Buffalo, Uvalde e ora Tulsa: una nuova sparatoria sconvolge gli Stati Uniti

Almeno quattro persone sono morte dopo un altro episodio di violenza armata, questa volta in un ospedale di Tulsa, in Oklahoma.

Ragazza traumatizzata Ospedale di Tulsa
Ragazza traumatizzata Ospedale di Tulsa – NanoPress.it

Dopo Tulsa, a quale città toccherà?

Un nuovo episodio di violenza armata negli Stati Uniti ha lasciato il bilancio di 4 vittime, due medici, un paziente e una receptionist, oltre a un’altra dozzina di feriti in un ospedale di Tulsa, nello stato dell’Oklahoma.

Con quest’ultimo assasinio sono già 233 le sparatorie di massa che si sono verificate negli Usa finora quest’anno, raggiungendo un nuovo record in negativo. Ospedali, scuole o supermercati, qualsiasi luogo pubblico e affollato della vita quotidiana degli americani, è diventato un possibile bersaglio di attacchi da parte di assalitori pesantemente armati con un obiettivo: sparare alle loro vittime.

Nelle ultime tre settimane, tre massacri hanno sconvolto il Paese, lasciando dietro di sé la tragica morte di 35 persone e decine di ferite da arma da fuoco. Un supermercato a Buffalo (New York), una scuola a Uvalde (Texas) e ora un ospedale a Tulsa (Oklahoma).”È molto triste”, si lamenta una residente di Tusla mentre esce dal Saint Francis Hospital.

“Sono stato dal dottore e ho avuto paura. Non è più sicuro uscire per strada», aggiunge preoccupato uno dei testimoni presenti all’eccidio. “È la stessa cosa che vediamo in televisione e non avremmo mai immaginato che potesse succedere davanti ai nostri occhi”, spiega la nuora, al volante.

“Questo può davvero succedere ovunque. Non si può più andare a scuola, né al supermercato… è molto spaventoso”, aggiunge prima di lasciare la struttura medica in sicurezza e con i suoi bambini piccoli sul sedile posteriore.

L’identità dell’aggressore è emersa 18 ore dopo la tragedia: Michael Louis, un uomo di colore di 45 anni entrato in ospedale alla ricerca del dottor Phillips, un medico dello stesso ospedale che lo aveva operato pochi giorni fa.

Il tiratore è entrato portando tra le mani un fucile semiautomatico che aveva comprato lo stesso giorno in un negozio locale, un fucile AR-15 con il quale ha ucciso le sue vittime e ferito diverse persone, oltre a una pistola con cui avrebbe finito togliersi la vita.

400 milioni di armi negli Usa, 120 ad americano

“Aveva una pistola lunga e una pistola sulla scena al momento” della sparatoria, ha confermato il dipartimento di polizia di Tulsa, spiegando che “l’attacco non è stato casuale”. Louis aveva telefonato al suo medico il giorno prima ed era venuto a lamentarsi di mal di schiena. Le autorità hanno indicato una questione personale come motivo del massacro, come confermato dalla lettera manoscritta che l’aggressore ha lasciato prima di suicidarsi.

Ospedale di Tulsa
Ospedale di Tulsa – NanoPress.it

“La lettera dell’aggressore ha chiarito le sue intenzioni di uccidere il dottor Phillips a causa dello stato di dolore in cui si trovava dopo l’intervento chirurgico che aveva ricevuto, così come chiunque si trovasse sulla sua strada”, ha detto il capo della polizia di Tulsa Wendell Franklin.

La Polizia si è recata sul posto quattro minuti dopo la prima chiamata di emergenza, impedendo così che la catastrofe fosse ancora più grave. Le testimonianze degli eventi descrivono la scena come caotica e traumatica per centinaia di persone che si trovavano all’interno delle strutture ospedaliere al momento della tragedia, operatori ospedalieri o pazienti che aspettavano visite mediche.

Due delle vittime erano medici, gli altri due un receptionist e un paziente.Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo con più armi da fuoco che persone. Si stima che nel Paese circolano 400 milioni di armi, ovvero la cifra corrispondente a 120 armi per ogni americano. Le conseguenze del loro uso ingiustificato, specie con fucili d’assalto o semiautomatici come quelli usati nelle recenti stragi, sono sempre più gravi e mortali.

Cresce drasticamente il numero medio di decessi per arma da fuoco negli Stati Uniti, dove i dati più recenti registrati hanno raggiunto una media di 42.222 decessi all’anno per impatto dei proiettili ed è diventata la prima causa di morte nei bambini di età inferiore ai 14 anni.

Dopo la strage della scuola di Uvalde, in cui sono morte 21 persone, di cui 19 minorenni, in una sola settimana ci sono già state altre 20 sparatorie di massa. Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato martedì che la sua amministrazione adotterà misure per controllare la vendita e l’uso delle armi.

Biden ha annunciato che presto incontrerà i membri del Congresso per discutere possibili soluzioni bipartisan all’epidemia dell’uso letale delle armi negli Stati Uniti, ma la battaglia politica tra democratici e repubblicani sulla questione, a pochi mesi dalla elezioni legislative, renderanno l’opposizione non agevolare il percorso in quella direzione.