Petro e l’equilibrio di disattivare l’antipetrismo senza defraudare le basi

Il presidente eletto della Colombia, Gustavo Petro, sconvolge critici e leali con tono conciliante e alcune prime nomine conservatrici.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Gustavo Petro ha sbalordito i suoi critici nelle sue prime due settimane da presidente eletto. In tono conciliante, ha chiesto la creazione di un grande accordo nazionale attorno al suo governo che abbassi l’alta tensione che ha presieduto la campagna elettorale, e si concentri sull’attuazione del processo di pace che Iván Duque ha boicottato negli ultimi quattro anni.

Le prime due nomine che ha fatto Petro sono chiari segni di moderazione

Le due nomine chiave che ha fatto finora sono chiari segni di moderazione e la cordialità con cui ha trattato Álvaro Uribe, il suo nemico storico, e Rodolfo Hernández, il candidato che stava per strappargli la vittoria, hanno per il momento creato un clima di comprensione dopo tanta rabbia. I suoi seguaci, però, si chiedono se con quel tema termale riuscirà a realizzare le riforme di cui il Paese ha bisogno. 

Petro è convinto che questi cambiamenti strutturali debbano essere fatti nel suo primo anno o non verranno mai fatti. Per attuare la riforma fiscale che lo aiuterà a riequilibrare le malandate finanze statali, si è affidato a José Antonio Ocampo, professore nelle più prestigiose università del mondo. La nomina ha avuto un riscontro favorevole da parte di tutti i settori. Ocampo concorda con Petro sulla necessità di cercare alternative all’economia estrattivista che ha presieduto l’America Latina negli ultimi secoli.

Il ministro diffida della capacità di autoregolamentazione del mercato, pur continuando a parteciparvi attivamente. Con un tratto di penna, il presidente ha scacciato tutti i timori di chi credeva che avrebbe guidato una leadership protezionista e interventista dell’economia. Fuori, Petro ha scelto un conservatore con il quale è d’accordo su una cosa fondamentale: sedersi a negoziare è il modo per porre fine alle violenze in Colombia.

Álvaro Leyva, 79 anni, è stato un mediatore in tutti i colloqui di pace che si sono svolti finora nel paese. Entrambi credono anche che le élite fraintendano la Colombia credendo che tutto ruoti attorno a una classe bianca che ha ignorato le regioni e l’afro-colombiana. Nonostante riesca a gestire quel discorso, Leyva ha una grande accettazione tra la destra. A loro sarà compito di negoziare con l’ELN, l’ultima guerriglia attiva nel Paese.

Il loro disarmo non avrebbe la stessa dimensione del negoziato con le FARC, ma sarebbe simbolico nel Paese in cui, insieme a Cuba e Nicaragua, le rivolte marxiste degli armamenti del secolo scorso hanno avuto la maggiore incidenza.Tutti questi segnali sono stati ben accolti da coloro che avevano demonizzato il leader della sinistra. Le ultime due settimane della sua campagna si sono concentrate sull’abbassare i decibel della tensione politica intorno a lui e mostrare a molti colombiani che la sua elezione non è stata un salto nel buio.

Il neo eletto si sta sforzando di mostrare un’immagine presidenziale

Si è sforzato di mostrare un’immagine presidenziale, cosa che non gli è difficile perché ha una grande idea di sé e vuole confrontarsi con i presidenti storici della nazione. Pochi politici hanno una carriera così lunga come la sua nelle istituzioni locali, ma intorno a lui, in parte per i messaggi virulenti dei suoi oppositori e in parte per alcuni suoi movimenti goffi, un’aura di sinistra pericolosa che voleva seguire la strada venezuelana.

Álvaro Uribe
Álvaro Uribe – NanoPress.it

In realtà, il suo programma e le sue promesse erano quelle di un progressista abbastanza convenzionale, persino conservatore per certi aspetti. Il suo primo appuntamento con uno spiccato carattere di sinistra è quello della drammaturga Patricia Ariza, che sarà ministro della Cultura. È un’artista femminista che lavora da anni con comunità emarginate, vicine ai movimenti di artisti indipendenti, e che è stata una delle pioniere di quello che è stato chiamato il Nuovo Teatro in Colombia. Ariza ha 76 anni, sette anni più di Ocampo.

Petro, che ha 62 anni, affida il suo governo a persone più grandi di lui.Niente di quello che è successo finora è frutto del caso. Petro e i suoi consiglieri, che si sono trovati con più difficoltà del previsto per vincere le elezioni, avevano segnato la road map fino a qui. Chiamare Uribe non è stato un impulso. Sapevano che avviare un dialogo con lui avrebbe calmato molte paure, soprattutto tra i militari.

Uribe rimane la figura più rispettata tra i generali. A sua volta, il presidente del Centro Democratico, intrappolato in un processo giudiziario per l’acquisto di testimoni che altera il suo pensionamento, ha bisogno di Petro. L’immagine dei due seduti allo stesso tavolo, con un crocifisso alle spalle, dopo decenni di disaccordi, è stata molto potente per un Paese bisognoso di riconciliazione. Tuttavia, alcuni settori del petrismo non amavano l’immagine. Per loro Uribe rappresenta tutti i mali del Paese.

Temono che il desiderio di compiacere la Colombia che non lo ha votato gli impedisca di attuare le politiche che ha promesso in campagna, con la quale, con una certa magniloquenza, assicura di voler trasformare il Paese. “Chi lo dice non conosce Petro”, dice uno dei suoi consiglieri, il quale afferma che inizierà questo compito dal momento in cui verrà indossata la fascia presidenziale. Così ha fatto Juan Manuel Santos, che dal primo minuto ha annunciato un dialogo con le FARC. E con quella stessa energia Petro vuole iniziare, anche se senza clamore. È stato venduto come il cambiamento silenzioso e spera di continuare su quella strada.