Portogallo: gli hacker della TAP rilasciano i dati personali del primo ministro

In Portogallo il direttore dei servizi di intelligence e il leader del partito di estrema destra Chega sono tra i soggetti colpiti dalla diffusione di informazioni su oltre un milione di clienti aziendali.

Il Primo Ministro del Portogallo António Costa
Il Primo Ministro del Portogallo António Costa – NanoPress.it

Il numero di cellulare del Primo Ministro del Portogallo, António Costa, è disponibile per gli utenti attratti dalla parte sinistra di Internet, nota come dark web. Anche i dati personali del direttore del Servizio di informazione e sicurezza, Adélio Neiva da Cruz; il leader del partito di estrema destra Chega, André Ventura; del comandante generale della Guardia nazionale repubblicana (GNR), Rui Clero, e altri politici attivi e membri dell’amministrazione centrale portoghese sono stati rivelati dai criminali informatici che hanno attaccato la compagnia aerea portoghese TAP a fine agosto, come pubblicato oggi dal espresso settimanale.

Il numero di cellulare del Primo Ministro del Portogallo, António Costa, è disponibile per tutti

Il gruppo Ragnar Locker ha annunciato questa settimana di aver rilasciato i dati personali di 1,5 milioni di clienti TAP, in risposta al rifiuto della compagnia aerea di accettare la sua estorsione per evitarlo. “TAP non ha fatto nulla per proteggere i dati dei propri clienti e, nel tentativo di nascondere la verità, hanno persino attaccato le nostre risorse e la nostra soluzione ragionevole per un’azienda seria”, hanno affermato i criminali informatici in una nota.

Né i pirati né l’azienda hanno denunciato i soldi necessari per impedirne la diffusione, ma la presidente esecutiva del TAP, Christine Ourmières-Widener, ha chiarito che non accettano le richieste del gruppo. “Non vogliamo negoziare né siamo disposti a premiare questo comportamento in alcun modo e speriamo che ci sosterrete in questo atteggiamento etico”, afferma l’amministratore delegato della compagnia aerea in un video in cui si scusa anche con i clienti per l’accaduto.

In un incontro con la stampa estera tenutosi giovedì a Lisbona, Christine Ourmières-Widener ha sottolineato di non poter determinare il numero esatto di clienti interessati dal furto di dati e che le stime di 1,5 milioni fornite da Ragnar Locker potrebbero essere incerte. L’incontro, a cui ha partecipato anche EL PAÍS, si è svolto prima che si venisse a sapere che il primo ministro e altri politici erano tra le persone danneggiate dall’attacco.

L’assalto al sistema informatico della TAP è avvenuto a fine agosto.

Il gruppo ha già esposto i dati di 115.000 client sulla rete per dimostrare che la sua azione ha avuto successo. Tra le informazioni trasmesse c’erano numeri di telefono, indirizzi, contenuto delle e-mail dei dipendenti dell’azienda e informazioni riservate.

Web
Web e accessibilità della rete – Nanopress.it

La Procura portoghese ha aperto un’indagine sull’intrusione a cui partecipano anche la Polizia Giudiziaria e il Centro Nazionale di Cibersicurezza. Nel giugno 2020, lo stesso gruppo di hacker ha attaccato la società elettrica portoghese EDP e ha rivendicato 10 milioni di euro dopo aver bloccato i suoi sistemi informatici. La società ha assicurato di non aver mai pagato l’estorsione.

Il Portogallo soffre da mesi di attacchi informatici contro le sue principali istituzioni e aziende. Uno dei più recenti, riportato dal Diário de Notícias, ha interessato documenti segreti della NATO inviati in Portogallo e rubati durante un attacco informatico allo Stato Maggiore delle Forze Armate, che sono stati messi in vendita sul dark web.

Anche quest’anno la rete di Vodafone Portugal ha subito un’intrusione da parte di hacker che ha causato un blackout che ha impedito di effettuare chiamate vocali e inviare SMS per un’ora a quattro milioni di clienti, tra cui organizzazioni strategiche come l’Istituto Nazionale di Emergenza Medica, alcuni servizi vigili del fuoco, banche, tribunali e uffici postali.