Petro ottiene la maggioranza al Congresso della Colombia

A meno di 24 ore dall’insediamento della nuova legislatura, il presidente eletto, Gustavo Petro, garantisce le alleanze di cui ha bisogno per far passare le sue riforme in Colombia.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Ore prima dell’insediamento del nuovo Congresso colombiano questo mercoledì, il presidente eletto Gustavo Petro ha incontrato martedì pomeriggio una persona chiave di cui aveva bisogno per ottenere la maggioranza nella legislatura: Dilian Francisca Toro, un ex senatore che attualmente guida il partito di The U, una branca appartenuta all’Uribismo e al Santismo nei decenni passati, e che ora è passata al progetto Petrismo.

Toro: con Petro stiamo lavorando oggi per costruire un’agenda per la pace sociale e politica

“Il raggiungimento di un grande Accordo nazionale per i dimenticati dovrebbe unirci come Paese”, ha scritto Toro sui suoi social dopo l’incontro, insieme a una foto sorridente con Petro. “È uno scopo che condividiamo con il presidente Gustavo Petro, con il quale stiamo lavorando oggi per costruire un’agenda per la pace sociale e politica”, ha aggiunto. Due ore prima della mezzanotte, la panchina de La U ha confermato ai media che saranno loro il Governo.

Con l’appoggio dei deputati de La U, il presidente eletto riesce a consolidare la sua coalizione partigiana: ottiene l’appoggio di 63 senatori su 108 e 106 deputati su 188 alla Camera. Un paradosso è che La U, partito fondato nel 2006 dall’ex presidente Álvaro Uribe, grande avversario politico di Petro, sarà ora un attore chiave nell’approvare le ambiziose riforme di sinistra promesse dal presidente eletto durante la campagna.

L’adesione di La U è una vittoria per Petro ma anche per uno dei suoi alleati chiave durante la campagna elettorale, il senatore Roy Barreras, un politico che ora è con il partito del Patto storico di Petro, e che sarà sicuramente eletto presidente del Senato questo mercoledì . Barreras è stato deputato di La U dal 2010 al 2020, è stato anche presidente di quel partito, ha sostenuto la mano forte di Uribe ma anche il processo di pace dell’ex presidente Juan Manuel Santos.

Sebbene Barreras si sia dimesso dalla comunità nel 2020, ora è stato uno dei vescovi politici che si è incontrato con altri partiti per tutta la settimana per garantire le maggioranze a Petro. “Ho ricevuto istruzioni dal presidente per creare maggioranze parlamentari”, ha detto la scorsa settimana.

La strada non sembrava così facile per Petro a marzo, quando si sono svolte le elezioni legislative, due mesi prima di quelle presidenziali. Sebbene a quel tempo il Patto Storico fosse riuscito a eleggere uno dei più grandi seggi della Camera dei Rappresentanti e del Senato, non aveva ancora le maggioranze: 20 senatori e 28 rappresentanti. Ma dopo essere stato eletto presidente a giugno, l’elevata popolarità di Petro ha funzionato a suo favore e lui ei suoi alleati politici hanno tenuto una maratona di incontri con vari partiti per assicurarsi il sostegno di cui hanno bisogno.

Partiti progressisti come Green Alliance si sono dichiarati parte della coalizione di governo, e altri ideologicamente molto simili, come Comunes, il partito delle estinte Farc che ha diritto a 5 seggi in entrambe le camere. Ma la prima grande vittoria è arrivata la scorsa settimana, il 13 luglio, quando il Partito Liberale ha annunciato che sarebbe entrato a far parte della coalizione di governo.

La strada non sembrava così facile per il Presidente a marzo

Petro e il direttore del Partito Liberale, César Gaviria, avevano avuto diversi disaccordi prima delle elezioni presidenziali, e Gaviria finì sempre nell’angolo opposto rispetto al presidente eletto, nonostante alcuni dei suoi deputati avessero già sostenuto il Patto Storico. Con l’arrivo dell’intero caucus liberale, dopo la vittoria presidenziale, il petrismo ottenne altri 14 seggi al Senato e 33 alla Camera dei Rappresentanti.

Rodolfo Hernandez
Rodolfo Hernandez – NanoPress.it

Non erano ancora la maggioranza, ma erano a un millimetro dal raggiungerla. L’ultimo sforzo è poi avvenuto attorno ai tre grandi partiti che non avevano ancora potuto decidere tra essere indipendenti, di governo o di opposizione (secondo la legge colombiana, hanno tempo fino al 7 settembre per dichiararsi in una di queste tre opzioni).

Oltre a La U, c’era il Partito conservatore, con 15 senatori e 27 rappresentanti, dove i militanti e i loro dirigenti si sono divisi sulla questione: si è dimesso il presidente del partito che voleva stare all’opposizione, e il nuovo direttore è stato più vicino all’idea di sostenere il governo in alcuni casi. Non hanno ancora deciso. C’è anche Radical Change (11 senatori, 18 rappresentanti), dove diversi deputati preferirebbero essere all’opposizione, ma il presidente del partito, Germán Vargas Lleras, ha incontrato Petro con la possibilità di raggiungere alcuni accordi.

“Accolgo con favore l’invito al dialogo”, ha scritto Vargas Lleras in una colonna. “Sono sicuro che i partiti e i movimenti politici saranno attenti ad ascoltare le proposte e cercare il consenso necessario”. Ma per ora rimangono tra gli indecisi. L’unico partito che si è apertamente dichiarato all’opposizione, come previsto, è il Centro Democratico, guidato dall’ex presidente Álvaro Uribe, che conta 13 senatori e 16 rappresentanti. Meno di 24 ore prima dell’insediamento del nuovo Congresso, il partito ha pubblicato una dichiarazione con le sue ragioni.

“Ci opporremo alle politiche del governo di tasse elevate che deteriorano il nostro sistema produttivo”, dice a proposito di una riforma fiscale. “Difenderemo il settore agricolo dall’esproprio”, su una possibile riforma agraria, anche se Petro ha promesso più volte che non intende espropriare. Dice anche che proteggeranno l’austerità dello Stato – opponendosi alla creazione di nuove burocrazie – e che controlleranno quelle che considerano “minacce all’istituzionalità della polizia”, ​​dal momento che il presidente eletto ha affermato che questa istituzione deve lasciare la direzione del Ministero della Difesa.

Gli Uribisti, invece, entrano nella nuova legislatura senza il loro leader naturale, l’ex presidente Uribe, senatore nel precedente Congresso fino a quando non ha rassegnato le dimissioni quando è iniziata un’indagine penale a suo carico. Finora il Centro Democratico è stato uno dei gruppi più coesi al Congresso —a differenza del gruppo dei liberali, che ora appoggiano il petrismo—, ma dovrà dimostrare quanto può essere unito senza la presenza di Uribe al Senato.

L’altro che ha lasciato intendere che sarà all’opposizione, anche se ha incontrato anche Petro, è l’ex candidato alla presidenza, Rodolfo Hernández, che è stato sconfitto al secondo turno ma ha diritto a un seggio al Senato per essere il secondo più candidato presidenziale votato. “Il mio impegno sarà di oppormi”, ha scritto sui social network quando ha ricevuto le credenziali del Congresso. Nel primo anno legislativo che inizia oggi, però, l’opposizione entra in minoranza nel nuovo governo. Poche ore dopo l’insediamento del nuovo Congresso, Petro ha raggiunto la coalizione che lavora da mesi.