Argentina: Kirchner accusa la Corte suprema di aver pilotato la sua sentenza

Il presidente Fernández avverte che il sistema giudiziario “ha bisogno di una riforma urgente”, e Cristina Kirchner conferma la sua agenda prioritaria di cambiare i tribunali in Argentina.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

In un video di sette minuti che è stato caricato lunedì sui suoi social network, la vicepresidente ha attaccato duramente la Corte Suprema, che ha accusato di aver “scritto e, a questo punto, anche firmato” una sentenza contro di lei. L’attenzione di Kirchner è concentrata sulla “causa autostradale”, che indaga sulla presunta diversione di fondi dai lavori pubblici, a favore di un uomo d’affari kirchnerista che si trova in carcere per riciclaggio di denaro.

La Kirchner accusa l orte Suprema di aver “scritto e firmato” una sentenza contro di lei

Il numero due del Governo ha esortato i partiti politici a costruire un nuovo tribunale che emuli quello promosso dal marito, l’ex presidente Néstor Kirchner, nel 2003, per porre fine alla cosiddetta “maggioranza automatica” della Corte menemista degli anni ’90. Con l’attuale tribunale, ha detto il vicepresidente, “sarà molto difficile migliorare le condizioni di vita” delle persone.

La guerra tra Kirchnerism e la Corte Suprema non è nuova. Ha avuto inizio durante il governo di Cristina Kirchner, quando ha dichiarato incostituzionale un’ambiziosa riforma giudiziaria. E si è intensificato durante l’amministrazione di Mauricio Macri, periodo in cui i tribunali federali hanno accelerato decine di pratiche contro alti funzionari Kirchner accusati di corruzione. Kirchner è stata coinvolto in una dozzina di cause, fino a quando Alberto Fernández, il suo delfino politico, è salito al potere nel 2019.

Gli stessi giudici che l’hanno indagata hanno archiviato uno per uno i fascicoli; ma la “causa autostradale” è sopravvissuta, dove il vicepresidente è più impegnato. L’accusa considera Kirchner capo di un’associazione illecita incaricata di arricchirsi con denaro proveniente da lavori pubblici. Il 1° agosto un pubblico ministero dovrà esibire le prove che incriminano Kirchner e un uomo d’affari a lui vicino, Lázaro Báez, diventato da un giorno all’altro milionario grazie ai contratti ottenuti per costruire autostrade nella provincia patagonica di Santa Cross.

Se tutto seguirà il suo corso, entro fine anno sarà pronta la sentenza contro Kirchner. Lunedì la vicepresidente ha denunciato che la Corte ha già la firma su quella che, anticipa, sarà una condanna. È stato l’ultimo capitolo di una battaglia che corre parallela ad altre miserie della politica argentina, come quella tra Kirchner e il presidente Fernández. Le dispute di palazzo mettono in crisi il Paese, mentre l’economia crolla. Questo martedì, il prezzo del dollaro nel mercato informale ha raggiunto i 300 pesos, il valore più alto dalla debacle economica del 2001.

L’inflazione, nel frattempo, raggiunge il 64%, con previsioni superiori al 90% per dicembre. Kirchner ha accusato il supremo di essere parte del problema. E per questo ha compiuto un lungo percorso storico che parte da quella che ha definito “una Corte esemplare”, quella del 2003. Quella Corte è stata quella che ha abrogato, ad esempio, le leggi sull’impunità che tutelavano i repressori della dittatura. Ma il rapporto fu presto danneggiato da sentenze che la Casa Rosada riteneva contrarie ai propri interessi.

La debacle, secondo Kirchner, è iniziata nel 2015, quando l’ex presidente Mauricio Macri ha nominato per decreto due capi supremi, Horacio Rosatti e Carlos Rosenkrantz, senza passare per il Congresso, come previsto dalla Costituzione. “Questo episodio è stato, senza dubbio, un punto di svolta nella storia della magistratura argentina e il preludio al processo di persecuzione politica, giudiziaria e mediatica che si è scatenato in tutta la regione con assi molto chiari in Brasile, Argentina ed Ecuador.

In Argentina ora all’agenda giudiziaria si è passati alla sopravvivenza

Mesi dopo, quelle nomine fatte a mano da Macri furono approvate dal Senato. La formazione della Corte è sempre stata nel mirino del governo dell’epoca in Argentina. Mentre quelli di Casa Rosada cercano di controllarla, gli oppositori si vedono vittime.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

Intanto sulla stampa circolava già un presunto progetto di portare da cinque a nove il numero dei giudici in Cassazione, una riforma che avrebbe potuto aprire le porte a una maggioranza legata al partito di governo. Niente di tutto ciò è successo. La legge di Fernández si è arenata al Congresso, dove non aveva la maggioranza, e la Corte è rimasta com’era. I problemi economici e le lotte nella coalizione di governo hanno cambiato le priorità.

Dall’agenda giudiziaria si è passati alla sopravvivenza. Fino a questo martedì, quando Kirchner è tornato all’accusa contro i giudici. Per il vicepresidente, la Corte ha trasformato la Magistratura in un “partito politico di protezione del macrismo” e “persecutore” dei vertici delle altre forze. E ha criticato che i supremi abbiano respinto uno ad uno tutte le risorse che i loro difensori hanno presentato nel “caso Roadway”, l’unico in cui si sta giudicando.

“Ha dato un anticipo per la convinzione che, come ho detto il 1° dicembre 2019 davanti alla Corte orale, l’hanno già scritta e credo, a questo punto, anche firmata”. Ha inoltre criticato la mossa che lo scorso aprile ha consentito alla Corte di recuperare l’originaria composizione del Consiglio della magistratura, organo preposto alla nomina e all’azione penale. Il presidente Fernández ha impiegato quasi 24 ore per commentare il video del suo vicepresidente.

“Ho riflettuto sul messaggio che @CFKArgentina ha diffuso ieri. Ho visto che molti scelgono di criticare i modi per evitare il vero problema che dobbiamo affrontare: il nostro sistema giudiziario è delegittimato e ha urgente bisogno di una riforma profonda e democratica”, ha scritto Fernández su Twitter. “La vicepresidente ha affermato che in un caso in cui è perseguita e in cui il pm non ha ancora formulato la sua accusa, la sua sentenza è già scritta. Tale affermazione mette in crisi l’obiettività del sistema giudiziario e l’idoneità morale dei membri della corte”, ha aggiunto.