Oscar 2021, i 25 film candidati a rappresentare l’Italia

Il 24 novembre la commissione ANICA si riunirà per la scelta finale in vista delle premiazioni dell’Academy del 25 aprile 2021. La lista dei film italiani eleggibili si compone di 25 titoli: ecco quali

Academy Awards statuette Oscar

Getty Images | Andrew H. Walker

I 93esimi Academy Awards sono alle porte: il 24 novembre la commissione di selezione riunita presso l’Associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisive e multimediali (ANICA), che si occupa di rappresentare le industrie italiane del campo cinematografico, designerà il film che andrà a rappresentare l’Italia nella categoria International Feature Film Award agli Oscar 2021.

I titoli in lista sono ben 25, distribuiti in Italia o in previsione di essere distribuiti nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2019 e il 31 dicembre 2020. L’annuncio ufficiale per le nomination è previsto per il 15 marzo 2021 e la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles il 25 aprile 2021.

Nel frattempo, l’Academy ha comunicato le nuove regole d’ingaggio: a causa della pandemia di Covid-19, che ha drasticamente ridotto l’afflusso alle sale cinematografiche, le pellicole eleggibili non saranno solo quelle riprodotte sul grande schermo, ma anche quelle che sono state diffuse in streaming attraverso le diverse piattaforme VOD.

I film che potrebbero rappresentare l’Italia agli Oscar 2021

  • 18 regali di Francesco Amato

La mamma trentacinquenne interpretata da Vittoria Puccini scompare prematuramente a causa di un male incurabile, lasciando per la figlia Anna (Benedetta Porcaroli) appena nata una lista di 18 regali nella speranza di poterle stare accanto fino alla sua maggiore età.

  • Aspromonte la terra degli ultimi di Mimmo Calopresti

Un western atipico ambientato nella Calabria degli anni Cinquanta. Con Marcello Fonte, Sergio Rubini e Valeria Bruni Tedeschi, premiata come miglior attrice ai Golden Globes.

  • Bar Giuseppe di Giulio Base

Alla morte della moglie, Giuseppe assume Bikira (termine che in swahili significa “vergine”) per la gestione del suo bar. Tra la diciottenne da poco sbarcata in Italia e l’uomo sboccia l’amore, nonostante la differenza d’età, e quando i due decidono di sposarsi scoppia lo scandalo nel paese di provincia.

  • La dea fortuna di Ferzan Ozpetek

Già candidato ai David di Donatello 2020, il film vanta la presenza di tre grandi nomi del cinema italiano come protagonisti principali, ovvero Edoardo Leo nel ruolo di Alessandro Marchetti, Stefano Accorsi in quello di Arturo e Jasmine Trincanei panni di Annamaria Muscarà.

  • Il delitto Mattarella di Aurelio Grimaldi

La pellicola è un tributo cinematografico alla memoria del fratello del Capo dello Stato Sergio Mattarella, il cui cast e la troupe sono interamente siciliani

  • Favolacce di Damiano e Fabio D’Innocenzo

Scritto quando i registi avevano 19 anni leggendo Carver, Updike Cheever, David Foster Wallace, Paul Auster, eppure il film sembra scritto oggi. Ancora attuale: i riferimenti alla convivenza forzata, una condizione comune a tutti in questo momento condizionato dall’emergenza Coronavirus.

  • L’incredibile storia dell’Isola delle rose di Sydney Sibilia

Film originale Netflix scritto da Sydney Sibilla con Francesca Miniero. È tratto dalla storia vera di Giorgio Rosa con Elio Germano nel ruolo di Rosa, con lui Matilde De Angelis, Fabrizio Bentivoglio e Francois Cluzet.

  • Lontano lontano di Gianni Di Gregorio

Attilio, Giorgetto e il Professore, sono tre anziani molto diversi tra loro ma dal destino molto simile. Alla vigilia della pensione e poco stimolati dalla vita quotidiana, i tre decidono di lasciare Roma per intraprendere un viaggio avventuroso.

  • Non odiare di Mauro Mancini

Alessandro Gassman è Simone, chirurgo di origine ebraica triestino che decide di non prestare soccorso ad un uomo per strada con una svastica tatuata sul petto

  • Notturno di Gianfranco Rosi

Fillm documentario presentato alla 77esima edizione del Festival del Cinema di Venezia, racconta la vita quotidiana di alcuni personaggi sopravvissuti alla guerra tra Iraq, Kurdistan, Siria e Libano.

  • Padrenostro di Claudio Noce

Dopo l’attentato terroristico ai danni del padre, cui Valerio e sua madre assistono impotenti, il ragazzo fa amicizia con Christian, suo coetaneo enigmatico.

  • Picciridda con i piedi nella sabbia di Paolo Licata

Il regista siciliano ha adattato il romanzo omonimo di Catena Fiorello, ambientato a Favignana alla fine degli anni Settanta. Qui Lucia, dieci anni, assiste alla partenza della famiglia: mamma, papà e il fratellino si sono trasferiti in Francia in cerca di quel lavoro che nell’isola manca.

  • Pinocchio di Matteo Garrone

La pellicola è basata sul romanzo per ragazzi Le avventure di Pinocchio, con Roberto Benigni nel ruolo di Geppetto.

  • I predatori di Pietro Castellitto

Presentato in concorso alla 77ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nella sezione Orizzonti, è il primo lungometraggio di Castellitto in veste di regista e sceneggiatore.

  • Le sorelle Mancuso di Emma Dante

Nate in un appartamento all’ultimo piano di una palazzina nella periferia di Palermo, Maria, Pinuccia, Lia, Katia e Antonella sono senza genitori. Dante le immortala dall’infanzia, all’età adulta fino alla vecchiaia.

  • Spaccapietre di Gianluca e Massimiliano De Serio

La vicenda umana di un padre e un figlio, sullo sfondo gli abissi del caporalato e dello sfruttamento.

  • Sul più bello di Alice Filippi

Fiaba contemporanea in stile pop dove Marta, afflitta da una malattia che non le permette di invecchiare, sceglie di affrontare la vita e di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno.

  • The Shift di Alessandro Tonda

Narra la folle corsa per il traffico di Bruxelles di un’ambulanza con a bordo un giovanissimo attentatore che non ha ancora avuto il coraggio di premere il bottone della cinta esplosiva che ha addosso.

  • Tornare di Cristina Comencini

Alice torna dagli Stati Uniti alla casa dove ha trascorso l’infanzia per il funerale del padre. A poco a poco, i ricordi riaffiorano e per la donna inizia un percorso a ritroso che la porta a scoprire chi è e perché è andata vivere tanto lontano.

  • Trash di Francesco Dafano e Luca Della Grotta

Film d’animazione in cui i rifiuti abbandonati in strada, nei mercati, sotto i ponti riprendono vita al calare della notte. 

  • Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores

A Triste, Vincent, un ragazzo affetto da autismo, ritrova il padre naturale, musicista itinerante e parte insieme a lui per un emozionante viaggio attraverso i Balcani.

  • L’uomo del labirinto di Donato Carrisi

Una donna riesce a fuggire dall’uomo che, travestito da coniglio, quindici anni prima l’aveva rapita. Un medico e un investigatore privato si mettono sulle tracce del misterioso criminale. Tratto dall’omonimo libro.

  • La verità su La dolce vita di Giuseppe Pedersoli

Documentario tratto dall’archivio, con testimonianze di protagonisti e ricostruzioni della travagliata produzione del film italiano più famoso nel mondo, La Dolce Vita di Fellini. La pellicola di Pedersoli si sofferma sul produttore Giuseppe Amato.

  • La vita davanti a sé di Edoardo Ponti

Prodotto per Netflix con Sophia Loren, appena sbarcato sulla piattaforma di streaming, è l’adattamento cinematografico del romanzo omonimo del 1975 scritto da Romain Gary, già portato sul grande schermo nel 1977.

  • Volevo nascondermi di Giorgio Diritti

Con Elio Germano nel ruolo di protagonista, il film ripercorre la vita del pittore e scultore italiano Antonio Ligabue. Per la sua interpretazione, Germano ha vinto l’Orso d’argento per il miglior attore al Festival di Berlino 2020.

Parole di Alanews

Da non perdere