Orbán concorda con Bruxelles le misure anticorruzione

Orbán ha accettato di ricevere ogni due mesi gli “uomini in nero” da Bruxelles, che controlleranno che Budapest rispetti le regole.

Viktor Orban
Viktor Orban – NanoPress.it

La situazione dei conti pubblici ungheresi è il grande tallone d’Achille del governo di Viktor Orbán. Dopo anni di braccio di ferro con Bruxelles a causa dei maltrattamenti allo stato di diritto dell’Esecutivo ultraconservatore di Fidesz, l’economia ha costretto il politico veterano a concordare con la Commissione Europea l’attuazione di un pacchetto di misure contro la corruzione per non perdere la benzina con cui sostiene la sua Amministrazione, basata sul patronato.

La situazione dei conti pubblici ungheresi è il grande tallone d’Achille del governo di Viktor Orbán

La Commissione europea ha proposto la sospensione di 7.500 milioni di euro dei fondi di coesione dell’UE per l’Ungheria per aver promosso la “corruzione sistematica” nella gestione del denaro del bilancio comunitario. La decisione, però, è arrivata accompagnata da un accordo precotto con Budapest.

Per evitare il taglio dei fondi, l’Ungheria si impegna, ad esempio, a ricevere ogni due mesi gli uomini in nero di Bruxelles sulla corruzione, che controlleranno non solo che il Paese si conformi, ma mettono anche la corruzione sotto gli occhi dell’opinione pubblica. “L’Ungheria è pienamente impegnata nell’attuazione delle misure in atto per proteggere e migliorare la lotta alla corruzione nel bilancio europeo”, ha affermato il ministro della Giustizia ungherese, Judit Varga, all’arrivo a una riunione del Consiglio dell’UE. Varga, uno dei più stretti alleati di Orbán, ha chiesto agli altri Paesi dell’Unione di essere “tolleranti, positivi e costruttivi” con il suo Paese.

È un brutto momento per perdere fondi europei per Orbán, che per anni ha dominato sul filo del rasoio per sfuggire alle punture di Bruxelles a causa della sua deriva autoritaria e che potrebbe ancora tirare una carta nella manica. Per quest’anno Budapest ha proposto di ridurre il deficit al 4,9%. L’obiettivo è, secondo Goldman Sachs, “fattibile” perché, per ora, l’economia sta crescendo a un buon ritmo.

Ma questo orizzonte ha molte possibilità di cambiamento nel breve termine. “C’è un pronunciato rallentamento della crescita e un’opzione molto forte che ci sarà una recessione a breve termine”, abbonda la banca d’affari statunitense. Oltre al disavanzo, altri elementi come il saldo delle partite correnti, l’inflazione, che sfiora il 20%, oi tassi di interesse portano l’Ungheria ad aver bisogno di fondi europei.

Nel precedente ciclo di bilancio dell’UE (2014-2020), la manna arrivata da Bruxelles rappresentava una cifra pari al 4% del PIL ungherese (una cifra vicina ai 7.000 milioni se si prende come riferimento il PIL del 2020). Con questi soldi, l’Esecutivo di Orbán ha elaborato buona parte della sua politica economica e ha stabilito la crescita di quegli anni, che in diversi anni ha superato il 4% del PIL.

Un rapporto di Bruxelles definisce l’Ungheria come un problema “sistemico” in aumento

Ora queste risorse potrebbero essere anche maggiori se Budapest finalmente si adeguasse alle richieste di Bruxelles, sia in termini di meccanismo di condizionalità che di recovery fund creato per risolvere le devastazioni della pandemia, per cui l’Ungheria corrisponde a circa 6.000 milioni di euro di sovvenzioni. “Una possibile diminuzione dei trasferimenti dall’Ue al Governo – se prolungata – aumenterebbe le già grandi pressioni di bilancio subite dal governo ungherese”, sottolinea la società di consulenza economica globale Morningstar.

Proteste Ungheria
Proteste di piazza contro Orban in Ungheria – Nanopress.it

Gli analisti di entrambe le società concludono che nell’immediato futuro Orbán non avrà altra scelta che applicare le misure correttive richieste da Bruxelles per rimediare ai suoi attacchi allo stato di diritto dovuti alle “alte pressioni fiscali”. Ciò significherebbe che Budapest dovrebbe già approvare le riforme concordate con Bruxelles durante i negoziati di questa estate, che si sono conclusi con la proposta di congelare 7,5 miliardi di euro.

Allo stesso modo, la negoziazione del piano di ripresa, in stallo dal dicembre dello scorso anno, quando l’Ungheria ha inviato la sua proposta, dovrebbe essere sbloccata una volta per tutte. Per dargli il via libera, la Commissione chiede ancora una volta riforme anticorruzione e rafforzamento dello stato di diritto, cosa a cui Orbán resiste.

Ma il tempo stringe, perché l’Esecutivo comunitario interpreta che se il piano non è stato approvato prima del 31 dicembre perde la possibilità di ricevere il 70% dell’importo totale. L’Ungheria e la sua deriva autoritaria sono da anni un grattacapo per Bruxelles. I continui attacchi di Budapest ai diritti delle persone LGBT e gli attacchi ai media indipendenti sono in aumento. Anche la corruzione, su cui ha puntato la Commissione Europea.

Un rapporto di Bruxelles definisce l’Ungheria come un problema “sistemico” in aumento e sottolinea che il governo Orbán ha avuto una “riluttanza” a evitare casi di clientelismo negli appalti pubblici e conflitti di interesse. Questa relazione, che la Commissione ha inviato anche a Budapest, assicura che la probabilità che le imprese “politicamente legate” al governo ottengano un appalto pubblico sia compresa tra 2,5 e tre volte maggiore rispetto alle imprese prive di tale legame, secondo lo studio delle gare per il periodo 2005-2021.