Parma capitale della cultura tra passato, presente e futuro

Il testimone passa da Matera a Parma, la città emiliana ha in programma oltre 400 eventi per celebrare il patrimonio culturale del nostro Paese. Scopriamo qualcosa in più sui luoghi da visitare.

Continua a leggere

Parma capitale della cultura italiana

Foto Shutterstock | RossHelen

Con una inaugurazione durata tre giorni, in cui la città è diventata un vero e proprio palcoscenico di un meraviglioso viaggio attraverso storia e cultura, Parma dà ufficialmente inizio ai più di 400 eventi che la vedranno protagonista nel 2020 come capitale della cultura italiana.

La cultura batte il tempo, questo lo slogan del percorso di candidatura e Parma, città in cui stili e anime culturali si intrecciano, batte davvero il tempo.
Tanti sono i luoghi che parlano da lontano e raccontano la storia di una città che si proietta verso il futuro conservando e preservando la memoria, a cominciare dalla romanica Piazza del Duomo, su cui si affacciano la Cattedrale, con la sua cupola affrescata dal Correggio, e il Battistero in marmo rosa di Verona. Da visitare il complesso monumentale della Pillotta che riunisce il Teatro Farnese, ricostruito dopo i bombardamenti subiti nella seconda guerra mondiale, la Galleria Nazionale, con le opere di Correggio, Leonardo e del Parmigianino, il Museo Archeologico, la Biblioteca Palatina e il Museo Bodoniano. Ricordiamo poi che a soli 16 km dalla città sorge la reggia di Colorno, la “Versailles dei Duchi di Parma” che oggi ospita anche ALMA, la scuola di cucina di Gualtiero Marchesi. Un luogo curioso e affascinante da visitare, che sintetizza la bellezza di Parma come capitale della cultura, è sicuramente il Labirinto della Masone del collezionista Franco Maria Ricci che, con i suoi 3 km di percorso, è il più grande labirinto al mondo.

Continua a leggere

Continua a leggere

Parma capitale 2020: fra cultura e storia

Per gli amanti della musica ricordiamo la casa-museo Arturo Toscanini, che celebra il grande compositore nato proprio in questo edificio il 25 marzo 1867, e il Teatro Regio, uno dei teatri più importanti dell’operistica italiana, la cui costruzione è stata voluta dalla duchessa Maria Luigia negli anni ’20 dell’Ottocento. Tra gli eventi in programma per questo anno all’insegna del rapporto tra tempo e cultura segnaliamo la mostra inaugurata nei giorni scorsi Time machine. Vedere e sperimentare il tempo, come la percezione del tempo sia cambiata negli ultimi 125 anni attraverso il cinema e i media in grado di manipolare il tempo. Anche la sostenibilità trova spazio a Parma 2020 con il percorso interattivo multimediale Noi, il Cibo, il nostro Pianeta: alimentiamo un futuro sostenibile. Infine, per chi volesse ripercorrere una parte della storia della città attraverso le prime pagine della “Gazzetta di Parma” segnaliamo l’allestimento a palazzo Pigorini di Parma è la Gazzetta. Cronaca, cultura, spettacoli e sport: 285 anni storia, la storia del più antico quotidiano d’Italia.

Parole di Francesca Turchi

Da non perdere