Putin: la mobilitazione è una decisione ‘giustificata’ dagli errori

Con quest’ultimo discorso di ieri del presidente russo Putin sono cadute le maschere del regime, che non si nasconde più dietro la presunta intenzione dei cittadini di vivere in una “repubblica indipendente” e dimostra che hanno sempre cercato di assorbire l’Ucraina.

Biden Putin
I presidenti Joe Biden e Vladimir Putin – Nanopress.it

Il capo del Cremlino cerca di districare la situazione sul fronte ucraino, dove le sue truppe stanno perdendo terreno a causa della controffensiva ucraina, con quella che ha definito “mobilitazione parziale”. Il governo russo mobiliterà 300.000 persone, secondo il ministro della Difesa Sergei Shoigu. In un altro discorso enormemente guerrafondaio e furioso, come quello che ha lanciato la guerra su vasta scala in Ucraina il 24 febbraio, in cui chiama ancora una volta il suo vicino “neo-nazista” e lancia minacce nucleari contro l’Occidente, Putin assicura che questo la mobilitazione riguarderà le persone nelle riserve o con esperienza militare.

Il presidente russo Vladimir Putin continua il suo volo in avanti

Tuttavia, il decreto, che ha uno dei punti (il settimo) nascosto come informazione riservata, parla solo di cittadini e non determina su quali fasce di popolazione interessa. Lascia il reclutamento e la responsabilità di entrare nei ranghi russi ai funzionari nelle regioni, il che apre la porta al reclutamento forzato in alcuni luoghi.

Putin giustifica ancora una volta la sua decisione con errori. Il leader russo, 69 anni, assicura che è necessario garantire lo svolgimento di quelli che chiama “referendum” nei territori occupati in Ucraina per annettere la Russia: nelle aree di Lugansk e Donetsk gestite per anni dal Cremlino attraverso il separatisti filo-russi e il territorio appena conquistato e anche nelle parti occupate dell’Ucraina meridionale, Zaporizhia e Kherson. Le votazioni, che si svolgeranno in fretta, non rispettano gli standard internazionali e si svolgono non solo con una presenza militare sul terreno, ma in un Paese in guerra.

Cadono completamente le maschere del regime russo, che non si nasconde più dietro la presunta intenzione dei cittadini di vivere in una “repubblica indipendente” e mostra che da anni le sue azioni cercano sempre di assorbire l’Ucraina, Paese che per Putin è “fittizio” e questo lo ossessiona da anni.Con i “referendum” di annessione alla Russia, Putin punta a sottolineare che i combattimenti e la controffensiva ucraina per recuperare il proprio territorio sono un attacco alla Russia stessa.

E che l’Occidente possa porre una condizione per l’uso delle armi che fornisce a Kiev che non attacchi quelle aree, come il fatto che non hanno fornito all’Ucraina armi a lunga distanza che potrebbero raggiungere (intenzionalmente o meno) la Russia. Ma Kherson, Zaporizhia, Donetsk e Lugansk non saranno riconosciuti dalla comunità internazionale come parte della Russia, così come solo quei paesi con legami molto stretti (o dipendenti) con il Cremlino hanno dichiarato che la penisola ucraina Crimea, che Mosca ha annesso illegalmente al Cremlino 2014, fa parte della Russia.

Putin, che è al potere da più di due decenni ed è sempre più fuori contatto con la realtà in un Paese governato dal suo apparato di sicurezza, crede di poter dipanare la guerra accumulando sempre più stivali a terra, senza tener conto la mancanza di addestramento, la bassa qualità delle armi russe e le loro carenze.

La via per sfuggire al reclutamento è l’età (aver superato il massimo per l’Esercito), problemi di salute o avere una condanna al carcere

Né considera come variabile la mancanza di motivazione a combattere nel paese vicino contro coloro che difendono la propria casa e sono disposti a lottare con tutto ciò che hanno a disposizione; compreso l’aiuto occidentale. Anni fa, soprattutto in inverno, i moscoviti scherzavano dicendo che ci sono solo tre vie d’uscita dalla depressione: Vnukovo, Domodedovo e Sheremetevo (gli aeroporti della capitale).

Militari russi
Militari russi – NanoPress.it

Questo mercoledì, nelle reti, è stato fatto notare che la via per sfuggire al reclutamento è l’età (aver superato il massimo per l’Esercito), problemi di salute o avere una condanna al carcere. Con i confini terrestri dei Paesi baltici chiusi alla maggior parte dei russi e l’annullamento di numerosi visti europei, le possibilità di sfuggire a questa mobilitazione lasciando il Paese sono complicate: i voli verso i pochi Paesi ancora raggiungibili direttamente dalla Russia sono praticamente esauriti di stock o a prezzi proibitivi.

Il capo del Cremlino ha sventolato ancora una volta la minaccia nucleare contro l’Occidente con parole che sembrano prese da un altro secolo e ha affermato che utilizzerà “tutte le misure disponibili” contro un Occidente che “vuole distruggere la Russia”, compresi i mezzi nucleari — “Non sto mentendo”, ha detto-.

Le parole di Putin potrebbero essere considerate dure, ma la guerra su larga scala ha dimostrato che le decisioni del leader russo non possono essere lette con schemi razionali. Molti analisti ritenevano che un’invasione su vasta scala fosse impossibile perché il numero di truppe mobilitate in inverno non sarebbe stato in grado di conquistare l’intero paese e le loro armi non erano abbastanza sofisticate. Il 24 febbraio Putin ha ordinato di attaccare l’Ucraina da tre lati e via terra, mare e aria.