina attraverso l’ambiente presupporrebbe il più grande cambiamento geopolitico nella regione nel secolo.