Orban blocca le sanzioni dell’UE contro il patriarca russo Kirill

A causa della resistenza dell’Ungheria, l’UE ha inizialmente deciso di non imporre sanzioni al leader della Chiesa ortodossa russa, il patriarca Kirill.  

Papa Francesco con Kirill
Papa Francesco con Kirill – NanoPress.it

Kirill ‘salvato’ da Orban

Il sesto pacchetto di sanzioni dell’UE, che include anche un ampio embargo petrolifero, è stato approvato dai rappresentanti dei 27 Stati dell’UE, senza le misure punitive effettivamente previste contro il patriarca Kirill. Poiché era necessaria una decisione unanime, gli altri 26 paesi non potevano prevalere sull’Ungheria.

Poco prima del voto, l’Ungheria aveva affermato che gli accordi su ulteriori sanzioni contro la Russia firmati al vertice speciale dell’UE sulla guerra in Ucraina, all’inizio della settimana, sarebbero stati rispettati.

Il piano dell’Ue era infatti quello di approvare mercoledì i testi legali per le misure punitive, il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra in Ucraina, alla fine di febbraio. Martedì sera, dopo settimane di discussioni, è stato raggiunto un accordo in un vertice sulla disputa sul previsto embargo petrolifero.

L’Ungheria ha bloccato a lungo questo nuovo pacchetto di sanzioni, ed è riuscita a ottenere le consegne di petrolio tramite oleodotto, inizialmente esentate dal divieto di importazione. Secondo i diplomatici della Ue, l’Ungheria ha poi sorprendentemente chiesto ulteriori cambiamenti mercoledì e, in particolare, ha chiesto l’abbandono delle previste misure punitive contro il leader della Chiesa ortodossa russa.

A Kyrill sarebbe stato vietato l’ingresso nei Paesi dell’Ue, e congelati i suoi beni a causa del suo sostegno alla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Kyrill è uno stretto confidente del presidente russo Vladimir Putin.

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán, che a sua volta ha buoni contatti con Putin, ha detto alla radio ungherese all’inizio di maggio che il suo governo “non avrebbe permesso che i membri di spicco della chiesa fossero inseriti in un elenco di sanzioni”.

Orban con la Ue ma vicino alla Russia

Tuttavia, l’Ungheria non ha voluto accettare le sanzioni, che includono un divieto d’ingresso nell’UE e blocchi finanziari. Il primo ministro Viktor Orban ha recentemente giustificato la sua posizione “con la questione della libertà di credo delle comunità religiose ungheresi”.

Orban
Orban – NanoPress.it

Questo è “sacro e inalienabile”. Somiglianze ideologiche come motivo? Gli osservatori di Budapest, d’altra parte, vedono l’impegno di Orban nei confronti del patriarca di Mosca principalmente come risultato di somiglianze ideologiche.

“Quasi tutto ciò che Orban ha fatto in termini di esercizio del potere in Ungheria porta il marchio ‘Made in Russia’”, afferma lo storico di Budapest Krisztian Ungvary. Come Putin, Orban ha abolito l’autonomia universitaria, lanciato una campagna contro i diritti dei gay e dei transgender, eliminato i media indipendenti e messo sotto pressione le organizzazioni civili critiche.

A Bruxelles si segnala inoltre che in Ungheria ci sono solo poche migliaia di credenti ortodossi. E solo una parte di loro appartiene alla comunità ortodossa che è impegnata nel Patriarcato di Mosca. L’altra parte appartiene canonicamente alla metropoli di Vienna, che a sua volta è subordinata al patriarcato ecumenico di Costantinopoli (Istanbul). Allo stesso tempo, però, negli ultimi anni Orban ha dato molti soldi agli ortodossi di “Mosca”.

La chiesa ortodossa di Nostra Signora nel centro di Budapest è stata rinnovata a caro prezzo. Orban aveva persino destinato un milione di euro per costruire la propria chiesa ortodossa nella città termale di Heviz, nel sud-ovest dell’Ungheria. Fino alla guerra in Ucraina, Heviz era una popolare meta di vacanza per i russi benestanti. È stato anche insolito che Kyrill si sia congratulato calorosamente con il capo del governo di un paese dell’UE non ortodosso per la sua rielezione il mese scorso.

“Sei uno dei pochi politici europei che, durante il loro lavoro, compiono notevoli sforzi per preservare i valori cristiani e rafforzare le norme della moralità pubblica e l’istituzione della famiglia tradizionale”, ha scritto Kirill a Orban. L’ungherese mantiene un rapporto di gran lunga migliore con il patriarca di Mosca che con papa Francesco a Roma.

A febbraio ha affermato nel suo discorso annuale sullo stato dell’Unione: “L’Europa cristiana è in grande difficoltà a causa delle proprie debolezze interne e dei colpi esterni. Sembra che il cristianesimo latino (occidentale) in Europa non possa più reggersi con le proprie gambe. Senza un’alleanza con l’Ortodossia, con il cristianesimo orientale, difficilmente sopravviveremo ai prossimi decenni”.