Patricia Scotland rieletta capo del Commonwealth ‘contro’ Johnson

Boris Johnson non è riuscito a estromettere un laburista dalla carica di leader del Commonwealth Patricia Scotland, dopo che è sopravvissuta per un soffio alla sfida che le aveva lanciato il ministro degli Esteri giamaicano.

Patricia Scotland
Patricia Scotland – NanoPress.it

La baronessa Patricia Scotland, ministro sotto Tony Blair e procuratore generale sotto Gordon Brown, rimarrà segretario generale dopo aver raccolto la maggioranza dei voti, durante una lunga sessione che si è tenuta a porte chiuse.

Ha avuto tre voti in più di Kamina Johnson Smith, che si ritiene abbia ottenuto il sostegno di 24 leader. Il risultato è tradizionalmente presentato come una decisione unanime dei 54 Stati membri. Johnson ha chiesto che la Scotland, 66 anni, se ne andasse dopo un mandato, con l’accusa di non aver fornito un punto focale per l’organizzazione ed essere un leader inefficace e divisivo.

Gran Bretagna, Australia, Nuova Zelanda e Canada hanno deciso nel 2020 di tagliare temporaneamente il sostegno al Segretariato del Commonwealth, dopo le accuse di clientelismo contro di lei.

La Scotland è stata danneggiata questa settimana quando è stata accusata dal consiglio di governo di aver nascosto un rapporto sul finanziamento in un “affronto” alla sua autorità. Allies of Scotland, che è di origine dominicana, ha accusato la n. 10 di vendicarsi contro di lei perché si è rifiutata di “fare gli ordini del Regno Unito”.

Boris Johnson battuto

Johnson Smith, che è stata ministro degli Esteri della Giamaica per sei anni, è stata costretta a negare le notizie secondo cui sarebbe stata una tirapiedi di Westminster. Ha ringraziato i paesi che l’hanno votata e ha offerto “sincere congratulazioni” alla Scozia.

boris johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

La dottoressa Sue Onslow, dell’Institute of Commonwealth Studies, aveva avvertito che l’energico sostegno della Gran Bretagna a Johnson Smith avrebbe potuto ritorcersi contro di lei. “I paesi del Commonwealth sono molto sensibili a qualsiasi apparenza che la Gran Bretagna stia cercando di svolgere un ruolo troppo dominante, a causa della storica relazione coloniale”, ha detto al Times.

Ha detto che la vittoria della Scozia ha segnato “un respingimento di successo da parte di un politico esperto contro i suoi detrattori”. Si ritiene che gran parte del sostegno alla Scozia provenga dall’Africa, che ha 19 stati del Commonwealth, ed è stato promesso un segretario generale del continente, quando la Scotland si dimetterà nel 2024.

La segretaria dovrà affrontare un compito in salita per ripristinare la fiducia nella sua leadership e correggere il corso del Commonwealth mentre deve affrontare dure domande sulla sua rilevanza e scopo. È entrata in carica nel 2016 ma il suo mandato di quattro anni è stato prorogato perché la riunione dei capi di governo non ha potuto aver luogo durante la pandemia.