Pierluigi Bersani: 'Renzi deve tener conto delle obiezioni non irragionevoli del no'

Dopo le polemiche con la Ministra Boschi un nuovo attacco dell'ex segretario del Pd

Pierluigi Bersani ospite a Otto e Mezzo

Dopo aver attaccato la Ministra Maria Elena Boschi per la frase sui partigiani, Pierluigi Bersani ha ancora qualcosa da dire al Governo di Matteo Renzi. L’ex segretario del Pd si dice tentato a votare ‘no’ al referendum indetto per ottobre sulla riforma costituzionale e spiega quali punti andrebbero a suo avviso modificati.

Intervistato a ‘Radio Anch’io’, Pierluigi Bersani ha dichiarato di “essere pronto a votare sì al referendum”, ma allo stesso tempo si è detto tentato a votare ‘no’. L’ex segretario del Pd critica l’atteggiamento del premier: “Se le cose vanno avanti così tra quattro mesi ci troviamo tra le macerie del campo democratico. Renzi deve tener conto delle obiezioni non irragionevoli del ‘no'”. Spiega Pierluigi Bersani che il premier dovrebbe “annunciare una proposta di legge per l’elezione diretta del Senato” e la “disponibilità a modificare l’italicum”, secondo l’ex segretario Pd “non si può scambiare un ballottaggio con il doppio turno” dunque “serve il doppio turno di collegio“.

Parole di Chiara Podano

Chiara Podano è stata collaboratrice di Nanopress dal 2016 al 2019, occupandosi principalmente di spettacoli, televisione, gossip, celebrities.

Da non perdere