Più estremi di Trump: la crociata dell’ala più radicale dei repubblicani

Negli Usa il settore più radicale del partito repubblicano ha un piano: controllare i livelli più bassi del potere per promuovere una rivoluzione ultraconservatrice più estrema di quella di Trump.

Donald Trump con un'arma
Donald Trump con un’arma – NanoPress.it

Qanon Roger Stone è un veterano stratega repubblicano, che ha lavorato alle campagne presidenziali dai tempi di Richard Nixon, e appartiene all’ala più estrema del partito. Uomini e donne che, privi di mascherine e spinti dal disagio di un Paese lacerato in due, hanno lanciato le loro candidature a tutti i livelli alle primarie delle elezioni del prossimo novembre, con discorsi più trumpiani di quelli dello stesso Trump e con il sostegno, in molte occasioni, dall’ex presidente in persona.

I Repubblicani ultraconservatori provano a prendere il potere nel Partito di Trump

Stone, inventore dello slogan “Stop the Steal” (fermiamo i furti elettorali), è, inoltre, uno dei più stretti alleati del tycoon, che in questi giorni sta cogliendo la margherita per potersi presentare nuovamente nel 2024. Così è Michael Flynn, l’altra grande star dei 17 eventi del tour del revival statunitense, tenuti dalla California all’Ohio, con biglietti esauriti ($ 250 ciascuno).

Flynn è un generale a tre stelle in pensione che è stato licenziato dalla carica di direttore della Defense Intelligence Agency nel 2014, è stato nominato consigliere per la sicurezza nazionale con Trump e ha dovuto dimettersi nel 2017 per il suo coinvolgimento nel complotto russo perché ha persino mentito troppo per gli standard di tale Amministrazione.

Oggi è un punto di riferimento nei circoli cospirativi di estrema destra QAnon per la sua difesa di teorie stravaganti, come che il coronavirus sia stato inventato per inoculare alla popolazione microchip progettati per controllarlo, che le élite di sinistra rapiscano i bambini per estrarne il sangue e ottenere un farmaco chiamato adrenocromo con la sua presunta promessa di immortalità o che l’Italia abbia utilizzato satelliti militari per favorire la vittoria del presidente Joe Biden nel 2020.

Flynn e Stone sono uniti anche da un’altra cosa: entrambi sono stati graziati da colui che era il loro capo dei crimini legati alla menzogna in preda al suo mandato. È stato più o meno contemporaneamente che hanno partecipato agli eventi che ora sono oggetto di indagine da parte del comitato congressuale il 6 gennaio.

Stone è legato alla milizia radicale dei Proud Boys (e soprattutto al suo capo, Enrique Tarrio, accusato di cospirazione sediziosa per quanto fatto durante l’insurrezione), mentre Flynn viene messo al centro di un incontro svoltosi il 18 dicembre nello Studio Ovale, contendendosi seriamente il titolo di “Most Unhinged of the Trump Era”.

“Venezuela, Cina e Iran” hanno interferito nelle elezioni del novembre 2020″

In esso, ha detto che “Venezuela, Cina e Iran” hanno interferito nelle elezioni del novembre 2020 o che “termostati a marchio Nest collegati a Internet” avevano alterato le schede elettorali. Quell’incontro, in cui un sinistro avvocato di Flynn di nome Sidney Powell è stato quasi nominato procuratore speciale per indagare sulle accuse di frode elettorale, è stato protagonista di una delle sessioni più famigerate della commissione che indaga sull’insurrezione.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

In un profilo di Flynn recentemente pubblicato dalla rivista Atlantic, un testo in cui alcuni suoi vecchi compagni di vita militare mettono in dubbio la sua salute mentale, Steve Bannon, il grande Rasputin del populismo americano, dichiara: “Penso Mike [Flynn] potrebbe benissimo essere nella rosa dei candidati VP 2024. E se il presidente [Trump] non si candiderà, credo fermamente che Mike si candiderà”.

Bannon, condannato venerdì scorso per reato minore per essersi rifiutato di collaborare alle indagini del Congresso, è orgoglioso di far credere a qualsiasi cosa gli ascoltatori del suo programma War Room (un ibrido tra un podcast e una trasmissione televisiva a basso budget).

Da quel pulpito, che registra in uno scantinato di Washington, l’ex consigliere di Trump promuove molti di quei candidati come parte di un piano dichiarato per capovolgere il Paese controllando i credenti nelle teorie più sfrenate dell’estrema destra. potere negli Stati Uniti, da funzionari elettorali o segretari di stato a consigli scolastici o assistenti procuratori generali.

Tutto questo fa parte di qualcosa che Bannon ha soprannominato la Strategia del Distretto e che incoraggia i “cittadini impegnati” a farsi avanti per il loro paese e combattere contro i Democratici radicali e i “Repubblicani rapiti dal sistema“. Esperti dei laboratori di analisi specializzati in elezioni avvertono del pericolo che il controllo sulla certificazione dei risultati finisca nelle mani dei credenti nella teoria che i Democratici abbiano sovvertito l’appuntamento del 2020.

Come hanno dimostrato le sessioni del 6 gennaio, la sanzione quella vittoria (legittimata in 61 delle 62 cause legali aperte da allora) è stata possibile grazie alla resistenza di un pugno di funzionari che non ha ceduto alle pressioni di Trump e del suo popolo. Nonostante ciò, due terzi dell’elettorato repubblicano continuano a credere oggi che qualcosa puzzi di candore nelle elezioni che hanno portato Biden alla Casa Bianca.

Il gioco ‘sporco’ dei democratici

In un paese in cui la maggioranza dei suoi cittadini crede che il governo degli Stati Uniti sia corrotto e quasi un terzo afferma che presto sarà necessario prendere le armi contro di esso, secondo un sondaggio pubblicato questa settimana dall’U.S. Policy Institute University of Chicago, accendere la retorica di alcuni di quei candidati estremisti.

Proteste pro aborto
Proteste pro aborto – Nanopress.it

A volte lo fa anche con l’aiuto del Partito democratico, che in queste primarie sta mettendo in campo una tattica certamente rischiosa (e al limite del gioco scorretto): finanziare le campagne dei suoi più folli avversari repubblicani per far sì che gli elettori moderati abbiano timore. Ciò è stato fatto, ad esempio, nel Missouri, nel Maryland o nell’Illinois.

E il fatto è che potrebbe funzionare: secondo un’analisi del New York Times, sono 37 i candidati al Congresso che sostengono teorie vicine a QAnon. Di questi, 26 sono già stati rimossi dalle primarie. E tra i restanti 11, uno è alla pari con il suo avversario democratico e due, Lauren Boebert (Colorado) e Marjorie Taylor Greene (Georgia), vere celebrità del trumpismo (di gran lunga) oltre Trump, portano la vittoria a novembre.

Secondo Mike Rothschild, ciò che i suoi promotori hanno ottenuto finora è che alcune delle loro idee affondano, ad esempio che le elezioni del 2020 siano state un rapina o che i Democratici stiano influenzando pericolosamente i bambini con la loro progressiva educazione sessuale, che, di fatto, li rende capri espiatori dei pedofili.

Per ora Trump e i suoi alleati non sembrano a disagio nell’essere accusati di essere radicali. Hanno anche potuto ribaltare una delle marce che la squadra di Biden ha voluto usare contro di lui, quando ha detto lo scorso maggio, dopo mesi di studio alla ricerca di un’etichetta favorevole, che i suoi candidati erano “ultra MAGA” ( sta per Make America Great Again, lo slogan preferito dell’ex presidente, che adorna decine di migliaia di berretti rossi in tutto il paese).

Quando Trump l’ha sentito per la prima volta, ha pensato che la cosa migliore da fare fosse appropriarsi del sigillo. Quindi nelle e-mail che inonda le caselle di posta di chiunque abbia sbirciato nel suo mondo, il suo team di propaganda chiede a tutti di unirsi al “movimento ultra MAGA”. Non solo: intrattiene i più impegnati chiamandoli “ultra MAGA kings”.